Qual è la differenza tra una gazzella e un’antilope?

antilope 135042

La differenza fondamentale tra gazzelle e antilopi è che tutte le gazzelle sono antilopi mentre non tutte le antilopi sono gazzelle. Al di là di questi raggruppamenti, vi diamo elementi per orientarvi in ​​denominazioni che rimangono molto confuse.

Qual è la differenza tra una gazzella e un'antilope?

Antilopi

Le antilopi si riferiscono a un gruppo di animali che sono tutti mammiferi ruminanti e si trovano in diversi luoghi del pianeta: Africa, Asia o Nord America.

Il termine si riferisce spesso agli animali della sottofamiglia Antilopine, tra cui antilopi, gazzelle, orebis, procapras. Ma il linguaggio comune può designare come “antilopi” animali di sottofamiglie vicine come impala, gnu, orici e persino alcuni bovini.

Nel senso più ampio del termine “antilope”, il più piccolo è il Dik Dik, da 35 a 40 cm e un peso da 3 a 5 kg, e il più grande è il Cape eland (e non eland!) il cui peso può raggiungere gli 800 kg . Con il suo collo massiccio, la sua sagoma ricorda quella di una mucca, e questo è abbastanza logico poiché appartiene a quelle specie di bovini assimilati alle antilopi.

Lo springbok, chiamato anche gazzella con tasca dorsale, è probabilmente la più veloce delle antilopi, capace di raggiungere velocità paragonabili a quelle del ghepardo. Entrambi gli animali possono superare i 110 km/h alla massima velocità, raggiungere in media 90 km/h e 50 km/h su lunghe distanze. Basti dire che la gara è serrata. Ma se le antilopi vengono catturate, possono combattere fino alla fine e riuscire a salvarsi la vita grazie a colpi di corno ben piazzati sui fianchi dei loro aggressori.

Continua a leggere:  Il caracal o lince del deserto, un felino africano poco conosciuto

Gazzella

Le gazzelle

Il termine “gazzella” deriva da una parola persiana dai suoni molto simili, che significa “elegante e agile”. Le loro gambe e il collo sono lunghi e sottili, la testa ha corna allungate, solitamente anellate. Sin dai tempi antichi, la gazzella è stata un animale il cui simbolismo è strettamente legato all’amore.

Le gazzelle sono divise in 17 specie. I più noti sono la gazzella di Grant, la gazzella di Thompson e la gazzella Dorcas. Quest’ultimo è il più piccolo e vive nel Sahara. Al contrario, la gazzella Dama è la più grande specie di gazzella africana, ma è diventata, ahimè, rara.

La gazzella di Grant è rappresentativa delle gazzelle africane. Si trova nella parte orientale del continente, ma frequenta anche zone semidesertiche e montuose, fino a 2.500 m di altitudine. Può convivere con la gazzella di Thompson, senza mai ibridarsi con essa.

I maschi sono più grandi delle femmine: i primi misurano tra gli 86 ei 97 cm al garrese, e pesano tra i 40 e gli 80 kg, mentre i secondi misurano 10 cm in meno al garrese, per un peso non superiore ai 50 kg. Il loro mantello è sabbioso nella metà superiore del corpo e bianco nella metà inferiore. I loro capelli sono corti. Le corna dei maschi misurano da 60 a 80 cm contro da 30 a 40 cm per quelle delle femmine.

In che modo la gazzella resiste alla siccità e al caldo?

Erbe e foglie costituiscono la loro dieta, ma è interessante osservare una differenza di strategia tra la gazzella di Grant e la gazzella di Thompson, che possono vivere fianco a fianco senza competere tra loro.

La gazzella di Thomson è più piccola di quella di Grant e se l’erba è troppo alta, come accade nella stagione delle piogge, non possono più nutrirsi. Quindi seguono le zebre e gli gnu mentre si muovono per trovare giovani germogli ricchi di proteine. Preferiscono le erbe. Le gazzelle di Grant, al contrario, preferiscono i rametti, digeriti grazie a ghiandole salivari sviluppate che consentono loro una dieta secca.

Continua a leggere:  15 fatti strani sugli scarafaggi che devi sapere!

Di tutti gli ungulati che vivono accanto a loro, le gazzelle sono gli animali che meglio resistono al caldo e alla siccità. A causa delle sue maggiori dimensioni e peso, la gazzella di Grant ha bisogno di un terzo di acqua in più rispetto alla gazzella di Thompson. Durante la stagione secca si nutre di notte per raccogliere la rugiada depositata sulle piante, che può costituire fino a 10 litri per notte. Ovviamente, durante la stagione delle piogge, bastano le pozzanghere.

Quest’acqua viene utilizzata per raffreddare il cervello, mentre il resto del corpo si riscalda, fino a raggiungere i 46°C. Il raffreddamento dell’organo motorio è effettuato da un sistema di evaporazione nasale che è lo stesso nell’uomo per il quale la “ventilazione nasale ottimale” pone gli obiettivi che l’ortopedia dentofacciale deve raggiungere quando si manifestano disturbi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *