In che modo l’intelligenza artificiale può aiutare a prendersi cura dei nostri cani?

soigner chien ia 152034 1200 738

L’intelligenza artificiale o IA porta con sé paure e speranze. Alcuni lo vedono come un pericolo per molte professioni, altri ne vedono i vantaggi. Nella salute umana e veterinaria, sta rivoluzionando le cure. Basandosi su metodi statistici, matematici e informatici, può oggi analizzare e decidere dopo essere stato formato, addestrato e aver “imparato ad apprendere”.

Scoprire come l’intelligenza artificiale può aiutare a prendersi cura dei nostri cani.

L’uso dell’intelligenza artificiale nella diagnosi

L’intelligenza artificiale è sempre più utilizzata in Strumenti diagnostici. Pertanto, ora esiste un analizzatore cellulare che non richiede più la preparazione di vetrini. Alimentato dall’intelligenza artificiale analizza direttamente le cellule nel loro ambiente che limita passaggi manuali e fattori di variabilità. Le cellule vengono osservate nel loro stato naturale e sottoposte al dispositivo che, grazie all’intelligenza artificiale, rileva i più piccoli cambiamenti. Diagnostica sia la citologia che la morfologia delle cellule del sangue. Questo semplifica il lavoro del veterinario e provvede informazioni più precise per quanto riguarda la diagnosi.

Inoltre, l’intelligenza artificiale può già farlo analizzare i sintomi riferiti dal proprietario. Una volta inserite queste informazioni per il confronto in un database, l’IA ricava una diagnosi. IL il processo diagnostico è quindi più veloce. È possibile anche raccogliere dati dal cane a lungo termine rilevare il minimo cambiamento e prevederlo
l’insorgenza di alcune malattie ancor prima che compaiano i sintomi. Tuttavia, come sappiamo, quanto prima si cura una malattia, tanto più è probabile che si migliori la prognosi dell’animale.

Infine, per quanto riguarda diagnosi per immagini
(MRI, raggi X, ultrasuoni, scanner, ecc.), l’intelligenza artificiale è in grado di rilevare piccole anomalie che potrebbero sfuggire all’osservazione umana. Grazie ai suoi algoritmi è in grado di identificare segni di tumore, massa anomala, calcoli urinari, ecc. E questo con precisione. È in grado di analizzare migliaia di immagini mediche di casi simili in pochi secondi, consentendogli di confrontare ogni pixel per individuare anomalie sottili. E man mano che apprende quando gli vengono presentate nuove immagini, diventa più preciso nel tempo.

L’intelligenza artificiale nei protocolli di monitoraggio e trattamento sanitario

Oggi esistono i “collari intelligenti” dotati di sensori che misurano la frequenza cardiaca, la frequenza respiratoria, la temperatura e l’attività fisica del cane. Questi dati vengono quindi inviati a un’applicazione AI che analizza e rileva anomalie. Un aumento della frequenza cardiaca, ad esempio, indica stress o sofferenza e consente un rapido intervento umano. L’intelligenza artificiale è quindi un aiuto efficace nel monitorare la salute del cane.

Anche nella gestione di una malattia cronica, l’IA è molto utile, in particolare nel diabete, nelle malattie renali, ecc. L’applicazione AI può ricordare al proprietario di controllare i parametri del sangue del cane o di somministrare farmaci. Anche lei può avvisare il proprietario monitorando e analizzando
al suo posto i risultati dei dati raccolti.

Infine, l’intelligenza artificiale può aiutare personalizzare la cura in base alle caratteristiche dell’animale (età, peso, razza, anamnesi, ecc.) e le sue intolleranze. Se il cane soffre di un’infezione, ad esempio, l’AI può consigliare, in base alla sua cartella clinica, l’antibiotico giusto, che aiuta a ridurre i casi di resistenza.

L’intelligenza artificiale ha addirittura scoperto, secondo uno studio pubblicato sulla rivista Cell il 20 febbraio 2020, un potente antibiotico. Ha identificato un nuovo componente chimico utilizzando un metodo recente basato su previsione dell’attività batterica. I ricercatori hanno chiamato la molecola “alicina”. La sua struttura chimica è molto diversa dagli antibiotici esistenti e può essere utilizzato contro molti batteri che attaccano sia gli esseri umani che i cani.

L’intelligenza artificiale come assistente dei veterinari

Durante un’autopsia, l’intelligenza artificiale supporta il professionista nell’identificazione della causa della morte di un cane. Il veterinario prima si informa con i dati in suo possesso, poi il software gli indica quale organo osservare, le sue ipotesi e i margini di errore.

È anche ampiamente utilizzato in gestione dell’epidemia rappresentando lo spazio di propagazione, essenziale per arginare il contagio. Monitorando i dati sulla sanità pubblica e modellando gli scenari di trasmissione, l’intelligenza artificiale può aiutare a prevedere le epidemie e pianificare gli interventi.

Molti software AI sono costituiti anche da “strumenti di supporto alle decisioni” (OAD), per scegliere il trattamento migliore in base alle condizioni dell’animale. Questi OAD possono analizzare le risposte ai trattamenti in tempo reale e adattare i protocolli. Ciò si traduce in un supporto più efficace. L’intelligenza artificiale, adattando i trattamenti in modo personalizzato, limita gli effetti collaterali puntando alla massima efficacia. Può anche farlo raccomandare un cambiamento di molecola o dosaggio sulla base dei dati personalizzati ricevuti. L’intelligenza artificiale riduce quindi notevolmente i tentativi e gli errori, spesso praticati in medicina veterinaria, prima di trovare il farmaco giusto alla dose giusta. Per lei è ancora più facile perché ha milioni di casi simili registrati nel suo database.

Cosa ci promette l’intelligenza artificiale per la futura cura degli animali?

L’intelligenza artificiale promette di sostenere gli animali affetti da malattie croniche e di curare alcune patologie attualmente incurabili.

Supporto quotidiano per l’intelligenza artificiale

Attualmente, il esseri umani con diabete di tipo 1
cominciano ad essere dotati di quello che chiamiamo circuito chiuso: un dispositivo legge continuamente il livello di zucchero nel sangue (glicemia) e una pompa per insulina adatta immediatamente il trattamento in base al risultato ottenuto. Questo, grazie all’intelligenza artificiale, impara mentre il corpo reagisce come dosare l’insulina. I pazienti vengono liberati da gran parte del peso mentale che grava su di loro. I primi glucometri continui iniziano ad essere installati sugli animali domestici. Se non hanno ancora accesso al circuito chiuso, poiché è appena iniziato sugli esseri umani, possiamo sperare che un giorno possa rendere più facile la vita anche ai cani diabetici e ai loro proprietari.

Allo stesso modo, per a cane con malattie cardiachead esempio, l’intelligenza artificiale analizzerà i dati sulla frequenza cardiaca e sulla pressione sanguigna per ottimizzare i trattamenti farmacologici e ridurre il rischio di complicanze.

Per quanto riguarda i tumoriL’intelligenza artificiale sarà in grado di personalizzare i protocolli chemioterapici monitorando la risposta del tumore e gli effetti collaterali. Pertanto, il trattamento viene adattato per ridurre al minimo i disagi massimizzando gli effetti.

Il contributo dell’intelligenza artificiale alla guarigione

In un ambito più complesso, chirurgia, offre un’enorme speranza con i robot assistiti dall’intelligenza artificiale. Saranno più precisi dei chirurghi in carne e ossa e ridurranno il rischio di errore umano (a condizione che venga eliminato qualsiasi rischio di bug).

Inoltre, i ricercatori stanno lavorando anche su Terapia genica assistita dall’intelligenza artificiale per trattare in modo personalizzato le malattie ereditarie. Analizzando il DNA di ciascun cane, l’IA sarà in grado di identificare alcune mutazioni e progettare un trattamento mirato. Malattie attualmente incurabili potrebbero trovare un modo per essere curate.

Infine, l’intelligenza artificiale è in grado di raggruppare dati che vanno ben oltre il cervello umano. Può, su questa base, effettuare analisi e poi trovare nuovi vaccini e trattamenti. Analizzando milioni di cartelle cliniche, studi clinici e dati sul DNA, identificherà correlazioni invisibili all’occhio umano.

Anche lei potrà farlo simulare studi clinici virtualicosa che sta già iniziando a fare, per sperimentare nuove cure, che ridurranno tempi, costi e soprattutto l’utilizzo di animali da laboratorio messi a morte per la scienza.

Nel 2024 gli oggetti connessi sono in netto calo, poiché l’intelligenza artificiale li sostituisce nel campo della salute animale. Questo è quanto emerso dalla fiera VivaTech 2024 che si è svolta a Parigi dal 22 al 25 maggio. La Corea del Sud si è distinta anche per diverse applicazioni rivoluzionarie di intelligenza artificiale che scopriremo presto negli anni a venire.

L’integrazione di l’intelligenza artificiale nelle cure veterinarie è una vera rivoluzione per la salute dei nostri cani. Monitoraggio, diagnosi, ottimizzazione dei trattamenti o guarigione, è già presente in tutte le fasi della vita dei nostri cani e ci riserva ancora molte belle sorprese. Speriamo che migliori sensibilmente l’aspettativa di vita dei nostri compagni a quattro zampe!

Di Emma Ménébrode – Pubblicato il 02/07/2024

Author

Continua a leggere:  Informazioni e caratteristiche sulla razza del cane Keeshond | Pet Yolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *