Perché i pipistrelli dormono a testa in giù?

chauves souris dormir 061741

Perché i pipistrelli dormono a testa in giù?

Circolano tante storie sui pipistrelli, spesso spaventose e spesso anche false. Oggetto di curiosità per la loro fisiologia unica, sono animali che sembrano confondere i confini tra diurni e notturni, selvaggi e domestici, o anche alti e bassi. Ti suggeriamo di soffermarti su quest’ultimo punto, e capire perché i pipistrelli dormono a testa in giù.

Alcuni elementi sull’anatomia di un pipistrello

I pipistrelli sono mammiferi: ciò significa in particolare che hanno una parte del corpo ricoperta di peli e che le femmine allattano i piccoli. Si riproducono poco, avendo generalmente un solo piccolo all’anno. Gli animali che possiamo osservare oggi – che rappresentano circa 1400 specie diverse, di cui 34 in Francia – hanno una “mano-ala” che è la caratteristica che ha dato loro il nome scientifico di chirotteri: chiro- è preso da un antico termine greco che significa “mano” e -ptera, “ala”. I primi fossili conosciuti di chirotteri risalgono a 55 milioni di anni fa e possiedono già tutte le caratteristiche dei nostri attuali pipistrelli.

A livello degli arti anteriori, quattro dita sostengono una membrana alare detta anche patagium, costituita da una sottile pelle. Il patagium è un elemento che consente il volo: i pipistrelli sono inoltre gli unici mammiferi dotati di volo attivo, dimostrandosi capaci, a seconda della specie, di raggiungere fino a 3.000 metri di altitudine e 158 km/h. Ma può avere altre funzioni come quella di costituire un involucro protettivo per il pipistrello quando va in letargo, o addirittura di sorreggere il piccolo al momento del parto, che avviene a testa in giù.

Continua a leggere:  Come controllare la muta del cane e perché accade | Pet Yolo

Si distingue dalla membrana interfemorale o uropatagio, che si estende dagli arti inferiori fino alla coda. La sua funzione è quella di favorire il volo diretto e, nelle specie insettivore, di catturare le prede.

Perché i pipistrelli dormono a testa in giù?

I pipistrelli di solito dormono 20 ore al giorno, a testa in giù. Sorgono allora diversi interrogativi: come fanno a restare sospesi mentre dormono? Come possono sopportare di stare a testa in giù così? Quali sono le ragioni di questo comportamento?

I pipistrelli possono restare appesi a testa in giù senza paura di cadere, grazie a un tendine attaccato alla base del dito che reagisce al peso dell’animale. Quando il pipistrello lascia scendere tutto il suo peso, si allunga e gli artigli delle zampe si chiudono sul piano di appoggio. L’animale quindi non ha bisogno di fornire alcuno sforzo. È anche per questo motivo che gli scienziati hanno trovato pipistrelli morti ancora appesi.

Per consentire loro di stare a testa in giù per quasi 4/5 del loro tempo, il sistema circolatorio dell’animale viene adattato. I pipistrelli sono dotati di valvole che hanno il ruolo di impedire l’accumulo di sangue nella testa. E a riposo, rallentano la frequenza cardiaca.

Per rispondere alla domanda sul perché abbiamo adottato una tale posizione, dobbiamo ricordare che ogni specie trova, nel corso della sua evoluzione, i migliori compromessi per garantirsi la sopravvivenza e la riproduzione. Una delle risposte essenziali che una specie deve trovare riguarda la minaccia dei predatori. Essendo la stragrande maggioranza a terra, il fatto di rimanere appesi al soffitto è un vantaggio. Così posizionati, i pipistrelli possono monitorare meglio l’arrivo di intrusi.

Continua a leggere:  Perché ci sono vermi nella cacca del mio cane? Cause, trattamenti e altro | Pet Yolo

Successivamente, un pipistrello illustra un compromesso che ha dato la priorità all’abilità di volo. Tutto ciò avveniva a scapito delle gambe, che gradualmente si atrofizzavano e diventavano troppo deboli per sostenere la posizione eretta. Un pipistrello è incapace di correre e saltare che accompagna lo slancio per il decollo da terra. I pipistrelli possono ancora decollare da terra, ma con grande difficoltà. Hanno quindi adottato una tecnica che consiste nel lasciarsi cadere.

Due eccezioni che dormono a testa alta

IL Tirotteri tricolori si trovano nelle foreste pluviali dell’America centrale e meridionale e sono comuni nella Guyana francese. Riposano sul fondo di giovani foglie arrotolate, a testa in su, appese a ventose. Il loro peso medio oscilla intorno ai 4,5 g. Il colore dei loro capelli varia tra il rosso sul dorso e il viso bianco crema sul ventre. Tra i due, il colore è intermedio, da qui il suo nome “tricolore”.

La loro particolarità è quella di presentare alla base dei pollici e sulle caviglie delle ventose che ne consentono il fissaggio su superfici lisce. Gli esperimenti hanno dimostrato la loro incapacità di aderire alle superfici porose. Il mezzo di fissaggio è comandato da muscoli che creano un vuoto a livello della ventosa. L’animale assicura anche la manutenzione quotidiana leccando che lubrifica la superficie delle ventose e ne aumenta l’efficacia. Basta una sola ventosa per sostenere l’intero peso della racchetta. Questi pipistrelli alloggiano nelle giovani foglie arrotolate a cono, trattenendovi per le loro ventose, e vi si posizionano a testa in su, e non in basso come gli altri pipistrelli, per meglio uscire dal loro cono.

Continua a leggere:  Cosa sono gli speroni e perché i cani li hanno? | Pet Yolo

Myzopoda aurita è una specie di pipistrello endemica del Madagascar orientale che presenta lo stesso tipo di caratteristica sebbene differisca leggermente. Riposano anche all’interno di foglie arrotolate ma l’adesione si ottiene attraverso la secrezione di un fluido a livello dei polloni e non la creazione di un vuoto come nella specie Tirotteri tricolori.

Migliorare la conoscenza dei pipistrelli è necessario per porre fine alla circolazione di false informazioni su di loro. Poiché si stanno avvicinando agli habitat umani a causa dei cambiamenti ambientali, le relazioni che abbiamo con loro sono importanti per la conservazione degli equilibri dell’ecosistema.

Author

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *