Il Pipistrello: come vive? Quali specie puoi incontrare in Francia?

chauve souris 1 082649

Il Pipistrello è un mammifero protetto dal 1976. Poco conosciuto, fa ancora paura a molti di noi, vittima di credenze e preconcetti duri a morire. Questo animale dagli straordinari dettagli anatomici è sorprendente e così utile non merita la sua cattiva reputazione. Guardiamo per qualche istante al modo di vivere delle specie presenti in Francia e ad alcune delle tante particolarità di questo chirottero.

Il Pipistrello: come vive?  Quali specie puoi incontrare in Francia?

Il pipistrello, l’unico mammifero volante al mondo

Il pipistrello (Chirotteri), dell’ordine dei Chirotteri, è l’unico mammifero volante del regno animale. Ci sono quasi 1.200 specie di pipistrelli, sparse in tutto il pianeta. Venti mammiferi su cento sono pipistrelli, il che è impressionante. Tuttavia, sebbene sia ampiamente rappresentato in tutti i continenti, questo animale dalle caratteristiche fisiche sorprendenti non è molto conosciuto dal grande pubblico.

Pipistrello: un animale utile

Oggetto di credenze e pregiudizi infondati, il pipistrello è infatti un animale fragile, lontano dall’immagine del Vampiro a cui è stato associato per secoli. Ha continuato a sopportare tutto il peso delle azioni dell’uomo responsabile della distruzione degli ambienti naturali. Oggi in Francia il pipistrello è protetto dalla legge del 10 luglio 1976, così come il suo habitat altrove… un giusto ritorno di cose per questo mammifero tanto perseguitato ma di grande utilità. La legge vieta severamente qualsiasi persona trasportare pipistrelli, vivi o morti, disturbarli, catturarli, distruggerli e mutilarli o anche per naturalizzarli.

È possibile proteggere il pipistrello installando appositi posatoi.

Pipistrello: un animale utile

Specie di pipistrelli presenti in Francia

Nella Francia metropolitana esistono trentaquattro specie di pipistrelli appartenenti a diverse famiglie come:

  • I Vespertilionidi:
    • Oreillard (grigio, alpino, rosso),
    • Murin (Marais, baffi, orecchie smerlate, Alcathoé, Brandt, Capaccini, Bechstein, Grand Murin, Petit Murin…),
    • Vespro di Savi,
    • Pipistrelle (da Nathusius, pigmeo, comune, da Kuhl,
    • Nottola (Grande, commune, de Leisler),
    • Serotina (bicolore, comune, da Nilsson),
    • Barbastello Europeo,
  • Miniopteridi: Schreibers Minioptera,
  • Pipistrelli a ferro di cavallo: pipistrello a ferro di cavallo minore, pipistrello a ferro di cavallo maggiore, pipistrello a ferro di cavallo Euryale,
  • I Molossidi: Molosse di Cestoni.
Continua a leggere:  Dove, quando, come osservare i delfini in Francia?

Tutti questi pipistrelli e, più in generale, tutte le specie presenti in Europa sono insettivori. Rappresentano un valido aiuto per l’uomo e per le colture perché divorano ogni notte il 50% del loro peso in insetti notturni come falene, coleotteri, zanzare, ecc.). Il ruolo nell’ecosistema di questo mammifero volante è davvero importante, tanto più che i suoi escrementi vengono utilizzati – insieme a quelli degli uccelli – per preparare una sostanza fertilizzante ricca di azoto: il guano.

Pipistrello: dettagli anatomici eccezionali

Pipistrello: dettagli anatomici eccezionali

La mazza è dotata di sorprendenti dettagli anatomici. Il suo nome “Chiroptera” significa “vola con le mani”. Ha ali formate da una membrana e braccia, mani e dita.

Per quanto riguarda l’ecolocalizzazione nei pipistrelli, è un dispositivo naturale incredibilmente ben sviluppato. Il pipistrello ha infatti corde vocali con le quali emette ultrasuoni, sia attraverso la bocca che attraverso il naso, la maggior parte dei quali non è udibile dall’uomo. Questo fenomeno, chiamato ecolocalizzazione, consente a questo mammifero di navigare. Ma non è tutto!

Anche la sua preda si trova in questo modo, così come la sua consistenza, le dimensioni e la direzione del movimento. Il principio è abbastanza semplice da capire: le onde sonore emesse dai pipistrelli riverberano su qualsiasi superficie circostante prima di tornare alle loro orecchie ed essere analizzate dal loro cervello. Il pipistrello ha quindi una specie di sonar che gli permette di muoversi alla cieca. È un po’ come se potesse “vedere” con le sue orecchie.

Il pipistrello muta una volta all’anno

Pipistrello: un fantastico mammifero

Numerose specie di pipistrelli dormono a testa in giù, sospesi per le zampe artigliate a numerosi sostegni (volte, impalcature, rami) e svernano in luoghi appartati dove prevale una temperatura relativamente mite, come cavità naturali tronchi d’albero, ponti, cantine, passaggi sotterranei… A volte, per trovare un luogo adatto per il letargo chiamato hibernaculum, non esitano a percorrere molti chilometri -il ​​topo deve poter svernare in un luogo sufficientemente umido per proteggere le sue ali che si seccano abbastanza facilmente .Dopo circa cinque mesi trascorsi al riparo dal gelo, cioè dal mese di marzo, i pipistrelli riprendono una vita attiva.

Continua a leggere:  Il tritone: come e dove vive? Tutto sul tritone

L’accoppiamento avviene in piena estate. Ma lo sperma rimane nel tratto genitale della femmina fino alla fine del periodo di ibernazione. Solo allora hanno luogo l’ovulazione e la fecondazione: dopo un periodo di gestazione di 45-70 giorni, nella maggior parte dei casi nasce un solo bambino. Appena nato, si aggrappa a un capezzolo di sua madre che lo allatta finché non riesce a nutrirsi da solo. È tra le 4 e le 6 settimane di età che il giovane viene svezzato.

Elevata mortalità tra i giovani pipistrelli

Pulci, zecche e altri parassiti sono i grandi nemici dei pipistrelli. Ma i suoi predatori sono:

  • Piccoli predatori come donnole e gatti,
  • alcuni ragni,
  • Rapaci, i principali sono il gufo, la civetta, la poiana, lo sparviero,
  • I serpenti.

La maggior parte dei predatori è alla ricerca di giovani pipistrelli che, quando hanno solo pochi giorni o poche settimane, hanno ancora difficoltà ad aggrapparsi ai capezzoli della madre e successivamente alle volte. Molti di loro cadono e muoiono. Questo spiega perché il tasso di mortalità dei pipistrelli è particolarmente elevato durante il primo mese di vita.

Dopo questo periodo in cui il pipistrello è particolarmente vulnerabile, mostra una longevità che può facilmente raggiungere una buona decina di anni, cosa rara per i piccoli animali. Gli scienziati hanno persino trovato un pipistrello di 41 anni. Ciò compensa in parte un tasso di riproduzione relativamente basso.

Questa longevità, considerata eccezionale, è oggetto di numerose ricerche scientifiche. Sebbene per volare dispendi molta energia, il pipistrello ha un organismo che non va incontro ad invecchiamento o malattie legate all’età come avviene per gli esseri umani e gli animali, perché il suo sistema immunitario è di grande rendimento. L’insolito allungamento della vita nei pipistrelli è dovuto all’eccezionale meccanismo delle molecole.

Il pipistrello si può incontrare in tutte le regioni della Francia, nel sottobosco e sulle rive dei fiumi, nei villaggi e persino nelle città. Inoltre, ci sono molti siti di salvataggio di pipistrelli in Francia dove è possibile osservare questo mammifero volante. È il caso, ad esempio, delle riserve naturali situate nella regione catalana ma anche in Bretagna, Touraine o addirittura all’interno del Parco Naturale Regionale della Chartreuse tra Grenoble e Chambéry. Prendersi il tempo per conoscere meglio il pipistrello è fondamentale per cambiare radicalmente la percezione che abbiamo di questo animale vittima dell’ignoranza generale.

Continua a leggere:  Grandi scimmie: chi sono? Quali caratteristiche?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *