Cause del declino delle api mellifere: quali soluzioni?

abeilles melliferes 060844

Alla fine degli anni ’90, in tutto il mondo, c’è stato un drastico calo delle colonie di api mellifere. In Francia la produzione di miele negli ultimi 20 anni è stata dimezzata. Alcuni apicoltori registrano perdite di api fino al 90% delle colonie, quando la normale mortalità di un alveare è compresa tra il 5 e il 10%. Quali sono le cause individuate di questo triste fenomeno e quali soluzioni sono state individuate per porvi rimedio?

Cause del declino delle api mellifere: quali soluzioni?

Distruttore di varroa

Varroa destructor è una specie di acaro parassita della covata, cioè dell’insieme formato dalle ninfe, dalle larve e dalle uova, protetto dalle api operaie. Questo acaro è stato identificato molto rapidamente come una causa essenziale della perdita delle colonie di api.

Nel suo ambiente naturale, nel sud-est asiatico, è il parassita dell’ape asiatica Apis cerana che sa resistere ai suoi attacchi. Ma l’ape mellifera europea Apis mellifera, non sapeva come difendersi quando si trovava di fronte ad essa. Diversi virus e microbi si sono persino associati a questo parassita e hanno aumentato la mortalità delle api. La malattia causata dall’infestazione di questi acari ha un nome: è la varroosi.

Il fungo Nosema Cerena

Ecco un’altra minaccia dall’Asia. È un fungo microscopico unicellulare che causa infezioni fungine chiamate nosemosi nelle api (ma anche in altri insetti). Il coinvolgimento del tratto digerente provoca diarrea acuta che può causare la morte dell’ape. Nosema ceranae è riuscita persino a raggiungere, non si sa come, le arnie dell’isola di Ouessant, anche se sono isolate dal 1976 e le api dell’isola sono esenti da varroosi.

Questo fungo si è evoluto per lavorare in sinergia con il fipronil, un antiparassitario comunemente usato nei prodotti veterinari contro pidocchi, zecche e acari negli animali domestici ma vietato nel trattamento degli alimenti per animali. Tuttavia, è emerso che la combinazione varroa + finopril induce una modificazione nella fisiologia delle api maschi, riducendone la capacità riproduttiva.

Continua a leggere:  Riproduzione del riccio: come funziona?

Il calabrone asiatico e l’ape africana

Presente in Francia dal 2004, il formidabile predatore delle api mellifere rappresentato dal calabrone asiatico continua a diffondersi e su di esso i pesticidi hanno scarso impatto. Le api non sono in grado di combattere. Un’ape operaia misura solo da 11 a 13 mm mentre un’ape operaia asiatica misura tra 17 e 26 mm. Le api costituiscono quasi il 40% dei loro pasti, il calabrone asiatico prende di mira principalmente le larve.

Un altro nemico dell’ape europea: l’ape africana, frutto di un incrocio fatto in Brasile negli anni ’50 per migliorare la resistenza delle api mellifere. Impiegheranno circa quarant’anni per tornare al Nord e raggiungere gli Stati Uniti. Ora sono una specie invasiva che contamina gli alveari dell’ape europea. Alcuni studi hanno dimostrato che quest’ultimo potrebbe in definitiva trarre vantaggio dalla presenza dell’ape africana. Il problema principale che porrebbe l’ape del sito “killer” sarebbe in definitiva la sua aggressività particolarmente forte nei confronti dell’uomo.

Athenia tumida

Questo piccolo coleottero è un parassita delle colonie di api. Originario del Sudafrica, si è diffuso attraverso l’importazione di arnie da zone infestate, cera o attrezzature apistiche contaminate.

Tuttavia è interessante notare che l’ape africana riesce a difendersi uccidendo le uova ed evacuando le larve dall’alveare mentre l’ape europea non reagisce e si lascia depositare.

Considerato una nuova minaccia per l’apicoltura globale, il ciclo riproduttivo del coleottero rimane fragile e fortunatamente ne limita la diffusione.

Disturbo da collasso della colonia

Riguarda Sindrome da collasso della colonia che si caratterizza per la pura e semplice scomparsa delle colonie: l’apicoltore apre il suo alveare e trova solo la regina, la nidiata e poche api.

Il motivo di questa scomparsa è stato finalmente individuato: si tratta dell’utilizzo dei neonicotinoidi. Questa classe di insetticidi agisce sul sistema nervoso centrale degli insetti e i suoi effetti variano a seconda della dose utilizzata. A dosi elevate uccidono l’ape, ma a dosi più basse influenzano le capacità cognitive dei raccoglitori che non trovano più la strada per tornare all’alveare.

Cambiamento climatico

L’aumento della temperatura media influenza l’attività degli insetti impollinatori come le api mellifere. A causa di una significativa riduzione di fiori e piante, il nettare diventa più scarso e le api non si nutrono più a sufficienza.

Continua a leggere:  Formiche rosse: chi sono? Dove vivono?

Trovate soluzioni per limitare il declino delle api mellifere

L’elenco dei fattori che causano la scomparsa di massa delle api da miele sembra infinito. Identificando le cause delle perdite di alveari, la ricerca può sperare di essere più efficace nel trovare soluzioni. La realtà della situazione rivela che non basta vietare l’uso di questo o quel prodotto. Gli insetti impollinatori sono purtroppo più fragili degli insetti nocivi. Quando i primi scompaiono, i secondi abbondano. Questa situazione rivela la precarietà dell’equilibrio degli ecosistemi e la finezza che deve essere impiegata per trovare soluzioni eque.

Poiché la varroa è stata rapidamente identificata come la causa del declino delle api mellifere, sono stati trovati trattamenti. Tuttavia, non rappresentano un ideale in quanto risulta che i prodotti chimici antivarroa influiscono sulla vitalità dell’ape, senza eliminare definitivamente la varroa. Tuttavia, impediscono la massiccia distruzione delle api.

Gli erbicidi, applicati in modo non selettivo, possono portare a una riduzione delle risorse floreali essenziali per gli impollinatori. Alcuni di essi, come il glifosato, possono causare effetti tossici diretti sulle api. È quindi importante limitarne l’uso e, in definitiva, trovare una molecola sostitutiva che non abbia alcun effetto sugli insetti impollinatori.

Nel 2013 l’Europa ha deciso di sospendere l’uso dei neonicotinoidi per 4 colture visitate dalle api: colza, girasole, mais e cotone.

Sviluppare buone pratiche tra gli apicoltori

Sorprendentemente, gli stessi apicoltori possono compiere azioni dannose per le loro api. Ad esempio, possono non conoscere il dosaggio dei loro prodotti per il controllo dei parassiti, ma anche non essere a conoscenza delle buone pratiche di manutenzione dell’alveare.

Eccone alcuni menzionati all’interno della professione:

  • Svernano le arnie in un luogo asciutto e soleggiato (molte arnie sono ancora esposte durante la stagione fredda),
  • Limitare l’umidità nelle arnie ventilandole adeguatamente con un idoneo sistema a pavimento,
  • Promuovere l’allevamento della covata in autunno in modo che le giovani api ingrassino abbastanza e siano più resistenti per aiutare meglio la colonia ad avere un buon inizio in primavera,
  • Elimina le colonie troppo deboli,
  • Rinnova periodicamente i raggi,
  • Disinfetta spesso l’attrezzatura.
Continua a leggere:  Mosca della gru o cugina, una grande zanzara innocua

Tuttavia, la stessa professione non è unanime sull’efficacia di alcune misure (come l’eliminazione delle colonie troppo deboli).

Un dialogo costruttivo tra scienziati e apicoltori appare quindi essenziale per riuscire a trovare le soluzioni che salveranno le api mellifere di domani.

Author

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *