Manatee, un grande mammifero acquatico perfettamente innocuo

lamentin 063908

lamentin 063908mammifero acquatico perfettamente innocuo” data-rx-style-cache=”display: block; margin: auto;”>

Soprannominato mucca di mare, questo grande erbivoro acquatico conduce una vita tranquilla nelle calde acque del globo. Incontra il lamantino, un freddo mammifero che ha bisogno di temperature miti per sopravvivere.

Manatee: ritratto di famiglia

Il lamantino appartiene all’ordine Sirenia e alla famiglia Trichechidae. Esistono 3 diverse specie di lamantini:

  • Il lamantino caraibico (Tricheco manato) di cui si distinguono due sottospecie in base al luogo di vita:
  • Il lamantino amazzonico (Trichechus inunguis) popola i fiumi del bacino amazzonico;
  • Il lamantino dell’Africa occidentale (Trichechus senegalensis) vive nelle acque dolci dell’Africa occidentale, dal Senegal all’Angola.

– Il lamantino dell’India occidentale (Trichechus manatus manatus) nel Mar dei Caraibi;

– Il lamantino della Florida (Trichechus manatus latirostris) principalmente nel Parco delle Everglades;

Manatee: coda simile a una pagaia

Il lamantino è un grande mammifero acquatico che ha la pelle ruvida e grigia – scura sul dorso e più chiara sulla parte ventrale – punteggiata da piccoli peli rigidi. Il suo cranio largo è caratterizzato da un muso corto, piccoli occhi neri distanziati e un labbro superiore spesso sormontato da baffi. Le sue narici, poste sopra la testa, gli permettono di respirare in superficie senza uscire dall’acqua. Le pinne pettorali sono massicce e lunghe mentre la sua coda piatta e arrotondata assume la forma di una spatola. Il lamantino misura tra 3 e 4 me pesa in media 500 kg. Si noti che le femmine sono più grandi dei maschi.

Il menu ipocalorico del lamantino

Sebbene viva nell’acqua, il lamantino è erbivoro (non ruminante). È a questo particolare tratto e al suo peso che l’animale deve il suo soprannome di “mucca di mare”. Il mammifero si nutre di una sessantina di specie di piante galleggianti o sommerse che pascola nelle praterie sottomarine o nei corsi d’acqua: mangrovie, giacinti d’acqua, erbe acquatiche e alghe costituiscono parte del suo menù a cui si aggiungono i piccoli pesci, crostacei e molluschi attaccato alle piante che consuma. Questo alimento povero di nutrienti costringe i lamantini a inghiottire grandi quantità, fino a 50 kg al giorno (tra l’8 e il 15% della sua massa corporea).

Il lamantino, indipendente e affettuoso

Quando non è impegnato a nutrirsi, il lamantino trascorre diverse ore al giorno a riposare. Per questo rimane tra due acque e deve venire in superficie ogni tre o quattro minuti per respirare. L’animale adotta una velocità di crociera di circa 5 km/h ma è in grado di raggiungere i 25 km/h in caso di pericolo. Solitari e indipendenti, gli adulti si riuniscono solo in determinate situazioni o luoghi favorevoli: cibo abbondante, zona calda in inverno e stagione riproduttiva. Quando si incontrano, i lamantini sono molto socievoli e non è raro vederli accarezzarsi reciprocamente strofinandosi reciprocamente il muso o altre parti del corpo.

Manatee: un mammifero freddo

L’inverno è un momento difficile per i lamantini. Come visto in precedenza, il cibo ingerito è caratterizzato da un basso contenuto energetico. Queste piante povere di nutrienti non gli forniscono abbastanza grasso per resistere al freddo, quindi l’animale non può rimanere molto a lungo in acqua con una temperatura inferiore a 20°C. Così, nella parte settentrionale del loro areale (lungo l’Atlantico negli Stati Uniti), compiono migrazioni per raggiungere zone più calde. I movimenti migratori annuali possono portarli a più di 200 km dal loro punto di partenza.

Emancipazione tardiva per il lamantino

Il lamantino è un animale solitario finché non incontra un partner con il quale sarà molto fedele. La femmina raggiunge la maturità sessuale all’età di 7 anni e partorisce un solo piccolo dopo un periodo di gestazione di 12-14 mesi. Il neonato pesa in media 30 kg per una lunghezza da 120 a 140 cm. Mentre viene allattato dalla madre, il vitello inizia a mangiare piante acquatiche tra 1 e 3 mesi. I piccoli continueranno ad allattare oltre i 12 mesi, a volte fino a 2 anni, l’età dell’indipendenza. Questo allevamento a lungo termine consente alla madre di mostrare alla sua prole i siti di alimentazione e le rotte migratorie.

Lamantino: protetto ma vulnerabile

I lamantini conoscono alcuni predatori. Se coccodrilli e alligatori possono attaccare i giovani, tutti i sireni hanno a che fare con squali e orche assassine. Tra i pericoli che incombono sul mammifero c’è la caccia (ora vietata), che è stata a lungo la principale causa del suo declino. Oggi il lamantino è minacciato dal traffico marittimo (collisione con imbarcazioni, cattura accidentale nelle reti da pesca), dalla distruzione del suo habitat (attività turistiche, sviluppo costiero) e dall’inquinamento marittimo. La specie, protetta in tutto il suo areale, è classificata come vulnerabile nella lista rossa dell’Unione internazionale per la conservazione della natura (IUCN). La sua longevità è di oltre 30 anni.

Continua a leggere:  Orice, grande antilope dalle lunghe corna

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *