Dove, quando, come osservare i delfini in Francia?

dauphins 085223

Osservare i delfini in Francia, nel loro elemento naturale, è del tutto possibile. Basta scegliere i siti preferiti, dai Paesi Baschi alla Bretagna per la costa atlantica o dalla regione PACA alla costa Vermeille se si ha un debole per l’area mediterranea. Scopriamo i luoghi imprescindibili ei periodi dell’anno più favorevoli per avvicinare i delfini, ma anche le regole da seguire per non nuocere alla loro tranquillità.

Dove, quando, come osservare i delfini in Francia?

Alcune idee per crociere per l’osservazione dei delfini in Francia

Il delfino è un mammifero marino appartenente all’ordine dei cetacei a cui tutti sogniamo di avvicinarci. Non c’è bisogno di percorrere migliaia di chilometri per questo perché è possibile ammirare i delfini in Francia.

Nel Mediterraneo

Le crociere “Balene e Delfini” sono organizzate da:

  • Sanary nel Var,
  • Canet-en-Roussillon situato nei Pirenei orientali
  • Port-Vendres anche nei Pirenei orientali.

Un viaggio dura circa dieci ore e permette ai passeggeri di meravigliarsi non lontano dalla costa francese. Istruttive, queste crociere alla scoperta del mondo marino sono scandite da attività scientifiche e conferenze didattiche.

Oltre al delfino, queste crociere permettono di osservare il capodoglio, la balena, la balenottera comune ma anche il tonno rosso, il pesce spada, il pesce luna, la tartaruga caretta e dalla parte degli uccelli marini, il gabbiano, il gabbiano e altri specie. . Favoloso!

Continua a leggere:  Medicina per la tosse per cani: quando dovresti (e non dovresti) rivolgerti ai farmaci per sopprimere la tosse | Pet Yolo

Dalla parte di Port-Vendres (66), ci imbarchiamo su un catamarano al porto per qualche ora. L’obiettivo è quello di permettere l’osservazione del tursiope, molto presente in questa regione durante tutta la stagione estiva. Questi brevi viaggi sono l’occasione per scoprire il tonno rosso, il pesce luna e alcuni uccelli come sule e berte.

nei Paesi Baschi

Diverse escursioni permettono di scoprire il delfino blu e il delfino comune, anche questo famoso delfino pilota (globicefalo). Un’altra occasione unica per vivere un’avventura unica nel cuore della fauna marina e per realizzare un sogno d’infanzia.

Fuori Finistère

Le uscite al largo del Finistère sono possibili per incontrare i delfini. È nel cuore del Parco Naturale Marino dell’Iroise che vengono organizzate gite di un giorno a bordo di piccole imbarcazioni per permettervi di scoprire delfini, foche, uccelli e più in generale un magnifico paesaggio con le sue scogliere, i fari e le piccole isole. . L’imbarco è da Conquet o Saint-Guénolé Penmarch’.

Nella baia di Mont-Saint-Michel

Ci imbarchiamo da Cancale per osservare il Tursiope in uno scenario di estrema bellezza. In questa zona della Manica vagano liberamente diverse centinaia di delfini. Ogni uscita scoperta è l’occasione per vivere un momento magico perché è qui che si trova la più grande concentrazione di questi tursiopi in Europa.

Periodo migliore per vedere i delfini

Per sfruttare al meglio una gita in mare, e non perdersi il principale centro di interesse – il favoloso delfino -, è bene scegliere un periodo in cui le acque del mare non siano molto agitate. Meglio evitare da novembre a marzo perché le condizioni meteorologiche sono dure per l’uomo e non permettono di vedere molti mammiferi marini.

Per non perdere nessuna di queste poche ore di scoperta, è altamente preferibile programmare questo tipo di viaggio in mare tra aprile e ottobre e più in particolare durante l’estate. L’ideale è contattare professionisti che organizzano questo tipo di uscita per osservare i delfini in Francia.

Continua a leggere:  Api: chi sono? Quante specie?

Osserva il delfino con il massimo rispetto

Esistono regole ferree che permettono di osservare i delfini nelle migliori condizioni, senza mai disturbarli. La scoperta di questo mammifero marino è quindi fatta con il massimo rispetto. Si devono notare i seguenti punti:

  • Non avvicinarti mai ai delfini se sono accompagnati da delfini appena nati,
  • La velocità della barca deve essere impostata su quella del delfino più lento e non deve mai superare i cinque nodi,
  • Non sostare nelle vicinanze per più di un quarto d’ora, cioè nell’area di osservazione stessa,
  • Guarda sempre i delfini da oltre 100 metri di distanza.

Bisogna essere almeno a cinque miglia dalla costa per ammirare i cetacei. Ma se i delfini sembrano infastiditi, la sessione di osservazione deve essere interrotta immediatamente. Infine, se la spedizione è composta da più imbarcazioni, è necessario essere ben organizzati perché ogni zona di osservazione è autorizzata per una sola imbarcazione alla volta.

Rispettare i delfini implica altre regole. Ad esempio, è vietato nuotare nell’area di osservazione. Non proviamo nemmeno a toccarli. Quanto a dar loro da mangiare, è assolutamente vietato.

Compagnie specializzate organizzano uscite nel Mar Mediterraneo o in ambiente oceanico, al largo delle coste francesi, per permettere agli appassionati di osservare i delfini nel loro ambiente naturale e nel più rigoroso rispetto delle regole. È un ottimo modo per conoscere meglio la catena degli ecosistemi, di cui il delfino è sicuramente uno degli anelli principali. Questo permette di conoscere tutto su questo straordinario mammifero marino e di essere guidati in zone strategiche di osservazione. Grazie a questi specialisti, la sessione di osservazione dei delfini in Francia è estremamente gratificante e rimarrà un ricordo indimenticabile per grandi e piccini.

Continua a leggere:  Cosa mangiano i delfini? Tutto sul loro cibo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *