Formiche rosse: chi sono? Dove vivono?

fourmis rouges 063204

Formiche rosse: chi sono?  Dove vivono?

Qualcuno di voi avrà in mente le parole di una canzone di Michel Jonasz che invitava la sua amata a sdraiarsi sulle formiche rosse per vedere se riuscivano a restare ferme, come prova di potenza del loro amore? Meno poeticamente, le formiche rosse sono generalmente temute. Ma chi sono esattamente e dove corriamo il rischio di incontrarli?

Cos’è una formica rossa?

Quando parliamo di formiche rosse, dobbiamo ancora sapere di cosa stiamo parlando. Il termine può riferirsi a quasi 12.000 specie diverse, distribuite in tutto il mondo. In Francia sono già interessate 225 specie. Tuttavia, tra loro, ce n’è uno che incontriamo più frequentemente e che notiamo perché è fonte di guai: lo è Mirmica rubra, chiamata anche formica rossa europea. Appartiene alla stessa sottofamiglia (Mirmicinae) rispetto alla formica del fuoco (Solenopsis invicta), una specie endemica degli Stati Uniti meridionali.

Il colore di Mirmica rubra è francamente orientato verso il rosso: un lavoratore oscilla tra il rosso e l’arancione scuro, il gastre è un po’ più scuro e luminoso. La taglia di un lavoratore è compresa tra 7 e 9 mm, i maschi sono neri. Il comportamento di questa formica è molto aggressivo: può mordere e pungere più volte una persona o un animale. È infatti dotato di un pungiglione funzionale e il suo pungiglione è piuttosto doloroso senza tuttavia essere pericoloso per l’essere umano.

Questo comportamento aggressivo si accompagna al suo temperamento di grande cacciatore: si nutre principalmente di piccoli insetti ma non disdegna nutrirsi di liquidi dolci come la melata.

Le formiche del fuoco sono davvero dannose?

Un parassita è innanzitutto un animale il cui modo di vivere interferisce negativamente con le attività degli esseri umani. Tuttavia, poiché la natura costituisce un insieme abbastanza equilibrato, ogni animale svolge generalmente un ruolo che contribuisce a questo equilibrio generale.

La formica del fuoco svolge quindi un ruolo nella regolazione delle popolazioni di insetti. Nelle Alpi, ad esempio, si stima che le formiche del fuoco eliminino quasi 14 milioni di chili di parassiti delle foreste all’anno.

Ma non è tutto: aiutano a mantenere sano il terreno. Le loro gallerie sono una fonte di ventilazione e le formiche partecipano all’incorporazione di materia organica.

Continua a leggere:  La libellula, un bellissimo insetto degli ambienti acquatici

formiche del genere Mirmica tratta anche i bruchi delle farfalle del genere Fengaris tra cui Azuré di timo selvatico, Azuré di mouillères, Azuré di paluds, Azuré di la croisette, Azuré di sanguisorbe. I bruchi di molte specie mantengono legami più o meno stretti con una o più specie di formiche. Certe associazioni sono necessarie per la comparsa dell’imago; è il caso delle specie che abbiamo appena citato e questo spiega l’uso del termine “cura”. Fu l’entomologo austriaco Erich Wasmann a descrivere per la prima volta questo fenomeno nel 1894. Accade spesso che le formiche nutrano le larve delle farfalle molto più delle loro stesse larve. Le formiche consumano molta energia, a scapito delle proprie larve, ed è stato osservato che in alcune colonie di Mirmica rubraquesto potrebbe arrivare fino alla morte per sfinimento dei lavoratori.

Ovviamente le formiche sono anche un anello della catena alimentare e sono cibo per molti animali: lucertole, ragni, uccelli, ecc.

Cosa fare se sei stato morso da Mirmica rubra ?

La puntura di una formica del fuoco può causare ustioni dolorose perché dopo aver morso il suo bersaglio, l’insetto inietta un veleno contenente alcaloidi e proteine ​​che possono causare reazioni allergiche. Il prurito e l’infiammazione locale possono durare diversi giorni. Le reazioni anafilattiche e l’edema sono rari ma possono ancora verificarsi. Se hai infastidito queste formiche e ti attaccano, il riflesso da adottare è quello di spazzarle via con gesti rapidi. Non devono essere schiacciati o annegati in quanto ciò aumenta la loro aggressività e quindi il numero di morsi.

Dove puoi incontrare una formica rossa?

La formica rossa è presente in tutta la Francia ma più particolarmente negli ambienti umidi e freschi. Questa specie di formiche non sopporta il calore eccessivo. Si trova maggiormente nelle Alpi e nella Valle del Rodano. Vive nel terreno e sotto i sassi, nei boschi o nei nostri giardini. Ama i ceppi di legno umidi e il muschio che può crescere sugli alberi morti.

Continua a leggere:  Qual è la differenza tra un calabrone e un'ape carpentiere?

In natura, Mirmica rubra fonda colonie composte da decine di regine. È nella foresta che li incontriamo di più. Questa formica fa attenzione a non sviluppare batteri nel suo nido, soprattutto perché potrebbe entrare abbastanza velocemente negli ambienti umidi che occupa. Inoltre, i nidi sono organizzati in modo che la circolazione dell’aria sia costante. Questo è il motivo per cui costruiscono un grande tumulo sopra il nido. Creano aperture lì che si aprono e si chiudono secondo il loro bisogno di aria e luce solare. Questa caratteristica rende il loro habitat particolarmente riconoscibile.

In Canada, Mirmica rubra è presente in quasi tutte le province. È identificato come una specie invasiva preoccupante che rappresenta un grave rischio per le persone, l’ambiente e l’economia. Mirmica rubra è noto che c’è uno spoiler da picnic. Le colonie a volte sono così grandi che è impossibile per gli amanti delle attività ricreative all’aperto sedersi comodamente sull’erba. In Nord America, queste formiche stabiliscono le loro colonie lungo i corsi d’acqua, attorno alle radici e sotto i tronchi degli alberi, sotto le foglie morte e le pietre. Sono più attivi dalla tarda primavera all’inizio dell’autunno, quando le temperature aumentano.

La riproduzione di Mirmica rubra

Dopo la fecondazione, la regina depone le uova. Le larve che si schiudono si trasformano in ninfe e poi in operaie. Alcuni di loro sverneranno allo stadio larvale per trasformarsi in regine la primavera successiva. Ma alla non competizione ci pensa la regina esistente: emette ormoni inibitori che provocano la denutrizione delle larve. Se alcune riescono a diventare regine, le operaie le morderanno. Ciò avrà l’effetto di fermare il loro sviluppo come regina; si trasformeranno in semplici lavoratori. Man mano che la colonia cresce, questo controllo si indebolisce, favorendo però la comparsa di maschi e femmine, alcuni maschi essendo deposti dalle operaie per partenogenesi arrenotoca (fenomeno individuato anche nelle api che invecchiano).

Una colonia di formiche rosse europee può quindi avere diverse regine e contenere fino a 10.000 operaie.

Alcune specie affini che possono essere confuse con una formica rossa

I non specialisti possono facilmente prendere Camponote rosso (Camponotus cruentato) per una formica rossa. Le operaie sono nere ma la parte posteriore del mesosoma (il torace) e la parte anteriore dello stomaco sono rossastre. Ma è una grossa formica perché la dimensione delle operaie varia tra 6 mm e 1,4 cm. Difficilmente lo incontrerai se non intorno al Mediterraneo. Non punge ma le sue dimensioni lo rendono capace di mordere al punto da provocare una sensazione sgradevole. Questa formica è dannosa anche perché, se non mangia il legno, vi scava delle gallerie, provocando così notevoli danni nelle abitazioni. Inoltre, è una specie sociale che vive in colonie di più di 5.000 operaie raggruppate intorno a un’unica regina.

formica rufa è una specie di formiche del genere Formica, meglio conosciuta come la formica del bosco rosso. È comune in gran parte dell’Europa, nelle foreste di conifere e latifoglie o nei parchi. Le operaie sono bicolori, rosso rossiccio e bruno-nero, con una macchia dorsale scura sulla testa e sul retro del corpo. Misurano da 4,5 a 9 mm di lunghezza. Sono anche piuttosto aggressivi. Possono inviare un getto di acido formico a 25 centimetri di distanza. I nidi di queste formiche sono grandi, formando una cospicua cupola, solitamente nel sottobosco aperto. Questa specie di formica è comunemente utilizzata nel settore forestale per controllare altri insetti nocivi.

Continua a leggere:  Quali sono le differenze tra anfibi e batraci?

I lavoratori di Formica sanguinea misurano tra 6 e 9 mm e la testa e il torace sono rossastri. È interessante perché è l’unica formica europea che schiavizza altre formiche appartenenti al sottogenere Serviformica. Questo sistema di organizzazione è diventato essenziale per loro perché hanno gradualmente perso la capacità di allevare da soli la propria nidiata.

I lavoratori di Lasius flavus misurare tra 3 e 5 mm. Sono di colore chiaro ma giallo-arancio anziché veramente rosso. Il loro nome vernacolare è anche “formica gialla”. Ma quando si cerca di evitare di essere punti da un insetto e si trovano buoni motivi per evitarlo, è facile giudicare male le sfumature di colore…

Author

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *