Il tritone: come e dove vive? Tutto sul tritone

triton palme 081149

Il tritone è un anfibio che vive sia nell’ambiente acquatico che sulla terraferma. È un animale straordinario su così tanti livelli. Per vederlo bisogna essere tenaci perché è temibile, tanto più che le diverse specie di tritoni sono più attive di notte che di giorno durante la fase terrestre.

Chi è il tritone?

Il tritone appartiene alla famiglia di Salamandridi e all’ordine di Urodela (O Caudata). Tra questi urodeli troviamo anche le salamandre. Esistono diverse specie di tritoni nel mondo, le più comuni in Francia sono descritte di seguito.

Tritone palmato (Lissotriton helveticus)

Tritone palmato (Lissotriton helveticus)

Questo tritone è la più piccola di tutte le specie presenti in Europa. Non è molto colorato, tanto che si confonde facilmente con il suo ambiente, sia sul fondo degli stagni che sul terreno ricoperto di foglie. Il maschio è riconoscibile dalle bande che adornano il suo cranio e solitamente uno dei suoi occhi, dalla sua tinta verdastra e dai suoi fianchi giallo crema leggermente punteggiati di macchie nere. Per quanto riguarda il tritone palmato femmina, è di colore piuttosto rosato e la sua pancia è arancione. Sia i maschi che le femmine hanno la gola totalmente priva di macchie o bande.

Tritone maculato (Lissotriton vulgaris)

Il tritone maculato (Lissotriton vulgaris)

È comunemente chiamato tritone comune, tritone lobato e talvolta anche tritone comune. Si riconosce per il suo colore verdastro tendente all’olivastro con sfumature rosate. Come in altri tritoni, il maschio ha questo famoso ornamento chiamato cresta. Si notano grandi macchie dorsali molto scure al limite del nero e una fascia da rossa ad arancione sul ventre. La sua gola maculata è rosa o grigia e la base della coda è arancione. Il tritone maculato femmina è molto più blando in termini di colore.

Il tritone maculato può vivere fino a 1.000 m di quota, in acque poco profonde ma molto vegetate e in terreni umidi e ben alberati, dove sverna durante la stagione fredda.

Continua a leggere:  Formiche volanti: chi sono? Dove vivono?

Tritone marmorizzato (Triturus marmoratus)

Il tritone marmorizzato (Triturus marmorato)

Questo tritone è protetto a livello nazionale. Ha una buccia granulosa, verde con marezzature grigie e nere. Macchie bianche sono visibili sul suo ventre di colore piuttosto scuro. I colori del tritone sono più vividi quando si evolve su un’area terrestre. Il maschio ha una cresta nera a strisce verticali. Solo i giovani tritoni marmorizzati e le femmine sfoggiano una linea arancione lungo la spina dorsale.

È il più discreto di tutti i tritoni poiché la sua attività è essenzialmente notturna. Tranne durante il periodo riproduttivo quando sta prevalentemente in zone d’acqua, può nascondersi sotto siepi, sassi, in foreste e boschi, anche su terreno asciutto, fino a 800 m di quota.

Tritone alpino (Ichthyosaura alpestris)

Tritone alpino (Ichthyosaura alpestris)

È l’unico rappresentante del genere Ittiosaura. Si trova in alta quota, da qui il suo nome. Il tritone alpino esce prevalentemente di notte per cacciare quando si trova nella fase terrestre. Come altri tritoni si riproduce durante la fase acquatica, e in questo ambiente sembra più sicuro perché non esita ad alimentarsi durante il giorno.

Si identifica per il dorso più o meno beige punteggiato di sagome scure che si ritrovano anche sulla testa e sulle zampe, e per il ventre arancione. Durante la fase nuziale, i fianchi del maschio diventano blu brillante mentre la femmina (molto più grande del maschio anche in questa specie) conserva un colore relativamente spento durante tutto l’anno.

Il tritone crestato o tritone crestato (Triturus cristatus)

Il tritone crestato o tritone crestato (Triturus cristatus)

Protetto sul nostro territorio nazionale, il tritone crestato è sempre più raro. La sua pelle è verrucosa. Anche se pesa solo da 7 a 9 g, è il più grande dei tritoni. Raggiunge la sua maturità sessuale a 3 anni.

La femmina ha una cresta caudale, sfoggia un ventre arancione con macchie nere e può raggiungere i 18 cm di lunghezza. Più piccolo con una lunghezza massima di 14 cm, il maschio ha un’alta cresta dorsale seghettata e la sua livrea è marrone scuro o blu nerastra, punteggiata di macchie nere e rotonde. I suoi fianchi sono punteggiati di bianco mentre uno specchio d’argento adorna la sua coda e le barre nere risaltano sulle sue lunghe dita gialle. Il tritone crestato ha la particolarità di poter essere identificato singolarmente dalla forma delle sue macchie ventrali.

Continua a leggere:  Il Cappuccino, una piccola scimmia del Centro e Sud America

È il più acquatico di tutti i tritoni. Vive negli stagni vegetati, nelle acque ferme, nei fossi, nelle paludi, ma anche sulla terraferma, sotto i sassi e nelle cavità delle radici degli alberi.

Riproduzione di tritoni

Nei tritoni la primavera è la stagione riproduttiva, un periodo duro per i maschi che si scontrano. Iniziano a corteggiarsi con un corteggiamento che varia a seconda della specie ma nel complesso sembra una coreografia perfettamente sincronizzata. Il maschio sfoggia colori sgargianti tanto che si parla di livrea nuziale.

Emette feromoni agitando la coda per attirare l’attenzione della femmina e sedurla. I feromoni sono prodotti dalle ghiandole cloacali e dalle ghiandole dorsali. Quando la bellezza è consenziente, il maschio deposita nell’ambiente acquatico delle capsule contenenti i suoi spermatozoi, e che vengono chiamate spermatofore. La femmina quindi li assorbe attraverso le sue labbra cloacali per immagazzinarli in ghiandole specifiche. Dopo alcuni giorni depone diverse centinaia di uova nell’acqua di uno stagno o stagno, sulle foglie delle piante acquatiche. Le uova si schiudono dopo una quindicina di giorni.

Newt, un animale vulnerabile

In generale i tritoni si nutrono di molluschi, insetti, bruchi, lombrichi, lumache, zanzare, girini e piccoli pesci. Non fanno mancare il cibo durante tutta la loro vita che può raggiungere al massimo i dieci anni.

D’altra parte è molto esposto all’inquinamento del suo ambiente acquatico o terrestre e ai suoi numerosi predatori come lo sciopero, l’airone, la gallinella d’acqua, il germano reale e altri uccelli. È anche molto vulnerabile quando è ancora allo stato larvale poiché può essere divorato da pesci, rane e persino da alcuni insetti.

Crediti fotografici: André Chatroux n°1 – Fritz Geller-Grimm n°2 – Clara Cartier n°3 – Christian Fischer n°5

Continua a leggere:  Perché alcune persone attirano le zanzare e altre no?

Author

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *