Lemuri, cosa caratterizza questa famiglia di primati?

lemurien 071053

I lemuri sono piccoli animali amichevoli con caratteristiche uniche. Questi primati sono considerati lontani cugini delle scimmie e forse anche dei loro antenati. I lemuri vivono sull’isola del Madagascar. Si ritiene che siano arrivati ​​​​a questa destinazione molto tempo fa su tronchi d’albero galleggianti dopo un disastro naturale. I primi ad aver colonizzato il Madagascar sono i più piccoli che conosciamo oggi. Si chiamano Microcèbes e all’epoca avevano le dimensioni di un topo.

Lemuri, cosa caratterizza questa famiglia di primati?

Lemuri, animali emblematici

I lemuri si riconoscono dai loro grandi occhi rotondi che spesso sembrano perplessi. Hanno anche determinati comportamenti che possono essere descritti come mimetismo umano. Vogliamo accarezzarli così tanto, sembrano morbidi e carini. Ma attenzione, non bisogna fidarsi di loro, perché rimangono animali selvatici e alcuni dei loro antenati erano il doppio delle dimensioni umane e pesavano anche fino a 200 kg. I lemuri sono emblematici dell’isola perché sono stati spesso oggetto di leggende e racconti malgasci. A volte venivano descritti come creature cannibaliste, poi come portafortuna o cattivi presagi. Così, alcuni furono cacciati e altri adorati secondo la loro specie. Oggi questi animali sono conservati. I malgasci ne adottano alcuni come animali domestici. Altri, invece, come gli Aye Aye li spaventano e sono sempre considerati di cattivo auspicio. Sarà per le grida lugubri e il loro aspetto spettrale che terrorizzano ancora la popolazione autoctona? C’è la domanda.

Dove incontrare i lemuri?

Per incontrare i lemuri che vivono allo stato brado, devi andare in Madagascar, perché sono presenti solo su quest’isola. Mentre camminiamo, li incontriamo quasi ovunque ai margini delle foreste. Alcuni sono presenti anche a Mayotte e nelle Comore, ma negli zoo come ovunque nel mondo. I lemuri sono in pericolo, poiché il loro habitat naturale è stato distrutto dagli umani nel corso degli anni nella foresta pluviale.

Continua a leggere:  Segni che un cane sta soffrendo e cosa puoi fare per aiutare | Pet Yolo

Specie di lemuri

I lemuri sono tutti primati strepsirrini endemici. Ci sono più di un centinaio di specie attualmente. Il più piccolo è rappresentato dal lemure Topo dal peso di 30 grammi fino all’Indri dal peso di quasi 10 kg. Ad oggi, le specie più grandi sono tutte scomparse dalla superficie del globo.

Fisiologia dei lemuri

I lemuri, come tutti i primati, hanno cinque dita sulle zampe con unghie forti che permettono loro di aggrapparsi ai rami. Molte specie hanno persino sviluppato un’unghia più spessa delle altre chiamata artiglio del gabinetto. Questo artiglio consente all’animale di pulirsi e graffiarsi. L’alluce è separato dalle altre dita per meglio aggrapparsi a un ramo. Il loro organo vomeronasale permette di individuare i loro congeneri grazie ai feromoni che rilasciano.

Le zampe posteriori sono più sviluppate delle zampe anteriori per consentire loro di saltare abbastanza lontano. La loro lingua è molto lunga per catturare il nettare e il polline dei fiori di cui si nutrono. I denti sono molto diversi a seconda della specie. Alcuni come gli Indris hanno denti per tagliare le foglie e macinare i semi. Altri come il Phaner hanno denti più lunghi per mordere la corteccia degli alberi per raggiungere la loro linfa. Hanno tutti un pettine formato da sei denti, tranne alcuni che da adulti ne hanno solo quattro, perché perdono i giovani incisivi.

L’olfatto, un senso molto importante nei lemuri

I lemuri hanno un potente senso dell’olfatto che usano per comunicare, soprattutto di notte. Possiamo notare che il loro muso è piuttosto lungo. Contrariamente a quanto si potrebbe pensare, i lemuri si muovono quindi più con il loro sviluppato senso dell’olfatto che con la loro capacità visiva. Anche la loro acuità visiva è piuttosto bassa sebbene abbiano una forte sommatoria retinica.

Continua a leggere:  Cosa mangiano i delfini? Tutto sul loro cibo

Metabolismo dei lemuri

Il lemure può conservare la sua energia durante la stagione secca. Può così ridurre il suo fabbisogno di acqua e cibo fino al 20%. Al sole, il lemure è esposto seduto, curvo e rannicchiato insieme per ridurre la perdita di calore al fine di conservare il numero massimo di calorie. Prima che arrivi la stagione secca, il lemure accumula grasso alla base delle zampe posteriori e della coda per proteggersi dal caldo quando arriva il momento.

Il comportamento del lemure

Il comportamento del lemure varia in base a:

  • La sua locomozione
  • La sua dieta
  • Il suo sistema sociale
  • La sua attività
  • Le sue comunicazioni con i suoi coetanei
  • Allevare i suoi piccoli

Questo comportamento varia anche a seconda della specie. I piccoli lemuri sono più notturni dei grandi lemuri che sono diurni.

Cibo per lemuri

Da una specie all’altra, il cibo del lemure è molto variabile. I più piccoli sono frugivori e insettivori mentre i più grandi sono erbivori. Invece, per preservare la razza, quando hanno fame mangiano tutto ciò che è commestibile e diventano onnivori. Le piante che crescono in Madagascar rimangono la maggior parte della loro dieta, perché la maggior parte delle specie sono arboree tranne il Maki Vari bianco e nero che consuma solo erba.

Il lemure è un animale socievole e vive in gruppi di almeno quindici individui. I lemuri notturni, invece, pur essendo socievoli, spesso vivono soli per cercare il cibo e poi nidificano con gli altri durante il giorno. Oggi questi simpatici animaletti sono minacciati da molti problemi ambientali come la caccia, il commercio di animali esotici, i cambiamenti climatici e soprattutto la massiccia deforestazione. Molte associazioni e zoo stanno cercando di salvarli dall’estinzione. Speriamo che questo simpatico piccolo primate possa sopravvivere e riprodursi nel suo ambiente naturale e ripopolare l’isola del Madagascar negli anni a venire.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *