Serpente del pene, anfibio senza arti

serpent penis 063202

Serpente del pene, anfibio senza arti

L’origine del suo nome è facile da indovinare poiché il pene del serpente assomiglia a due gocce d’acqua al pene di un uomo. Incontreremo un animale senza gambe, che sembra solo un rettile ma che in realtà è un anfibio, come la rana. Con meno di 10 esemplari scoperti fino ad oggi, il serpente del pene è una creatura acquatica estremamente rara. Dirigetevi verso il Rio delle Amazzoni, in Brasile, per incontrare una specie ancora sconosciuta.

Che tipo di animale è il serpente del pene?

Il serpente del pene appartiene all’ordine Gymnophiona che comprende anfibi vermiformi, più comunemente noti come senza gambe, cecilie o gimnofoni. Queste specie sono caratterizzate da un corpo allungato ricoperto da una pelle liscia, una testa arrotondata adornata da piccolissimi occhi appena visibili, questi animali sono generalmente ciechi. Senza arti, i senza gambe assomigliano a serpenti oa grossi lombrichi, ma in realtà sono vertebrati perché hanno uno scheletro. Dal suo nome scientifico atretochoana eiselti, il serpente pene fa parte della famiglia Typhlonectidae e del genere Atretochoana di cui è l’unico rappresentante. Come tutti gli anfibi, si evolve in ambiente acquatico.

Che aspetto ha il serpente del pene?

Il serpente del pene ha una pelle liscia e dall’aspetto viscido di colore grigio. L’anfibio vermiforme è meglio conosciuto per la sua sorprendente somiglianza con una verga, a cui deve il suo nome comune di serpente del pene. La sua lunghezza (da 72 a 100 cm) e il suo peso (da 140 a 820 g per gli esemplari studiati) fanno di Atretochoana eiselti il ​​più grande caecilium finora conosciuto. Oltre che per le dimensioni, la specie si distingue dalle altre cecilie del bacino amazzonico per molteplici specificità: testa larga e piatta, muso bulboso fortemente prominente, occhi posti in depressioni, grandi narici esterne sigillate e dirette in avanti, numerosi denti e la presenza di una decina di denticoli ventrali (squame ruvide). Le parti laterali e ventrali del suo corpo mostrano una serie di grandi rughe irregolari. Più sottili sul dorso, sembrano anelli, come quelli dei vermi. Il serpente del pene sfoggia una pinna dorsale carnosa e molteplici ghiandole mucose sotto la pelle che appaiono come macchie rotonde. Gli esemplari studiati avevano tra 114 e 118 vertebre.

Continua a leggere:  Informazioni e caratteristiche della razza del cane Beaglier | Pet Yolo

Serpente del pene: come respira senza polmone?

Un’altra caratteristica distingue atretochoana eiselti dei suoi congeneri ceciliani. La maggior parte di questi anfibi, infatti, possiede organi polmonari: alcuni hanno un grande polmone destro e un piccolo polmone sinistro mentre altri hanno due polmoni ben sviluppati. Il pene del serpente ne è completamente privo e presenta varie caratteristiche associate a questo fenomeno, come le coane chiuse (orifizi situati nelle cavità nasali) e l’assenza di arterie polmonari. Di fronte alle caratteristiche tipiche di questa zampa, gli scienziati (Wilkinson e Nussbaum) hanno concluso che l’unico modo per l’animale di catturare l’ossigeno era attraverso la sua pelle. Infatti, nel serpente del pene, i capillari (piccoli vasi sanguigni finissimi) sono estremamente vicini all’epidermide, favorendo così lo scambio di gas. I ricercatori hanno anche ipotizzato che le numerose rughe dell’apodio possano servire ad aumentare la superficie totale della pelle per facilitare la respirazione cutanea.

Dove vive questo anfibio senza arti?

Il serpente del pene è una specie endemica del Brasile che si trova più in particolare negli stati di Pará e Rondônia, nel nord del paese. I rari esemplari osservati sono stati rinvenuti in due località molto distanti tra loro nella pianura amazzonica brasiliana: la prima (Isola di Mosqueiro e Baia di Marajó a Belém) si trova vicino alla foce del Rio delle Amazzoni, e la seconda (Cachoeira Santo Antônio), vicino al confine tra Brasile e Bolivia nel fiume Madeira. L’habitat dell’anfibio ha quindi in comune la bassa quota, l’acqua calda (24-30°C), torbida (torbida perché contiene molto sedimento in sospensione) e la corrente veloce.

Continua a leggere:  Informazioni e caratteristiche sulla razza del cane Doxiepoo | Pet Yolo

Come è stato scoperto il serpente del pene?

Risale al 1968 la descrizione della specie Atretochoana eiselti di Edward Harrison Taylor è quindi relativamente recente. Edward Harrison Taylor, erpetologo americano, ha basato il suo studio su un esemplare rinvenuto in Sud America – senza ulteriori dettagli – ed esposto al Museo di Vienna in Austria (il nome Atretochoana eiselti è stato attribuito in onore dell’erpetologo austriaco Josef Eiselt). Fino ad allora la comunità scientifica era a conoscenza solo di 2 esemplari scoperti da Sir Graham Hales nella foresta pluviale brasiliana, durante una spedizione effettuata alla fine del 1800. Nel novembre 2011, 6 nuove creature sono state scoperte accidentalmente dagli ingegneri che lavoravano alla costruzione di una diga a Rondônia. Nel 2013, altri individui sono stati registrati a più di 2.500 km di distanza, durante il drenaggio di parte del fiume Madeira, anche nell’ambito di un progetto di impianti idroelettrici.

Qual è lo stile di vita del serpente del pene?

La maggior parte dei ceciliani sono predatori carnivori e il serpente del pene, sebbene poco conosciuto, non farebbe eccezione. L’anfibio vermiforme si nutrirebbe di piccoli pesci, vermi e altri invertebrati acquatici. Come la maggior parte delle specie di gimnofoni, il serpente del pene ha una vista molto scarsa e naviga nel suo ambiente principalmente attraverso il suo senso dell’olfatto. La conoscenza del suo modo di vivere rimane scarsa perché, come abbiamo visto sopra, questo animale discreto si rende sfuggente, sfuggendo così al lavoro scientifico. Per gli stessi motivi, al momento non è possibile determinarne lo stato di conservazione. In assenza di informazioni, la specie Atretochoana eiselti è classificato come “Data Deficient” dall’Unione internazionale per la conservazione della natura (IUCN).

Continua a leggere:  Ritratto della razza del bovaro bernese nella rivista canina | Pet Yolo

Author

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *