L’elefante marino: uno dei più grandi mammiferi marini!

mirounga 121302

L'elefante marino: uno dei più grandi mammiferi marini!

Gli elefanti marini, behemoth tra i mammiferi marini, sono animali molto interessanti. Hanno uno stile di vita e un funzionamento molto lontani da quello che si potrebbe immaginare di un mammifero e, sorprendentemente, si trovano ai due poli del globo terrestre. Diamo un’occhiata ai misteri che questo incredibile animale marino ha in serbo per noi.

Cos’è un elefante marino?

L’elefante marino è un mammifero marino, della famiglia Phocidae (la famiglia delle foche), e del genere Mirounga. Ne esistono due specie: gli elefanti marini meridionali e quelli settentrionali, su questo torneremo più avanti. Questi grandi mammiferi vivono tra i 30 ei 50 anni (le femmine generalmente vivono più a lungo dei maschi).

fisionomia dell’elefante marino

L’elefante marino è ricoperto da un mantello che va dal grigio al marrone, a seconda dell’età. Questi animali possono pesare fino a 2 tonnellate per un maschio e 800 kg per una femmina, e misurare da 4 a 6 metri nei maschi e da 2,70 a 3 metri nelle femmine.

Come avete visto, il dimorfismo sessuale (differenza fisica tra maschi e femmine) è molto presente in queste specie, poiché il maschio può pesare fino a 4 volte una femmina, e il doppio della sua taglia. .

Nel maschio dominante le sue narici si sviluppano, fino a formare una protuberanza a forma di tronco, che servirà da cassa di risonanza per i suoi ruggiti e grugniti durante la stagione riproduttiva, per spaventare i suoi rivali che sarebbero tentati di mettere incinta lo stesso femmine come lui.

La testa, che sembra piccolissima rispetto al corpo, ha piccoli occhi neri, ed è ornata da numerose vibrisse (o baffi).

Le sue gambe, sia davanti che dietro, sono atrofizzate. Tuttavia, possono essere dispiegati a forma di palma, per fungere da propulsore, sia in acqua che sulla terraferma.

L’elefante marino può sembrare piuttosto goffo, soprattutto sulla terraferma, ma sorprendentemente può muoversi fino a 8 km/h.

Le due specie di elefanti marini

L’elefante marino del nord (Mirounga angustirostris) e l’elefante marino del sud (Mirounga Leonina) hanno poche differenze. Ci sono solo due caratteristiche principali che differenziano le due specie:

  • aspetto: l’elefante marino meridionale è più massiccio e leggermente più grande di quello settentrionale, che ha un muso più sottile.
  • la localizzazione. Le due specie, infatti, non vivono dalla stessa parte del globo: l’elefante marino del sud, come suggerisce il nome, vivrà piuttosto nel sud dell’Oceano Indiano, e nelle acque vicine all’Antartide, e si riprodurrà su le isole che confinano con questo continente, così come nella Georgia del Sud; l’elefante marino settentrionale vive maggiormente nel nord-est dell’Oceano Pacifico e migrerà in Alaska, in California o nella bassa California per riprodursi.

Lo stile di vita dell’elefante marino

Contrariamente a quanto si potrebbe pensare, gli elefanti marini non trascorrono la loro vita sulla spiaggia, tuffandosi di tanto in tanto per nutrirsi. Al contrario, questi grandi mammiferi trascorrono la stragrande maggioranza della loro esistenza sott’acqua alla ricerca di prede di cui nutrirsi, e pur essendo privi di branchie hanno quindi bisogno di aria dalla superficie per respirare, hanno un’incredibile capacità di apnea. Grazie a ciò, un elefante marino può immergersi fino a 1000 metri di profondità e rimanere in apnea sott’acqua per 20 minuti. Il record mondiale registrato parla addirittura di un’immersione di 1998 metri e un tempo di immersione di due ore!

Gli elefanti marini individuano la loro preda grazie alle loro vibrisse, che riescono a percepire le vibrazioni causate dal movimento di detta preda. Queste prede che sono anche vari pesci, ma soprattutto i calamari, il loro cibo preferito. A volte si nutrono anche di piccole specie di squali.

Nonostante le dimensioni e il peso, l’elefante marino ha anche molti predatori, come orche assassine, foche leopardo e grandi squali bianchi, che tendono a cacciare i giovani che nascono durante l’anno e che sono prede più facili.

L'elefante marino: uno dei più grandi mammiferi marini!

Riproduzione di elefanti marini

Gli elefanti marini si trovano ogni 11-12 mesi (periodo di gestazione di una femmina) sulle spiagge sopra menzionate. Su queste spiagge le femmine partoriranno il loro unico piccolo, che misurerà circa un metro e peserà tra i 30 ei 35 kg. Verrà allattato dalla madre per circa tre settimane, durante le quali triplicherà le sue dimensioni, e lei dovrà proteggerlo dal maschio che potrebbe ucciderlo schiacciandolo, mentre lui difende il suo territorio e il suo harem da altri maschi. corteggiatori. Durante tutto questo tempo la madre non mangerà e perderà molto peso. Per fortuna il suo spesso strato di grasso sarà sufficiente a colmare questo periodo di digiuno.

Le femmine saranno in grado di riprodursi all’età di circa tre anni, mentre un maschio non si riprodurrà fino a nove o dieci anni, anche se sarà sessualmente maturo a quattro anni.

I piccoli, una volta svezzati, si riuniscono nella nursery, il tempo di fare la muta e perdere la lanugine nera (la pelle nera del bambino per la quale sono stati a lungo cacciati), e di iniziare a imparare a nuotare.

È quindi giunto il momento per i maschi di fecondare il loro harem. Un maschio può fecondare fino a 300 femmine in una stagione riproduttiva.

Come avrai visto, gli elefanti marini sono animali affascinanti. Sebbene molto diversi nel loro modo di vivere rispetto a un mammifero terrestre, ci sono tuttavia molte somiglianze, come l’istinto materno e protettivo di una madre, l’allattamento o semplicemente l’essere vivipara. Anche se non viviamo allo stesso modo, ci somigliamo ancora su molti punti.

Continua a leggere:  La marmotta, mammifero comune delle nostre montagne, da osservare in estate

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *