L’armadillo, un buffo mammifero sgusciato

tatou 071608

Oggi esistono 21 specie di armadilli, mammiferi a dir poco sorprendenti con il loro carapace che evoca una sorta di cotta di maglia. Scopriamo chi è l’armadillo, questo animale solitario, emblema ufficiale del Texas ma che più in generale simboleggia il Nord America.

tatou 071608 mammifero sgusciato “>

Armadillo: caratteristiche principali

Il termine armadillo (Cingulata) designa diverse specie della famiglia di Clamiforidi e quello di Dasypodidae. Si noti che quest’ultimo include anche armadilli ora scomparsi. La gamma di armadilli comprende, America centrale e Sud America.

Questi mammiferi onnivori o insettivori sono ricoperti da un piatto corneo, una sorta di scudo che li protegge dai predatori. Non appena si sentono attaccati o spaventati, questi animali si appallottolano allo stesso modo del pangolino. L’armadillo ha le zampe corte, all’estremità delle quali si possono vedere artigli potenti e ricurvi. Sa nuotare e quando deve muoversi in un ambiente acquatico si gonfia d’aria. Ha una grande capacità di adattamento.

Il carapace degli armadilli è composto da uno strato di corno che ricopre diverse placche ossee articolate tra loro. In alcune specie le pieghe della pelle separano queste placche l’una dall’altra, mentre in altri armadilli le diverse parti del carapace sono separate da bande squamose. Questa conchiglia viene utilizzata per realizzare uno strumento musicale a corde pizzicate, il charango, principalmente in Bolivia. Ma in alcuni paesi la pelle dell’armadillo viene utilizzata per fare cesti.

Tra le 21 specie, possiamo citare, ad esempio, l’armadillo nano, l’armadillo gigante che pesa dai 50 ai 55 kg, l’armadillo a tre bande, l’armadillo a nove bande, detto anche armadillo comune, o il grande armadillo peloso.

Weiterlesen:  Dugongo, mammifero marino erbivoro

L’aspettativa di vita di un armadillo va dai 12 ai 15 anni.

Armadillo: stile di vita e riproduzione

L’armadillo è un grande solitario al di fuori della stagione riproduttiva. È un animale scavatore, pacifista, che non attacca i suoi congeneri per difendere il suo cibo. Preferisce fuggire dalla promiscuità piuttosto che combattere. Questo animale non segna il suo territorio come fanno molte altre specie. I maschi, invece, difendono la loro femmina così come il loro luogo di vita che è una tana scavata con i loro artigli, rivestita da uno spesso strato di foglie e composta da diverse gallerie.

La modalità di riproduzione degli armadilli ha una particolarità: l’impianto ritardato. Ciò significa che dopo l’accoppiamento, l’ovulo fecondato può attendere diversi mesi prima di attaccarsi alla parete uterina dove potrà poi svilupparsi. Questo protegge i futuri bambini dal rischio di carestia a causa di una grave carenza di cibo o anche da grandi pericoli climatici. Questo differimento può durare fino a sette mesi. Una volta impiantato l’ovulo nell’utero, la gestazione dura quattro mesi (120 giorni).

Alla nascita i cuccioli di armadillo hanno un guscio, ma è ancora morbido e si indurirà in poche settimane. La loro madre si prende molta cura della sua prole, che può stare con lei fino a un anno. Investe molto nell’insegnare loro a cavarsela da soli.

Gli armadilli sono animali esclusivamente notturni difficili da osservare e quindi da studiare. Si può notare, però, che nell’armadillo a nove bande una femmina partorisce sempre quattro gemelli nati dallo stesso ovulo e dallo stesso sesso – sono tutti rigorosamente identici –, e che le altre specie ne hanno solo uno piccolo ogni due anni come sembra essere il caso dell’armadillo gigante.

Weiterlesen:  Dove osservare le balene in Francia e nel mondo?

Sebbene l’armadillo non abbia ancora svelato tutti i suoi segreti, sappiamo che la specie di armadillo a nove bande è molto sensibile al bacillo di Hanson (Mycobacterium leprae, il batterio responsabile della lebbra e che sarebbe stato implicato in molti casi di contaminazione nell’uomo. Questa malattia è estremamente grave e gli scienziati stanno lavorando alla ricerca di un vaccino contro la lebbra. L’armadillo a nove bande è stato utilizzato anche per la ricerca su questa malattia.

Auteur

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *