Il rospo delle canne, il rospo più grande del mondo!

crapaud buffle 055408

Il rospo delle canne, il rospo più grande del mondo!

Chi non ama gli anfibi odierà Renania marina. In effetti, il rospo delle canne, chiamato anche rospo bovino o rospo gigante, è un animale molto grande. Il più grande esemplare conosciuto, registrato nel Guinness dei primati, era lungo 38 cm (54 cm quando allungava gli arti) e pesava 2,65 kg. Ingrandisci questo insolito animale in più di un modo.

Che aspetto ha il rospo delle canne?

Il rospo delle canne non assomiglia per niente a un principe azzurro! La sua pelle è secca e coperta di verruche. Il colore della parte superiore dell’animale varia notevolmente: grigio, giallastro, rosso-marrone, marrone oliva, con possibili motivi. Il ventre è più spesso color crema, ma a volte può essere macchiato di nero o marrone. La sua testa è triangolare e appiattita. E se le dita dei piedi sono unite alla base da una sottile pelle carnosa, non sono dita palmate in senso stretto.

Il rospo delle canne ha ghiandole parotoidi, che producono veleno, sulle spalle. Sono ben visibili perché particolarmente voluminosi rispetto ad altre specie di rospi. La particolarità del rospo delle canne è quella di presentare ghiandole di forma diversa da un individuo all’altro. Possono essere lisci (il più delle volte) ma possono anche essere ricoperti da piccoli tubercoli spinosi.

Nel rospo delle canne, la femmina è più grande del maschio. È comune che misuri tra 10 e 15 cm. Siamo quindi abbastanza lontani dal record citato nell’introduzione… Si trattava in realtà di un rospo tenuto in cattività da uno svedese. In natura, i rospi più grandi si trovano nelle aree in cui la popolazione è meno densa, cioè dove c’è meno competizione per il cibo.

Dov’è il rospo delle canne?

Il rospo delle canne è originario dell’America centrale e meridionale ma è presente anche in varie regioni del Pacifico e dei Caraibi. Mentre l’Australia affrontava le devastazioni del punteruolo della canna da zucchero, nel 1935 nacque l’idea di utilizzare il rospo della canna come arma biologica contro i parassiti. Un centinaio di rospi sono stati così dispersi nelle aree agricole interessate. Tuttavia, l’animale non si è dimostrato efficace come sperato. D’altra parte, poiché è un animale che si adatta facilmente al suo ambiente, si è moltiplicato rapidamente fino a diventare oggi un parassita a causa della sua proliferazione. Nel suo ambiente naturale, alcuni animali sono immuni al suo veleno: caimano dal naso largo (Caimano latirostris), serpente di cocco (Leptodeira anulata), anguille, varie specie di killis, specie di pesce gatto e ibis. Altrove, l’aquilone fischiante (Haliastur sfenurus), il rakali (Hydromys chrysogaster), il topo nero (ratto ratto) e Varano malese (Varano salvatore) sono in grado di mangiarlo.

Continua a leggere:  La cimice, un insetto dal cattivo odore

Il rospo delle canne può resistere a temperature comprese tra 40 e 42 ° C al massimo. Sul lato minimo, generalmente non scende sotto i 10-15°C. Tuttavia, questo anfibio è davvero notevole perché si adatta al punto da riuscire a sopravvivere al di sopra e al di sotto di questi valori. È molto tollerante alla disidratazione e può sopportare una perdita d’acqua corrispondente alla metà di quella contenuta nel suo corpo. È per questo motivo che può adattarsi e sopravvivere anche in climi non tropicali.

Contrariamente a quello che il suo nome scientifico Renania marina potrebbe suggerire, il rospo delle canne vive esclusivamente sulla terraferma. Le femmine, invece, fanno eccezione per la deposizione delle uova, che avviene in acqua dolce (stagni, stagni, fossi, ruscelli o canali). Il rospo delle canne ha ancora bisogno di umidità. Funziona bene in vari ambienti modificati dall’uomo come giardini, canali di scolo, piantagioni di canna da zucchero, sentieri o parchi.

Cibo del rospo delle canne

Il rospo delle canne usa principalmente la vista per localizzare la preda, ma può anche usare l’olfatto. Sorprendentemente perché molto insolito tra rospi e rane, il rospo delle canne è un opportunista che si nutre di animali vivi e morti. Si nutre di insetti, ragni, vermi, lumache, piccoli rettili, piccoli mammiferi, altri anfibi… In alcune zone del mondo è stato utilizzato anche per combattere i topi, con gli stessi risultati del punteruolo della canna da zucchero. La sua dieta è varia al punto che oltre agli animali sopra menzionati, capita di mangiare piante. Se vive vicino agli umani, può consumare cibo per cani e nutrirsi di rifiuti domestici.

I girini si nutrono di alghe e altre piante acquatiche. Filtrano l’acqua per estrarre la materia organica. Ma soprattutto possono consumare uova della propria specie e girini più giovani di loro. Questo cannibalismo è la principale causa di morte dei giovani.

Il rospo delle canne è pericoloso?

Solo gli adulti hanno le ghiandole parotoidi, ma anche i girini sono velenosi. Quando il rospo è minacciato, secerne un liquido bianco latte chiamato bufotossina. Può persino lanciarlo a una distanza di 30 cm. Questa tossicità è abbastanza alta da uccidere molti animali. Coccodrilli e varani sono già morti mangiando un rospo delle canne.

Uno dei composti della bufotossina è usato come droga allucinogena in Australia. La sua pericolosità è equivalente all’eroina. Questo composto provoca allucinazioni che di solito durano meno di un’ora.

Continua a leggere:  Vespa del fico, strana simbiosi tra insetto e frutto

Ma i ricercatori hanno scoperto altre proprietà più interessanti di questo veleno. Il veleno del rospo della canna ha effetti anticancerogeni sulle cellule prendendo di mira le cellule cancerose risparmiando le cellule sane. Non sradica completamente i tumori, ma rallenta la progressione della malattia in alcuni pazienti. In Cina, una medicina chiamata Huachansu deriva dal veleno essiccato del rospo delle canne e viene utilizzata per rallentare la progressione dei tumori del fegato, dei polmoni, del colon e del pancreas.

Riproduzione del rospo delle canne

Le femmine iniziano a deporre le uova quando hanno due anni. La maturità viene raggiunta quando l’animale raggiunge una certa taglia, che varia a seconda della posizione geografica. Vengono rilasciate tra le 8.000 e le 25.000 uova sotto forma di lunghe catene gelatinose che possono raggiungere i 20 metri di lunghezza.

La temperatura varia la durata della crescita. I girini si schiudono tra le 14:00 e quasi una settimana. Ci vogliono quindi dai 12 ai 60 giorni perché il girino diventi un rospo. La crescita non è completa poiché il rospo delle canne è lungo solo 1 cm. Tra la fase del girino durante la quale l’animale è tossico e la fase del rospo adulto, c’è un periodo di tempo durante il quale il rospo delle canne è indifeso e vulnerabile. È grazie a questo che la popolazione si autoregola più o meno perché solo lo 0,5% dei rospi diventa adulto.

Se un rospo delle canne può aspettarsi di vivere dai 10 ai 15 anni, tenuto in cattività e ben curato, può vivere fino a 35 anni.

Continua a leggere:  Gestazione degli elefanti: riproduzione, durata, parto

Con chi non va confuso il rospo delle canne?

In Australia, i rospi delle canne adulti possono essere confusi con le grandi rane endemiche dell’isola. Tuttavia, queste specie non hanno le famose ghiandole parotoidi.

Né dobbiamo confondere Renania marina con Pyxicephalus adspersus, chiamato rospo delle canne africano. Non frequentano le stesse aree geografiche ma il nome di quest’ultimo può trarre in inganno.

Author

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *