Il tamarindo, una scimmietta dal muso croccante

tamarin 074816

Quando alcuni sfoggiano un mantello rosso sgargiante, altri sfoggiano maestose baccanti. Qualunque sia la sua specie, il tamarino non manca di fascino. Incontra un’adorabile scimmietta che salta dalle viti ai rami nelle foreste dell’America centrale e meridionale.

Il tamarindo, una scimmietta dal muso croccante

Carta d’identità del tamarindo

Tamarin è il nome vernacolare dato a diverse specie di scimmie (le platirine) del continente americano appartenenti alla famiglia Callitrichidae. Tra questi piccoli primati platirini del Nuovo Mondo, troviamo i generi Saguinus (i più rappresentati e comunemente chiamati “sagouins”), Pinchés, Callimico e Leontopithecus (vale a dire che i soli tamarini leone formano il genere Leontopithecus). Esistono quindici specie di tamarini, le più note delle quali sono il tamarino imperatore, il tamarino leone d’oro e il tamarino Goeldi.

Il suo look non manca di brio

Il tamarino è soprannominato scimmia scoiattolo per le sue piccole dimensioni che oscillano tra i 20 ei 30 cm in età adulta, per un peso medio di 400-500 grammi. Il primate è facilmente riconoscibile per la sua criniera di peli eretti, il suo ciuffo, i suoi grandi baffi, le sue creste o le sue frange. La sua folta pelliccia attinge da una vasta gamma di colori: oro, arancio, rosso con sfumature che si differenziano a seconda della parte del corpo. Tutti sfoggiano una lunga coda che misura tra i 30 ei 40 centimetri di lunghezza. I palmi nudi delle loro mani si estendono in dita sottili.

Continua a leggere:  Qual è la differenza tra una damigella e una libellula?

Il tamarino si nasconde tra gli alberi

Il tamarino è una specie di scimmia che abita le foreste tropicali ed equatoriali dell’America centrale e meridionale. Il primate trascorre la maggior parte del tempo sugli alberi dove ama evolversi nel miscuglio di rami e liane per evolversi in tutta sicurezza e nascondersi. Il tamarino leone frequenta anche le foreste paludose situate vicino alla costa atlantica.

Nel menu del tamarindo: frutta e insetti

Animale onnivoro, il tamarino consuma principalmente frutti, nettare e fiori che gli forniscono i nutrienti essenziali per la sua crescita. Il primate mangia anche insetti che raccoglie facilmente con le sue dita lunghe e sottili. Alcune specie, come i pizzichi, integrano la loro dieta con lucertole, vermi, rane, uccelli o uova. Altri (la scimmia leone, per esempio) si nutrono della linfa o della resina contenuta nei tronchi degli alberi.

Nessuna competizione tra tamarini

Il tamarino è una scimmia gregaria che si evolve all’interno di un gruppo formato da una decina di membri. Mentre alcuni clan sono misti, altri sono costituiti solo da maschi o femmine. Le giovani scimmie che raggiungono la maturità lasciano il loro gruppo di origine per unirsi a un altro: questa mescolanza genetica permette di evitare la consanguineità. Al di là dell’aspetto igienico, la frequente toelettatura reciproca sotto forma di spionaggio mantiene la coesione del gruppo. Diverse specie di tamarini convivono sullo stesso territorio che difendono insieme. Gli individui non sono in competizione tra loro perché non ricercano gli stessi alimenti o differiscono nel modo in cui li ottengono o nella loro provenienza (sul terreno, nell’aria, sugli alberi, ecc.).

Continua a leggere:  La puzzola, piccolo mammifero dal leggendario cattivo odore

Il tamarino: saltatore, corridore o camminatore

Questa scimmia arborea trascorre la maggior parte del suo tempo sugli alberi per nutrirsi e riposarsi. Diurno e molto attivo, percorre ogni giorno più di un chilometro alla ricerca di cibo. Il transito intestinale del tamarindo è talmente rapido che l’involucro dei semi, frutti o bacche che ingerisce non ha il tempo di essere sciolto dai succhi gastrici. Espellendoli così come sono nelle loro feci, i primati contribuiscono alla loro disseminazione e quindi all’equilibrio ecologico del loro ambiente naturale. Ottimo saltatore, il tamarino usa la coda come un pendolo per muoversi tra rami e rampicanti, ma può anche correre o semplicemente camminare.

La comunità si prende cura dei piccoli tamarini

Nel tamarino femmina, il ciclo estrale dura circa due settimane. Dopo l’accoppiamento, la gestazione dura dai 140 ai 145 giorni e la madre di solito partorisce due cuccioli che pesano in media 85 grammi. Li nutre durante le prime settimane poi passa il testimone al padre che si prende cura della sua prole quando inizia a mangiare come gli adulti. Fino all’età di sette settimane, i neonati si aggrappano alla schiena degli adulti. In attesa dello svezzamento – che avviene intorno ai tre mesi – tutti i componenti del gruppo partecipano alla cura dei piccoli attraverso la toelettatura e l’alimentazione. Il giovane raggiunge la maturità sessuale tra i sedici ei venti mesi.

Situazione preoccupante per il tamarindo

Le principali minacce per il tamarino sono la deforestazione, l’agricoltura e il bracconaggio. L’ascesa del mercato degli animali da compagnia e la sperimentazione medica hanno contribuito al declino di alcune specie classificate diversamente dall’Unione Internazionale per la Conservazione della Natura (IUCN): il tamarino bicolore è considerato in grave pericolo di estinzione mentre il tamarino imperatore è di Minima preoccupazione. Negli anni ’70, il tamarino leone d’oro si avvicinò all’estinzione prima che un piano di reintroduzione globale aiutasse a salvare questa piccola scimmia. Nonostante le misure di protezione, la maggior parte delle specie si trova in una situazione preoccupante. La longevità del tamarindo è di dieci anni in libertà.

Continua a leggere:  Quali sono le differenze tra un cammello e un dromedario?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *