La salamandra pezzata, un anfibio vestito tutto di nero e giallo

salamandre tachetee 082014

La salamandra pezzata è riconoscibile tra mille con il suo vestito nero punteggiato di macchie gialle. Armato di veleno, l’anfibio non teme i suoi nemici e si avventura volentieri sui sentieri quando il tempo è piovoso. Presentazione.

La salamandra pezzata, un anfibio vestito tutto di nero e giallo

La salamandra terrestre, comune o pezzata

La salamandra terrestre o comune (salamandra salamandra) è anche chiamata salamandra pezzata o salamandra pezzata. Questa specie di anfibio molto diffuso in Europa appartiene all’ordine degli Urodeles (come il tritone) e alla famiglia dei Salamandridi. Misurando dai 12 ai 17 centimetri e pesando fino a 50 grammi, la salamandra pezzata è il più grande urodelo presente nella nostra regione.

Abitudine giallo brillante per la salamandra pezzata

La salamandra pezzata si distingue per il mantello nero lucido impreziosito da macchie gialle dai contorni irregolari. La variabilità dei modelli consente di individuare ogni individuo. Il suo ventre grigio presenta varianti tendenti al marrone. L’ampia testa dell’anfibio ha grandi occhi neri sporgenti e un muso arrotondato. Gambe piuttosto corte e massicce si estendono in dita non palmate. Il corpo tozzo e allungato della salamandra pezzata termina con una lunga coda. Le ghiandole parotidi che rilasciano secrezioni tossiche si trovano ai lati della testa.

Continua a leggere:  Riproduzione e ciclo di vita degli afidi!

Terreno umido per la salamandra pezzata

La specie si trova in tutta Europa, ad eccezione del Nord Europa e delle isole britanniche. Presente ovunque in Francia, la salamandra pezzata frequenta boschi di latifoglie e boschi misti di media montagna impregnati di una certa umidità al suolo. L’anfibio vive anche in boschetti, pianure o regioni collinari. La specie si evolve vicino a sorgenti e ruscelli ma solo la sua larva è un animale acquatico. Durante il giorno la salamandra pezzata rimane nascosta in cavità riparate dal sole, sotto pietre, cortecce, legno morto, nei tronchi di alberi in decomposizione o nelle gallerie di piccoli mammiferi.

La salamandra pezzata, animale notturno

L’acuità visiva della salamandra pezzata è adatta ad attività essenzialmente notturne e crepuscolari, ma l’animale terrestre può uscire anche di giorno in caso di pioggia. L’anfibio si muove lentamente sul terreno e, se necessario, può nuotare velocemente sulla superficie dell’acqua. Alle prime gelate, la salamandra pezzata entra in uno stato di diapausa (temporanea cessazione dell’attività o dello sviluppo) in un rifugio sotterraneo. L’animale può così lasciare il suo rifugio in qualsiasi momento in caso di condizioni favorevoli.

La salamandra terrestre, amante degli invertebrati

La salamandra adulta consuma un’ampia varietà di organismi invertebrati come woodlice, coleotteri dal guscio molle, lumache, lombrichi, ragni e vari insetti. Altri anfibi, come tritoni o rane più piccole di lui, possono integrare la sua dieta. Quando la luce è sufficiente, le sue tattiche di caccia si basano principalmente sul movimento della preda grazie alle zampe anteriori e alla mascella inferiore che fungono da sensori di vibrazione. Nell’oscurità, l’animale fa affidamento sul suo senso dell’olfatto per localizzare il suo bersaglio.

Lunga gestazione per la salamandra pezzata

L’accoppiamento avviene durante tutto l’anno tranne durante il letargo. La specie è ovovivipara, il che significa che le femmine partoriscono direttamente le larve (mentre la maggior parte degli anfibi depone le uova). Al termine di un lungo periodo di gestazione di otto mesi, la femmina depositerà tra le dieci e le quaranta larve in un piccolo ruscello di acqua ossigenata e fresca. Misurando da 20 a 30 mm, la prole presenta macchie gialle alla base delle zampe e branchie esterne che scompaiono quando termina la loro vita acquatica (da 3 a 4 mesi). Dopo diverse mute, la salamandra misura da 55 a 65 mm quando finalmente raggiunge la terraferma. La maturità sessuale viene raggiunta tra i 2 ei 4 anni.

Continua a leggere:  Rivista per gatti - Razze feline: tutto sull'abissino

La salamandra pezzata e i suoi predatori

Il cannibalismo è abbastanza diffuso tra le larve mentre individui giovani e vulnerabili sono predati da ratti, anatre o allocchi. Tra i pochi predatori adulti ci sono serpenti (soprattutto bisce), ricci e cinghiali. Le ghiandole parotidi della salamandra (situate dietro gli occhi) possono secernere una sostanza tossica che provoca irritazione delle mucose orali e dell’epidermide. Armato del suo veleno, l’anfibio non esita ad uscire allo scoperto, sfidando così i suoi nemici. L’animale ha invece la particolarità di poter rigenerare parti del proprio corpo perdute o ferite durante un attacco.

La salamandra pezzata, specie protetta

L’Appendice III della Convenzione di Berna protegge la salamandra pezzata nella maggior parte dei paesi europei. In Francia è classificata nella lista rossa delle specie minacciate a causa della regressione del suo numero e del degrado dei suoi habitat. Il declino delle zone umide, la contaminazione del suo ambiente da pesticidi e il traffico stradale rappresentano le principali minacce per l’anfibio. La salamandra pezzata può vivere fino a 20 anni.

Author

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *