Il leone, re della savana. Chi è lui ? Dove vive ? Come vive?

lion 072718

Il leone, re della savana.  Chi è lui ?  Come vive?

Il re degli animali deve il suo soprannome a un carisma imponente e a una chioma sgargiante che ricorda il sole. Il felino più grande d’Africa è soprattutto un potente e formidabile predatore le cui tecniche di agguato e caccia lasciano poche possibilità alla sua preda. Incontrare.

Il leone: una muscolatura potente

Leone (Panthera leo) è un mammifero carnivoro della famiglia Felidae del genere Panthera (felini) che ha una muscolatura molto sviluppata. Il suo corpo allungato e tozzo è sostenuto da spesse zampe muscolose che gli permettono di abbattere animali che possono superare di gran lunga la sua taglia. Un calcio violento può causare la rottura degli organi interni e persino la rottura delle ossa della sua preda.

Maschi e femmine molto distinti nei leoni

Il dimorfismo sessuale è molto marcato nel leone: il maschio – più grande e più pesante della femmina – misura da 1,72 m a 2,50 m di lunghezza dalla punta del muso alla base della coda e pesa tra i 145 ei 225 chili da adulto. La femmina adulta misura da 1,58 m a 1,92 m senza coda e pesa tra 83 e 168 kg. Il colore del mantello varia dal giallo crema al marrone, con la parte ventrale più chiara: color cuoio nel maschio, quasi bianco nella femmina.

criniera e baffi di leone

La folta criniera inizia a crescere quando il leone raggiunge un anno e mezzo. Variando dal biondo al nero, si ispessisce e si scurisce con l’età. In pratica la chioma si rivela un buon baluardo contro i graffi durante i combattimenti tra rivali. Come altri felini, il leone sfoggia baffi chiamati vibrisse. Questi lunghi peli sensibili alle vibrazioni lo aiutano a navigare al buio o quando il suo campo visivo è ostruito.

Continua a leggere:  Dove osservare le balene in Francia e nel mondo?

leonesse

La savana, il suo habitat

Questo felino vive principalmente nell’Africa sub-sahariana. Le popolazioni si trovano principalmente nei parchi nazionali o nelle aree protette in Kenya, Tanzania e Sud Africa. Il suo habitat naturale è la savana, le foreste semiaperte e i semideserti. In India, il leone asiatico vive solo in un ultimo rifugio: il Gir Forest National Park nello stato del Gujarat.

Il leone vive in un clan

Il leone africano è un animale gregario: vive in clan o in famiglia. La superficie del territorio (da 20 a 500 km2) e il numero di prede determinano la consistenza del gruppo che varia da tre a trenta individui. Questo gruppo è solitamente composto da leonesse, giovani soggetti e un maschio dominante responsabile della protezione della tribù quando le femmine vanno a caccia. Piuttosto pigro e inattivo, il leone passa la maggior parte del suo tempo a fare un pisolino (tra le dieci e le quindici ore al giorno).

Accoppiamento: la femmina decide

Il leone raggiunge la sua maturità sessuale e sociale all’età di tre o quattro anni e anche se sale al vertice della gerarchia, non può riprodursi senza il consenso della femmina. È girandogli intorno, rotolando ai suoi piedi, strofinandogli la testa contro il collo, che la leonessa provoca il maschio dominante. Dopo una gestazione di circa quattro mesi, la femmina si allontana dal clan per dare alla luce da uno a quattro cuccioli di leone di peso inferiore a 2 kg.

Diverse madri per il cucciolo di leone

I bambini nascono con gli occhi chiusi. Questi si apriranno dopo dieci o quindici giorni. Durante le prime sei settimane, i piccoli saranno allattati dalla madre, protettiva e sempre all’erta. Prudente, cambia nascondiglio ogni tre o quattro giorni, portando i piccoli uno per uno. Quindi si uniranno al gruppo dove potranno allattare altre femmine. Intorno ai sei mesi i leoncini vengono svezzati e rimarranno per circa due anni con la madre, che insegnerà loro in particolare a cacciare.

Continua a leggere:  Informazioni e caratteristiche della razza del cane Cavapoo | Pet Yolo

Giovani maschi respinti

Quando i giovani maschi raggiungono la maturità sessuale, vengono esclusi dal clan e vanno alla ricerca di un nuovo gruppo, che permette di evitare la consanguineità. I giovani maschi – che formano una coalizione affiatata – percorrono poi distanze molto lunghe senza rispettare i confini territoriali. I clan di giovani maschi a volte cercano di prendere il comando di una truppa estromettendo i maschi residenti, il che può portare a lotte sanguinose o addirittura fatali.

Il leone, un grande mangiatore

Gli animali troppo veloci e difficili da catturare (antilopi, gazzelle, impala, ecc.) sono generalmente esclusi dal suo menu. Il leone preferisce bovidi grandi e meno agili (zebre, gnu, bufali, antilopi, orici). I gruppi possono affrontare giraffe, elefanti, ippopotami, facoceri, maiali selvatici. Quando è solo, il felino attacca prede più modeste (rettili, piccoli pachidermi, scimmie, istrici, ecc.). Ingerisce quasi 7 kg di carne al giorno e fino a 40 kg alla volta se la caccia ha avuto successo. Può quindi rimanere senza cibo per diversi giorni.

Un abile tattico di caccia

Il leone generalmente caccia di notte, all’alba o al tramonto quando le temperature sono più fresche. In realtà, sono generalmente le leonesse a dare la caccia al clan con una tecnica elaborata: organizzate in branchi, accerchiano un branco precedentemente individuato e isolano la preda per finirla. Durante la stagione secca, il leone si posiziona spesso vicino a punti d’acqua dove le sue prede verranno ad abbeverarsi. Al ritorno dalla caccia si attua la gerarchia: il maschio mangia per primo, seguito dalle femmine di alto rango e poi dai giovani.

Continua a leggere:  Come attirare le coccinelle nel tuo giardino?

Nessuno o pochi predatori

Posto al vertice della catena alimentare, il leone adulto non ha predatori ma può comunque essere attaccato dai coccodrilli attorno ai punti d’acqua. D’altra parte, i cuccioli di leone sono particolarmente vulnerabili alle iene, che sono anche in cima alla catena alimentare. Leoni e iene si nutrono della stessa preda e sono quindi in diretta concorrenza. Mentre le due specie si sforzano di non sovrapporre i loro territori, i leoni non esitano a uccidere le iene quando possono, a volte senza mangiarle.

aspettativa di vita del leone

La durata della vita di un leone in natura è di 12-14 anni, raramente supera i 20 anni, ad eccezione delle femmine che possono raggiungere questa età. Alcuni leoni in cattività, tuttavia, hanno vissuto fino a 30 anni. I maschi vengono solitamente uccisi da un giovane rivale oppure, non trovando più gruppo, muoiono di fame dopo un lungo peregrinare. Il leone è vittima sia della riduzione della sua selvaggina (concorrenza dell’uomo), sia della caccia e del bracconaggio. È minacciato anche dal declino del suo habitat naturale, la savana, trasformata in terreno agricolo o pascolo e su cui vengono cacciati dai contadini desiderosi di proteggere il loro bestiame. In quanto specie protetta e sebbene classificato come “vulnerabile” dall’Unione Internazionale per la Conservazione della Natura (IUCN), il leone è a rischio di estinzione.

Author

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *