Chi è il narvalo, questo mammifero marino dalle lunghe corna?

narval 135053

Il narvalo è un fantastico mammifero marino che vive nelle gelide acque della zona artica. Questo carnivoro ha un lungo corno le cui particolarità sono ancora sconosciute. Scopriamo questo grande cetaceo chiamato unicorno dei mari e vediamo quali minacce deve affrontare questa specie.

Chi è il narvalo, questo mammifero marino dalle lunghe corna?

Il narvalo: caratteristiche principali

Il narvalo (Monodon monocerosche significa corno o singolo dente) è un cetaceo appartenente alla famiglia dei Monodontidi. Questo mammifero marino è soprannominato unicorno dei mari perché ha una “zanna” molto lunga.

Vive nell’Oceano Artico, al largo della Groenlandia, della Norvegia, del Canada e persino della Russia. È un animale gregario, cioè vive in un gruppo di massimo venti individui. Ma quando migrano per anticipare la formazione del ghiaccio, diversi gruppi possono unirsi, costituendo così un impressionante raduno di narvali. Tuttavia, queste migrazioni rimangono relativamente concentrate in un’area geografica. I cetacei possono ad esempio svernare nel Mare di Barents o nella parte meridionale del Mare di Groenlandia.

Il narvalo è protetto dal freddo da uno spesso strato di grasso vascolarizzato. Ha pinne piccole ma nessuna pinna dorsale e una piccola testa rotonda. Il maschio adulto misura fino a 5 m di lunghezza, a cui va aggiunta la lunghezza del suo “corno”, e il suo peso può raggiungere 1,6 tonnellate. Questo cetaceo misura già 1,50 m alla nascita e pesa quasi 80 kg. Per quanto riguarda il suo colore, cambia con l’età poiché il giovane è blu nerastro e l’adulto è nero poi con l’invecchiamento si ricopre di macchie bianche. Quando il narvalo è molto vecchio, la sua pelle è quasi bianca.

L’aspettativa di vita del narvalo è di circa 50 anni.

Continua a leggere:  Platypus, questo simpatico mammifero dal becco d'anatra che depone le uova

Il corno del narvalo: una caratteristica unica in natura

Con rare eccezioni, solo il narvalo maschio ha questa grande “zanna” attorcigliata, nota anche come corno o dente. In realtà si tratta proprio di un incisivo ipertrofico con la polpa all’esterno e il sottilissimo strato di smalto all’interno. È attraversato da quasi 10 milioni di terminazioni nervose. Ha origine a sinistra della mascella superiore dell’animale. La lunghezza del dente del narvalo può raggiungere i 3 metri e il suo peso è di 10 kg. Cresce non appena il cetaceo raggiunge l’età di 1 anno, attraversando il labbro superiore, e la sua crescita – a spirale – continua per circa 8 anni.

È grazie a questo organo sensoriale unico in natura – flessibile sebbene di aspetto rigido – che il cetaceo localizza il suo cibo e rileva le variazioni qualitative dell’acqua in cui evolve, anche le più piccole, sia in termini di pressione, temperatura e salinità. Questo dente permette anche al narvalo di progredire meglio nel suo ambiente acquatico perché, a causa della forma idrodinamica delle sue torsioni, divide l’acqua durante i movimenti di questo mammifero marino. Riusciva persino a rilevare i feromoni delle femmine di narvalo.

Se il dente del narvalo si rompe, non può ricrescere. Quando invece è semplicemente danneggiato, il narvalo adulto riempie la buca di sabbia e ghiaia o provoca un duello con un giovane: durante il combattimento il dente del giovane maschio viene introdotto nella buca di quello dell’adulto che, con un colpo secco lo spezza in modo che lo spicchio possa formare un tappo.

Sembra che meno di 15 femmine su 1000 abbiano un dente e 2 maschi su 1000 abbiano due denti ingranditi. Rari sono i maschi che ne sono sprovvisti.

Continua a leggere:  I 10 insetti più pericolosi al mondo!

Narvalo: cibo

La bocca di questo carnivoro è totalmente priva di denti. Per nutrirsi, l’animale succhia la sua preda e la inghiotte intera. Può essere, ad esempio, molluschi, gamberi, merluzzi, polpi, calamari o anche halibut nero che costituiscono la maggior parte della sua dieta. Le zone in cui trova cibo variano a seconda della stagione: vicino alla banchisa in primavera e fino a 2.000 metri di profondità durante l’inverno.

Narvalo: riproduzione

È all’età di 6 o 7 anni che la femmina raggiunge la sua maturità sessuale ea 8 o 9 anni per il maschio. L’accoppiamento avviene in primavera. Il periodo di gestazione dura circa quindici mesi dopodiché il bambino viene allattato dalla madre per circa 4 mesi.

Narwhal: una specie quasi minacciata

Secondo l’Unione internazionale per la conservazione della natura (IUCN), lo stato di conservazione del narvalo è NT, che significa “quasi minacciato”. Attualmente, non esiste un programma di salvataggio realmente in atto per salvare i narvali, a parte sensibilizzare gli Inuit in modo che adottino una gestione più ragionevole della popolazione di questi mammiferi marini.

Le principali cause del calo del numero di individui sono i suoi predatori (l’orca assassina, detta anche orca e l’orso polare) nonché il riscaldamento globale che colpisce la rete alimentare di questo cetaceo impattando, ad esempio, sul comportamento delle scuole di pesce di cui si nutre il narvalo. Colpisce anche la salinità e la temperatura dell’acqua. Questo riscaldamento ha anche una diretta conseguenza sulla banchisa da cui dipende direttamente la sopravvivenza del narvalo.

Continua a leggere:  Capricorno, un insetto dannoso per le case

Possiamo anche incriminare l’aumento della pesca dell’ippoglosso, in particolare l’inquinamento dovuto all’importanza del traffico di navi mercantili e l’uso di più inquinanti da parte dell’uomo. Infine, la caccia al narvalo non è regolamentata nell’estremo nord, quindi gli indigeni la usano per nutrirsi e soddisfare i bisogni dei loro cani da slitta. Ma altri cacciano il narvalo per recuperare il suo dente, intagliarlo e poi rivendere questi oggetti a prezzi esorbitanti.

Author

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *