Il tasso, dove e come vive? Perché non è amato?

blaireau 1 084647

Il tasso, dove e come vive?  Perché non è amato?

I primi fossili di tasso in Francia risalgono a circa 100.000 anni fa e 800.000 anni fa in alcune aree eurasiatiche. Oggi è ancora presente sul nostro territorio nazionale, in Corsica e in altre aree geografiche. Riconoscibile per la sua pelliccia grigia e le sue bande bianche e nere, questo graziosissimo mammifero è il più grande dei Mustelidi trovati nei paesi europei. Ma non sempre è ben apprezzato. È persino la rovina di agricoltori e giardinieri e subisce una vera carneficina mentre i cacciatori lo massacrano solo per divertimento. Facciamo conoscenza senza ulteriori indugi con il tasso, vittima di un’esagerata perdita d’amore.

Tasso europeo: caratteristiche principali

Il tasso europeo (Meles melesascolta)) è una delle quattro sottospecie di tasso eurasiatico. È un mammifero dell’ordine dei carnivori appartenente alla famiglia di Mustelidi che comprende anche donnola, donnola o anche ermellino, puzzola, visone… Vive nella maggior parte dei paesi europei, nelle pianure e nelle zone montuose fino ad un’altitudine non superiore ai 2.000 metri. Si nutre di serpenti, piccoli roditori, lombrichi, funghi, frutta secca, api, lumache e lumache.

Diversi nomi sono usati per designare il tasso europeo: tasso volgare, tasso comune, tasso europeo, tasso ordinario o addirittura tasson.

Il suo corpo allungato con un’ampia groppa è ricoperto da una folta pelliccia grigia a pelo dritto. Sembra un orsetto. La testa e il muso conici (con vibrisse sensoriali) sono bianchi e attraversati da bande longitudinali di colore nero. Ha denti onnivori ed è dotato di fortissimi artigli non retrattili. Nonostante le sue zampe corte, è il mustelide più grande d’Europa. Misura in età adulta 30 cm al garrese, 90 cm di lunghezza (che comprende la folta coda di una ventina di cm) per un peso che può raggiungere i 20 kg in alcuni esemplari. Per quanto riguarda i suoi picchi di velocità durante i suoi spostamenti, possono raggiungere i 30 km/h grazie alla potenza delle sue zampe.

Continua a leggere:  La volpe rossa delle nostre campagne, come vive?

Il tasso è prevalentemente notturno. Dotato di un eccellente udito e di un fine senso dell’olfatto circa 800 volte più sviluppato di quello umano, non ha una vista molto buona. È un animale che segna il suo territorio utilizzando una sostanza odorosa prodotta dalle sue due ghiandole anali.

Quali sono i predatori del tasso?

Quali sono i predatori del tasso?

I principali predatori del tasso sono la volpe, la lince, l’aquila, il gufo reale, il lupo, il cane ma anche l’uomo. In determinate circostanze, il tassi (i cuccioli di tasso) possono essere uccisi dai loro genitori.

Va inoltre notato che molti esemplari adulti e giovanili sono vittime di alcune malattie a cui sono particolarmente sensibili, come la tubercolosi bovina (Mycobacterium bovis) e rabbia.

In natura l’aspettativa di vita del tasso è di circa 15 anni, sono circa vent’anni quando l’animale vive in cattività. Va notato che un terzo degli animali adulti di questa specie muore ogni anno in natura, il maggior numero di decessi si registra nei maschi. Questo spiega perché il tassi (femmine di tasso) sono le più numerose.

Badger, una specie di ingegnere

Questo animale scavatore, tozzo e potente, è in grado di spostare fino a 40 tonnellate di terra per scavare numerose gallerie e creare tra i 40 e gli 80 ingressi. Il suo spazio vitale è costituito da una tana principale e tane secondarie. È in questa sorta di labirinto che stabilisce la sua famiglia e immagazzina il cibo. Questo ottimo scavatore sceglie sempre un luogo non soggetto ad allagamenti, lontano da luoghi di passaggio, dove abbondano i lombrichi e dove il terreno è ben drenato. Inoltre, generalmente punta su terreni sciolti perché la creazione di gallerie richiede uno sforzo minore.

Non esita ad utilizzare le tane della volpe e alcuni animali approfittano delle tane scavate dai tassi. Tutti vivono in armonia. I tassi convivono volentieri con gatti della foresta, conigli e persino puzzole.

Continua a leggere:  Il Pipistrello: come vive? Quali specie puoi incontrare in Francia?

Data la grande capacità del tasso di scavare e creare gallerie fino a 5 m di profondità, la specie è – al pari dei grandi armadilli e del castoro – considerata una specie ingegnere. Ciò significa che con la sua attività e anche solo con la sua presenza, il tasso è in grado di modificare sensibilmente il proprio ambiente.

Tasso comune: allevamento

All’interno di un gruppo di tassi, esiste una gerarchia moderatamente marcata. Tuttavia, la riproduzione è generalmente appannaggio degli unici dominanti della specie. Una certa coesione sociale si instaura, ad esempio, tra le madri che allevano o accudiscono i piccoli dei loro congeneri.

A partire dai 2 anni, i tassi raggiungono la maturità sessuale. La stagione degli amori inizia dopo il freddo intenso, proprio al termine del periodo di riposo che i tassi si concedono a vicenda. Ma se in inverno sono poco attivi, non vanno in letargo. Questo periodo d’amore si svolge tra gennaio e marzo. Prima di essere madre, un tasso non è affatto fedele ad un solo maschio, tutt’altro poiché si accoppia con più tassi di un clan. Una volta partorito, la femmina e il maschio formano una coppia affiatata e fedele.

Va notato, tuttavia, che una femmina può accoppiarsi in diversi periodi dell’anno, cioè quando è ricettiva. Nei tassi si parla di ovoimpianto ritardato poiché ogni uovo fecondato non viene impiantato immediatamente nell’utero ma rimane in attesa per un lungo periodo, a volte 10 mesi.

Non appena l’ovulo fecondato viene impiantato nell’utero, inizia la gestazione e dura solo 2 mesi. È quindi a volte fino a un anno dopo l’accoppiamento che nascono i tassi. Un tasso può avere da 2 a 7 piccoli per figliata. La madre si prende cura di loro nella tana che il maschio ha costruito e sistemato. I tassi sono vulnerabili alla nascita perché i loro occhi non sono ancora aperti, i loro corpi non hanno ancora abbastanza pelo per tenerli al caldo e non sono in grado di muoversi. La madre li allatta per 3 mesi, ma circa 6 settimane dopo la nascita i piccoli si stanno già avventurando fuori dalla tana dove giocano tra loro in attesa della poppata.

Continua a leggere:  Metamorfosi della farfalla: da bruco a farfalla

Il tasso, un animale poco amato

Durante gli anni ’70, molte tane di tasso furono oggetto di campagne di gasazioni organizzate per combattere la rabbia. I tassi non avevano alcuna possibilità di sopravvivere, perché o venivano avvelenati nella loro tana, oppure venivano uccisi dai cacciatori appostati alle varie uscite delle gallerie. Nel 1986, fortunatamente, i tassi beneficiarono di un’efficace campagna di vaccinazione contro la rabbia. I vaccini sotto forma di esca sono stati depositati nelle aree del loro habitat.

Senza dubbio perché il tasso è stato molto ricercato dai cacciatori per migliaia di anni, oggi vive raramente all’aperto. Preferisce proteggersi in fitte siepi, boschetti e persino in boschi e foreste, ma è vittima del traffico stradale che si intensifica di anno in anno.

In Francia la caccia al tasso è considerata ” tanto crudele quanto inutile ed è giustificato da una falsa esigenza di regolamentazione perché in realtà è un hobby! Braccati con i fucili o con i cani da caccia, vengono finiti a calci oa pale… uno spettacolo di assoluto orrore. Questo animale poco apprezzato, anzi addirittura poco amato, è classificato come infestante, soprattutto nei terreni agricoli e negli orti privati ​​e anche perché portatore di gravi malattie. È comunque un animale molto socievole, pacifico, che non si fa notare. È protetto dai nostri vicini europei. È ora che la carneficina in Francia cessi e che il tasso sia finalmente oggetto di una campagna di protezione.

Author

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *