L’insetto stecco vive nella natura francese o è necessariamente esotico?

phasme 060828

L'insetto stecco vive nella natura francese o è necessariamente esotico?

Oggi nel mondo sono conosciute più di 3.000 specie di insetti stecco. Se la maggioranza vive nelle regioni tropicali ed equatoriali del globo, l’insetto è presente in quasi tutti i continenti, ad eccezione dell’Antartide. In Francia ci sono anche. Non sono tutti presenti in tutta la Francia, ma potresti avere la fortuna di trovarne uno nel tuo giardino!

Gli insetti stecco sono insetti

Gli insetti stecco sono talvolta chiamati Phasmoptera (o Cheleutoptera). Il loro aspetto sorprende sempre, persino stupisce. Si tratta di insetti cosiddetti emimetaboli, cioè che compiono una metamorfosi incompleta. Loro sembrano :

  • O con un ramo e sono poi soprannominati fasmidi-bastone;
  • O con un lenzuolo e vengono poi soprannominati fasmidi-foglie;
  • O con un gambo spinoso e vengono poi soprannominati insetti stecco-rovi;
  • O a un pezzo di corteccia e vengono poi soprannominati phasmids-bark.

La loro capacità mimetica, il fatto che sia facile trovare una specie innocua e il loro facile allevamento li rendono soggetti apprezzati per l’osservazione nelle scuole primarie. Inoltre, vivendo per circa un anno, questo offre la possibilità di osservarli per un anno scolastico e studiare il ciclo di vita dell’insetto. Dato un aspetto decorativo, l’insetto stecco ha trovato il suo posto tra i nuovi animali domestici.

Questi insetti sono tutti fitofagi: si nutrono di foglie. L’insetto stecco adulto è notturno ma i giovani sono attivi tutto il giorno. La dimensione di un insetto stecco varia generalmente tra i 4 ei 45 cm. Il record per l’insetto stecco più lungo scoperto in natura è detenuto da un insetto stecco dalla Cina chiamato Phryganistria chinensis Zhao : era alto non meno di 62 cm.

Insetti stecco francesi

In Francia esistono tre specie di insetti stecco:

  • L’insetto stecco gallico (Clonopsis gallica);
  • L’insetto stecco spagnolo (Pijnackeria masettii);
  • Bacillo di Rossi, detto anche Bastone del Diavolo (Bacillus rossius).
Continua a leggere:  Il coyote, parente stretto del lupo

Sono presenti principalmente a sud della Loira. Tutte e tre sono specie prive di ali: si dice che siano prive di ali. Fanno parte della categoria degli insetti stecco.

L’insetto stecco gallico (Clonopsis gallica) è il più comune. Il suo corpo misura al massimo 7 cm di lunghezza. È la più grande e la più comune delle tre specie francesi. In Francia sembra un ramoscello dal colore marrone uniforme per gli adulti. Si differenzia dai suoi cugini per il rosso vivo visibile sulla rientranza delle zampe anteriori.

Questo insetto stecco frequenta raramente i giardini ma vi si può ancora trovare a causa del trasporto delle piante o della vicinanza del suo habitat naturale. Gradisce le zone ombrose come i bordi di strade e boschi e frequenta rovi, rose, ginestre, biancospino e prugnolo, ad altezze che vanno da 1 a 2 m al massimo. In confronto, il Bacillo si possono identificare maggiormente su rose, mirti, susini ed eriche arboree. L’insetto stecco spagnolo è la Doricnia a cinque foglie o il badasse. È importante capire che ogni specie ha piante preferite. In cattività, devi stare attento a dare piante che corrispondano alla specie che hai scelto. Se le piante non sono adatte, puoi accorciare la durata della vita dei tuoi ospiti o semplicemente avvelenarli.

Apri gli occhi, e quello buono!

L’abilità mimetica dell’insetto stecco raggiunge vette di precisione. Il loro corpo può riprodurre l’aspetto di un nodo, una foglia morta, licheni, giovani germogli, ecc. Del resto, è proprio da questa capacità di mimetizzarsi nel paesaggio che prendono il loro nome fin dal latino fasma significa fantasma. Questo insetto imita perfettamente gli elementi vegetali presenti nella regione in cui vive. Possono anche cambiare colore a seconda dell’ambiente. Ma questo comportamento non è sistematico e ci sono insetti stecco che mostrano colori molto vivaci.

È per questo motivo che quando li si alleva è imperativo fare molta attenzione quando si cambia cibo. I giovani esemplari possono rimanere nascosti, quasi invisibili, tra i rami e anche persone esperte possono rimanervi impigliate e gettarle via con i rifiuti.

L’insetto stecco è un animale vulnerabile e ha adottato la tecnica del camuffamento per sfuggire ai tanti animali che potrebbero essere interessati al suo consumo: roditori, piccoli mammiferi, uccelli, insetti, ragni, mantidi religiose e formiche. Può stare perfettamente fermo per ore. Ma quando deve muoversi, il suo mimetismo arriva a imitare i movimenti potenziali delle piante che imita: questa è almeno la spiegazione che gli scienziati hanno dato alla sua andatura a scatti.

Continua a leggere:  Ritratto di razza dalmata nella rivista canina | Pet Yolo

Alcuni sono anche in grado di assumere posture capaci di spaventare i loro predatori, altri emettono gas, altri ancora si lasciano cadere dal loro ramo o possono sacrificare un membro del loro corpo se necessario. Infine, se sono feriti, hanno una certa capacità di rigenerazione: possono rifare una zampa in tre mute ma sarà più piccola delle altre.

La muta è un fenomeno che coinvolge complessi meccanismi biochimici, molto stressanti per gli organismi. Inoltre, quando si allevano insetti stecco, è importante non disturbarli durante questi periodi. L’alimentazione è molto importante, sia per quantità che per qualità. Un’adeguata igrometria contribuisce a far andare bene la muta, ma bisogna essere molto severi nel rispettare i parametri perché alcune specie amano l’umidità e altre no.

La riproduzione dell’insetto stecco

Tuttavia, queste diverse strategie non sono sufficienti e non evitano del tutto di essere mangiati. Inoltre, gli insetti stecco hanno capacità di movimento limitate. Era quindi necessario trovare una strategia che permettesse loro di espandere la loro presenza. Quindi, abbastanza recentemente (2018) è stato scoperto un meccanismo straordinario.

Scienziati giapponesi hanno nutrito i bulbul dalle orecchie brune, passeriformi della famiglia Pycnonotidae abituati a consumare insetti stecco, con uova di tre specie diverse. I suoi escrementi contenevano il 5-20% di uova di insetto stecco intatte. Ciò è reso possibile grazie a un guscio molto resistente che ha permesso loro di resistere nonostante l’acidità del tubo digerente dell’uccello. Le uova vengono così sparse in luoghi diversi attraverso gli escrementi dei loro predatori. È una capacità di disseminazione piuttosto inaspettata perché poco frequente.

Continua a leggere:  Aye-Aye, piccolo lemure del Madagascar

Questo meccanismo è interessante solo perché l’insetto stecco si riproduce per partenogenesi. Ciò significa che le femmine producono uova la cui divisione inizia senza l’intervento di un gamete maschile. Così, anche divorati dall’uccello, gli insetti possono garantire la loro prole, anche quando non si sono accoppiati prima.

A seconda della specie, un insetto stecco depone tra le 50 e le 600 uova durante la sua vita, o da 1 a 3 uova al giorno. Alcuni prendono la precauzione di seppellirli, come l’insetto stecco iberico, altri li espellono a caso. Molti insetti stecco adulti non sopravvivono al periodo invernale. Questo è probabilmente il motivo per cui la maggior parte delle specie si evolve nelle zone calde del globo. Tuttavia le loro uova, come abbiamo già visto, sono molto resistenti. Possono quindi resistere a temperature negative. Lo sviluppo delle uova si ferma semplicemente in attesa che la temperatura aumenti.

Forse questo articolo ti avrà fatto venire voglia di iniziare ad allevare insetti stecco. Se è così, pensa all’impegno che rappresenta. Se poi vuoi fermarlo, sappi che non dovrebbero essere rilasciati in natura perché la maggior parte delle specie destinate all’allevamento sono esotiche (sono più spettacolari degli insetti stecco in Francia). Un gesto del genere rappresenterebbe un grave rischio per gli ecosistemi locali. In una situazione del genere, è necessario prendersi la briga di affidarli ad associazioni che li recuperino.

Author

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *