Riproduzione e ciclo di vita di una vespa

cycle vie guepe 064623

Riproduzione e ciclo di vita di una vespa

Molte persone temono le vespe e iniziano a farsi prendere dal panico quando ne vedono una. Come tutti gli animali, questi insetti hanno comunque il loro ruolo da svolgere nel corretto funzionamento della natura, senza offesa per coloro che li considerano dannosi. Hanno un ruolo nella regolazione delle popolazioni di insetti e costituiscono una fonte di cibo per gli uccelli. Quindi, se sei uno di quei curiosi per natura, questo articolo dedicato alla riproduzione e al ciclo di vita della vespa ti interesserà. Scoprirai un universo dai comportamenti diversificati.

Le diverse specie di vespe

Oggi vengono identificate più di 6.000 specie di vespe. Nell’immaginario collettivo una vespa è gialla e nera. Va detto che le due specie più comunemente incontrate in giardino sono la vespa tedesca, detta anche vespa europea (Vespula germanica), e la vespa comune, detta anche vespa comune (Vespula volgare). Eppure Dolichovespula maculataper citarne alcuni, è una vespa comune del Nord America il cui corpo è bianco e nero: è anche indicata come la vespa a macchie bianche.

Se incontriamo quindi vespe la cui natura e distribuzione dei colori variano, è soprattutto il loro stile di vita che influenza il modo in cui si riproducono. Tutte le vespe adulte si nutrono di zucchero che trovano nei frutti, nella melata prodotta da afidi, cocciniglie o psille, nella linfa, o anche nel nettare dei fiori. Ma le loro larve sono carnivore (a parte poche eccezioni tra cui la vespa del fico di cui parleremo). Per quanto riguarda il ciclo vitale, varia un po’ a seconda che si tratti di vespe solitarie o vespe sociali.

Concentrati sulle vespe solitarie

Le vespe solitarie sono anche chiamate vespe da caccia. Tra le specie comuni c’è lo scolio irsuto (Scolia hirta), erba pungente (Ammophila sabulosa) O Odynerus murarius. Il loro colore è variabile: possono alternare nero e giallo, nero e arancione o addirittura essere iridescenti neri o viola. La loro fisionomia può anche variare con un magro o corpulento. Ma hanno tutti corpi lisci e lucidi, con pochi peli alle estremità. Per quanto riguarda le loro dimensioni, varia tra uno e cinque centimetri.

Anche se l’essere umano spesso ritiene che il suo ritmo sia minaccioso, non sono insetti aggressivi. Sono chiamate solitarie perché queste vespe vivono sole e costruiscono solo un nido per le proprie uova. In questo vasto insieme troviamo le vespe scavatrici, che sono tra le specie più grandi con una dimensione di circa cinque centimetri. Le loro dimensioni possono impressionare senza che rappresentino di nuovo un vero pericolo. Fanno parte di questo gruppo anche le vespe muratrici, che realizzano piccoli contenitori che servono da riparo per ciascuna delle loro larve, utilizzando sabbia, argilla o terra, materiali agglomerati con la loro saliva. Ci sono anche vespe pompilia che cacciano i ragni solo per nutrire le loro larve.

Continua a leggere:  Come spazzolare i denti del tuo cane per una forte salute dentale | Pet Yolo

Concentrati sulle vespe sociali

Il gruppo delle vespe sociali comprende anche vespe di carta. Si dice che siano socievoli perché vivono in colonie, come le api mellifere e le formiche. La maggior parte delle vespe in una colonia sono operaie. Sono le figlie della regina e non si riproducono. Costruiscono il nido, raccolgono il cibo e si prendono cura delle larve della regina. Le vespe sociali si nutrono di acqua, polpa, carboidrati e proteine ​​animali.

Appartengono a questo gruppo la vespa comune e la vespa tedesca, citate sopra. A patto di avere occhi buoni e di avere il tempo di osservarlo da vicino, il primo si riconosce in particolare per una linea nera posta sulla parte anteriore della testa, al centro, la cui estremità evoca la forma di un’ancora. Il secondo ha un addome peduncolato bruno-nerastro. I segni neri a forma di freccia al centro dell’addome incorniciati da punti neri lo caratterizzano.

Il ciclo di vita dentro Eumeninae

La maggior parte delle vespe solitarie non costruisce nidi. Ognuna di esse è fertile ma non depone molte uova.

IL Eumeninae sono vespe muratrici che costruiscono con il fango nidi spesso sferici. Vi depongono un solo uovo tra la primavera e l’autunno. Le loro larve si nutrono di coleotteri, scarafaggi e bruchi che sono stati paralizzati e fungono da riserva alimentare. Di solito sono necessari 12 bruchi affinché la larva della vespa si sviluppi e raggiunga la maturità. È solo quando il nido è sufficientemente fornito di cibo che la femmina chiude il nido con il fango, come un coperchio. Bembix è l’unica specie di vespa solitaria che nutre quotidianamente le sue larve fino a quando non diventano adulte.

Continua a leggere:  Il gorilla, una grande scimmia in pericolo di estinzione

La vespa femmina costruisce quindi altri due nidi allo stesso modo. Il tempo di incubazione delle uova e la biologia larvale variano a seconda della specie. Le larve solitarie si trasformano in pupe dopo diverse mutazioni.

La durata della vita degli adulti è piuttosto breve: poche settimane al massimo, giusto il tempo per riprodursi e deporre le uova. Le femmine sopravvivono tra le 3 e le 6 settimane, mentre i maschi non vivono più di 3 settimane poiché muoiono dopo l’accoppiamento.

Nota che nelle vespe scavatrici il principio è lo stesso. Ma la posizione del nido è diversa poiché ha la forma di un tunnel sotterraneo con una camera all’estremità. Questa cavità accoglie le uova oltre che gli insetti cacciati destinati a nutrire le larve, sullo stesso modello citato per il Eumeninae. Altri insetti possono condividere il nido.

Il ciclo di vita delle vespe Agonid

Tra le vespe solitarie esistono anche i parassitoidi: la femmina depone un uovo all’interno di un ospite (coleottero, bruco, ecc.). L’uovo si sviluppa in una larva che si nutre dell’ospite alla schiusa. Quando l’ospite è morto, ne emergono le larve che si trasformano in pupe dalle quali emergono gli adulti.

Ci sono anche vespe cuculo, chiamate crisidi (Crisidi). Sono chiamati cleptoparassiti perché, come l’uccello chiamato cuculo, si appropriano delle riserve alimentari di altri animali per garantire la sopravvivenza delle loro larve.

Ci concentriamo qui sulle vespe Agaonidi che appartengono a questa categoria e il cui comportamento è ben studiato e quindi ben noto. Chiamate vespe di fico, sono insetti di appena 1 o 2 mm di dimensioni che parassitano non altri insetti ma fichi. La loro morfologia permette loro di entrare in un fico attraverso l’ostiolo per riprodursi, deporre le uova e consentire così uno sviluppo protetto delle loro larve. Le femmine di alcune specie hanno ali staccabili, testa appiattita, antenne uncinate, tegumento liscio e forti artigli all’estremità dei tarsi. I maschi non hanno né ali né occhi.

Continua a leggere:  Il caracal o lince del deserto, un felino africano poco conosciuto

Le larve si sviluppano in una struttura vegetale (fiele) per 3-4 settimane. I maschi adulti emergono prima delle femmine con le quali si accoppiano prima ancora di partire, poi muoiono rapidamente. Un maschio può fecondare diverse femmine. Questi, una volta espulsi dal loro fiele e fecondati, lasciano il fico per iniziare un nuovo ciclo riproduttivo.

Il ciclo di vita delle vespe sociali

Nelle vespe sociali, ogni anno in primavera, le regine, le uniche sopravvissute all’inverno, fondavano una nuova colonia. Creano rapidamente un nido, vi depongono alcune uova e allevano le larve risultanti.

Le regine immagazzinano lo sperma dei maschi che le hanno fecondate l’anno scorso prima dell’inverno. Lo usa mentre va, producendo uova che variano nel sesso nel tempo. In effetti, sono le prime femmine a nascere per prime. Vespe operaie sterili all’inizio, il loro ruolo è quello di continuare a costruire il nido e nutrire le nuove larve.

A fine estate le uova iniziano a produrre maschi e femmine fecondi che possono quindi essere fecondati. Queste ultime, regine, aspetteranno la prossima primavera per fondare una nuova colonia. Tutti gli altri abitanti della colonia muoiono.

Una regina non vive più di un anno. I lavoratori sterili vivono in media 22 giorni ei maschi non più di 6 settimane.

Author

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *