Ragno rosso, chi sono? Come combattere?

araignee rouge 063959

Ragno rosso, chi sono?  Come combattere?

Il forte caldo estivo fornisce un clima favorevole allo sviluppo e alla proliferazione di molte specie parassite che invadono le colture, ma anche le piante nei giardini e negli interni, ancor prima che abbiamo avuto il tempo di accorgercene. È il caso del ragnetto rosso, vera e propria peste estiva. Come si sviluppa? Come rilevarne la presenza e come reagire? Ti rispondiamo.

Il ragno rosso: un invasore dannoso

Il ragno rosso appartiene alla famiglia Arachnida. Contrariamente a quanto si evince, non appartiene al sottogruppo degli Araneidi (ragni) ma a quello degli Acari. Per continuare sulla controprova, il ragno rosso può essere rosso, certo, ma anche verde, giallo, arancione o marrone. Con una dimensione inferiore a un millimetro per gli individui adulti, è difficile da vedere ad occhio nudo. Ha 4 paia di zampe, come tutti gli aracnidi (ragni, acari, scorpioni).

Piccolo acaro com’è, il ragnetto rosso parassita le nostre graziose piante da giardino e da interno e fa perdere loro il colore succhiando la linfa. Il ragno rosso ama un’atmosfera calda e secca. Ecco perché le piante sul bordo della finestra o quelle esposte in pieno sole sono le prime vittime della colonia di ragnetti rossi. E più l’atmosfera è loro favorevole, più la proliferazione sarà decuplicata. Più che un’apparenza, si tratta in genere di una vera e propria invasione sulla pianta vittima, che può essere una pianta, un arbusto o anche un albero, principalmente conifere.

E per una buona ragione, una sola femmina può deporre fino a 100 uova durante la sua vita. Si può facilmente immaginare la velocità di proliferazione quando si sa che a 30°C basteranno 7 brevi giorni perché le uova passino dallo stato di larva, poi prima ninfa, seconda ninfa, a quello di adulto.

Come rilevare la presenza di acari?

Se sono appena visibili ad occhio nudo, come rilevare la loro invasione prima che le foglie della pianta ingialliscano? In primo luogo, la colonia di ragnetti rossi lascerà sottili ragnatele tessute sul suo cammino, attorno alle foglie e ai gambi. Spruzzando qualche goccia d’acqua sulla pianta, le ragnatele intrecciate appaiono molto nitide.

Inoltre, le prime macchie bianche o gialle sulle foglie, o anche foglie grigiastre e secche ancora sul fusto, seguiranno velocemente la scia del ragnetto rosso. Sfortunatamente, una volta presente sulla pianta, può morire molto rapidamente di fronte a così tanti individui succhiatori di linfa. Si ritrova molto rapidamente prosciugata.

Come combattere i danni del ragno rosso?

Come dicevamo, il ragno rosso ama e prolifera in un clima caldo e secco. Nella prevenzione quindi, si comprenderà che l’umidità dovrebbe impedirle di venire a fare della pianta il suo territorio. Nebulizzare regolarmente il fogliame delle piante da interno e quello delle piante da esterno in condizioni climatiche calde e secche prolungate dovrebbe essere sufficiente per prevenirne naturalmente la comparsa. Nel caso di una piccola colonia, l’irrorazione ripetuta può anche essere sufficiente per debellare l’infestazione.

trattamento chimico

Se la proliferazione è a uno stadio troppo avanzato, non sarà sufficiente nebulizzare acqua, e bisognerà utilizzare uno specifico acaricida come trattamento curativo. In questo caso, come spesso accade, il chimico si opporrà al biologico. Dicofol o Cyhexatin sono due sostanze chimiche che dovrebbero riuscire a distruggere il ragnetto rosso. Tuttavia, dimostrando capacità di resistenza impressionanti, il ragno rosso è riuscito ad adattarsi a certi acaricidi, a tal punto che la loro efficacia non è sistematica, o almeno non immediata.

Trattamento allo zolfo organico

Inoltre, sarà possibile vaporizzare una soluzione liquida perfettamente biologica ottenuta da zolfo bagnabile, di cui sono riconosciute le proprietà acaricide. È un granello fine che si disperde in acqua. Molto utilizzato in agricoltura, contiene l’80% di zolfo minerale prelevato dalla roccia. Le sue proprietà antimicotiche e disinfettanti sono ben consolidate. Il suo vantaggio e non meno importante: non è dannoso per l’uomo, le api o gli animali. Le api possono impollinare senza alcun rischio per la loro salute.

È meglio spruzzare la miscela direttamente sulle foglie macchiate. Tuttavia, lo zolfo agisce attraverso il vapore, quindi agirà anche se la soluzione non ha toccato nessuna delle foglie infestate. Per ottimizzare l’azione del trattamento è bene esporre la pianta in pieno sole, ad una temperatura di circa 22-25 gradi. La luce intensa, infatti, migliora la sublimazione dello zolfo, ovvero il suo passaggio dallo stato solido allo stato gassoso. Attenzione però, troppo zolfo potrebbe bruciare le foglie.

Trattamento naturale: il ciclo della vita…

Te lo concediamo, sarà difficile impiantare tu stesso un predatore. Comunque è sempre bene sapere, e tale accertamento viene comunque effettuato su colture agricole: il Phytoselulus persimillis è un perfetto predatore del ragno rosso, e non è altro… che un ragno. Si nutre di uova e larve di ragnetto rosso e persino di adulti. Molto vorace, non smette mai di rintracciarli per sterminarli. D’altra parte, quando la colonia è completamente inghiottita, questo ragno muore di fame. Triste destino. Discuteremo l’interesse della diversificazione alimentare la prossima volta…

Author

Continua a leggere:  Arvicola macinata o ratto talpa: come combattere?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *