Quali sono le differenze tra un cammello e un dromedario?

chameau 165655

Quali sono le differenze tra un cammello e un dromedario?

Sai già che un cammello ha due gobbe e un dromedario ne ha solo una. Ma sai che non è questa l’unica differenza che distingue questi due animali?

Questa è la storia di tre cammelli…

Il cammello e il dromedario appartengono entrambi alla famiglia dei Camelidi e al genere Cammello.

Il dromedario è quindi in senso stretto un cammello, ma a Camelus dromedarioun cammello dromedario.

Il cammello “molto basso” si divide in due sottospecie: il Camelus bactrianus bactrianuschiamato Bactrian Camel, e il Camelus bactrianus ferruschiamato Wild Camel of Tartary.

Cammello

Le differenze tra cammello e dromedario in breve

  • L’origine: anche se un cammello e un dromedario possono accoppiarsi e dare alla luce un turcomanno, non vivendo nelle stesse regioni, il loro incontro non può che essere frutto dell’Uomo,
  • Il mantello: ancora una volta, a causa della diversa natura dei luoghi in cui vivono, il loro mantello non assolve le stesse funzioni,
  • La morfologia, adattata ai deserti per l’uno e alle steppe per l’altro,
  • I due dossi di grasso per il cammello, uno per il dormadaire sono una riserva nutritiva a cui può attingere quando deve accontentarsi di un alimento poco ricco,
  • La sua lana molto spessa per far fronte a inverni rigidi.

Il cammello dromedario

Il cammello dromedario è anche chiamato cammello arabo. Il suo habitat è nei deserti caldi come il Sahara e la penisola arabica. Elementi della sua anatomia si adattano perfettamente a queste particolari condizioni di vita. Insistiamo su elementi che ne sono veramente caratteristici.

Continua a leggere:  Come vivono le formiche? Quale organizzazione nel formicaio?

I suoi seni sono tirati in modo tale da recuperare parte del vapore acqueo espirato. Le sue narici possono anche chiudersi completamente, per limitare l’inaridimento del tratto respiratorio superiore.

Le sue ghiandole sudoripare sono poche e sparse su tutto il corpo: questo limita la perdita di acqua attraverso la sudorazione.

In caso di disidratazione, il suo sangue rimane fluido e quindi la sua temperatura aumenta meno rapidamente. In confronto, in molti mammiferi, la perdita di acqua è accompagnata da un aumento della viscosità del sangue che contribuisce all’aumento della temperatura corporea.

La pelle del dromedario è spessa, soprattutto sul dorso.

Il dromedario è un erbivoro la cui vita media può raggiungere i 25 anni. Come tutti i mammiferi, anche se il suo collo è lungo, ha sette vertebre cervicali. Il dromedario ha un piede largo ed elastico adatto a camminare su terreni sabbiosi.

La gobba del dromedario non è una riserva d’acqua ma di energia: è una massa di grasso biancastro che può pesare fino a 100 kg per un animale in buona forma, e che può essere trasformata in acqua utilizzabile dal suo organismo.

La concentrazione delle riserve di grasso nella gobba ne limita la presenza sottocutanea: un animale si raffredda tanto meglio quanto meno grasso è. La temperatura corporea del cammello può quindi scendere fino a 34°C di notte e salire fino a 42°C con il caldo.

Continua a leggere:  Puntura, morso o entrambi nella formica? Cosa fare ?

Nella stagione calda, l’animale può rimanere senza bere per 2-3 settimane e nella stagione fresca per 4-5 settimane. Se deve stare in pieno sole, si posizionerà naturalmente rivolto verso il sole per limitare l’area di esposizione.

Il cammello battriano

Questo animale è apparso nelle steppe e nelle regioni aride dell’Asia centrale. Bactria designa una regione a cavallo degli attuali stati dell’Afghanistan, del Tagikistan e dell’Uzbekistan. Oggi è presente su un vasto territorio che va dalla Turchia alla Cina.

La costituzione di questo cammello corrisponde al clima continentale estremamente secco, con estati calde e secche e inverni rigidi e nevosi. Da dove :

A differenza del dromedario, il cammello esiste ancora allo stato brado, anche se gli individui sono pochi. Questa controparte selvatica è chiamata Cammello della Tartaria, considerata di recente (primi anni 2000) una specie distinta per alcune caratteristiche.

Il mantello del Cammello della Battriana è folto e denso, con pelo lungo fino a 7 cm sotto il collo, sopra le gobbe, sulla testa, sotto il mento e sulla nuca. Lo spessore del mantello lo protegge sia dal freddo che dal caldo, a seconda della stagione.

Author

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *