Il panda gigante: come e dove vive? Tutto quello che c’è da sapere sui panda

panda geant 075021

Il panda gigante: come e dove vive?  Tutto quello che c'è da sapere sui panda

Il panda gigante, da non confondere con il panda rosso, è un mammifero presente ormai solo nella Cina centro-meridionale, e tre quarti di questi ursidi sono oggi concentrati nella provincia del Sichuan, allo stato selvatico. Nel resto del mondo si può ammirare in molti parchi faunistici dove talvolta si riproduce. Scopriamo questo grande amante delle piante, in particolare del bambù, nonostante sia un carnivoro che sembra un grande orsacchiotto di peluche bianco e nero.

Identità e dieta del panda gigante

Il panda gigante (Ailuropoda melanoleuca) appartiene alla famiglia di Ursidi (Ursidi). È un mammifero dell’ordine dei carnivori anche se la sua dieta è costituita principalmente da piante, vale a dire quasi il 99%, e più esclusivamente da bambù. Questo è il motivo per cui la gente del posto lo chiama l’orso di bambù. Tuttavia, è probabile che si nutra di qualche insetto o uova di uccello e anche occasionalmente carcasse di animali perché il suo apparato digerente è abbastanza adatto a questo tipo di cibo, che il panda gigante digerisce molto bene.

Per più di 14 ore al giorno, il panda gigante mastica steli, foglie e giovani germogli di bambù ricchi di cellulosa. Questa lunga masticazione è fondamentale per riuscire a digerire questo particolare carboidrato perché il suo colon ne è privo cieco, che non favorisce la digestione. Questo è anche il caso di tutti gli ursidi. IL cieco è una specie di piccola tasca all’interno della quale i batteri degradano il cibo. Così, nonostante il tempo che passa a masticare bambù, il panda gigante non digerisce nemmeno il 20%. Consuma tra i 20 ei 35 kg di bambù al giorno.

Il panda gigante (Ailuropoda melanoleuca) appartiene alla famiglia Ursidae (Ursidae).

Sviluppo e longevità del panda

È all’età di 5 anni e mezzo e al più tardi a 6 anni che il panda gigante raggiunge la sua maturità sessuale. Il periodo di riproduzione è estremamente breve poiché dura solo pochi giorni e avviene solo una volta all’anno. Più in generale, la riproduzione del panda è difficile allo stato naturale, e quando negli zoo questi animali riescono a riprodursi è spesso grazie all’inseminazione artificiale.

Dopo un periodo medio di gestazione di 137 giorni – questo molto variabile da madre a madre -, la femmina di panda partorisce al massimo due piccoli, o anche tre nei casi più rari, ma solo uno sopravvive perché è il unico figlio di cui si prende cura. Il padre non prende parte all’educazione della sua prole.

Il peso alla nascita di un cucciolo di panda è di almeno 80 g e può raggiungere un massimo di 140 g. Lo svezzamento totale non ha luogo fino a quando il bambino non ha circa 11 mesi. Questo orso non diventa completamente indipendente fino a 18 mesi. In età adulta è un animale molto corpulento che può misurare più di 1,70 m e pesare tra gli 80 e i 130 kg.

Grazie alla sua particolare anatomia, il panda gigante raccoglie facilmente le piante. È infatti dotato di 6 dita per mano poiché l’osso sesamoide (osso del polso) si è trasformato nel tempo in una sorta di pollice che si oppone alle altre dita. Questo sesto dito è chiamato il falso pollice.

In natura, il panda gigante difficilmente supera i 15 anni, mentre in cattività la sua aspettativa di vita può raggiungere i 25 anni.

cucciolo di panda

Il panda gigante è in pericolo?

Il panda gigante è stato a lungo oggetto di una campagna di protezione. Oggi non è più uno degli animali in via di estinzione, ma rimane sotto stretta sorveglianza in Cina. La legge in questo paese è ampiamente favorevole alla protezione di questo animale. Se dal 2010 uccidere un panda è un atto punibile con la reclusione, in precedenza era esposto alla pena di morte.

Gli sforzi compiuti in Cina per promuovere il rimboschimento e la conservazione delle aree di habitat del panda gigante hanno visto aumentare notevolmente il numero di individui tra il 2003 e il 2013. Tuttavia, dobbiamo continuare a essere molto vigili, perché in questo settore non si vince nulla.

In effetti, il suo luogo di vita è ora limitato a poche isole coltivate a foreste di bambù e che rappresentano non più di trentamila chilometri quadrati. Quando una foresta di bambù appassisce, questi animali non hanno più la possibilità di migrare verso altre isole poiché sono isolati gli uni dagli altri. I panda sono quindi facilmente esposti alla fame. Dati gli attuali cambiamenti climatici, gli inverni sono sempre più rigidi, mettendo in pericolo i numerosi boschetti di bambù in Cina. In meno di un secolo i bambù rischiano tutti di morire, il che rappresenta un terribile pericolo per la sopravvivenza del panda gigante.

Continua a leggere:  Xerus o ratto chiromante, roditore africano che vive in colonie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *