Ape assassina: di cosa stiamo parlando?

abeille tueuse 061905

Ape assassina: di cosa stiamo parlando?

La denominazione di ape assassina ha qualcosa che fa venire i brividi lungo la schiena. Alfred Hitchcock, famoso regista britannico, potrebbe avere qualcosa a che fare con questo. Alcune sue invenzioni cinematografiche hanno infatti segnato l’immaginario collettivo. I suoi attacchi di uccelli sono uno di questi. Inoltre, si può immaginare qualcosa di simile all’evocazione di api assassine, enormi sciami che piombano sulle loro vittime umane. Se la realtà è meno tragica, non meno reali sono i problemi posti dalle api assassine. Ecco le spiegazioni complete.

L’ape assassina è una creazione umana

L’esistenza delle api assassine è accidentale. La storia inizia negli anni ’50, quando il Brasile voleva diventare il primo produttore mondiale di miele. Per realizzare questo progetto, il governo brasiliano ha deciso di aumentare la produttività delle api che vivevano sul suolo brasiliano e ha chiamato Warwick Estevam Kerr, genetista dell’Università di San Paolo.

Per il progetto decidono di importare regine Apis mellifera scutellata, una specie originaria della Namibia la cui qualità primaria era quella di proliferare in un clima tropicale. Le api europee hanno sofferto maggiormente questo tipo di clima più adatto a un clima temperato. Inoltre, anche se l’ape africana producesse meno miele delle specie europee, la quantità di api potrebbe compensare la minore redditività di ciascuna ape presa singolarmente.

Tuttavia, non potevano essere utilizzati come tali perché esibivano un comportamento molto aggressivo che ostacolava lo sfruttamento del miele. Inoltre, il genetista ha avuto l’idea di incrociare le api Apis mellifera scutellata con api europee, già utilizzato in Brasile: Apis mellifera ligustica E Apis mellifera iberiensis. Purtroppo il test non si è rivelato conclusivo perché gli ibridi hanno sempre mostrato grande aggressività. La storia sarebbe finita lì se dal laboratorio non fossero scappati una ventina di sciami.

Livello di pericolo reale delle api assassine

Da lì, l’aggressività Apis mellifera scutellata incrociato con le altre specie incontrate lungo il cammino. La sua presenza è cresciuta al ritmo di 100-300 km all’anno, raggiungendo infine il Messico (1985) e poi gli Stati Uniti (anni ’90).

Continua a leggere:  Il fermaglio o la forbicina è utile in giardino?

La morte di un contadino texano fu particolarmente pubblicizzata. Riferendo le 40 punture inflitte agli esseri umani da queste api ibride nel luglio 1993, un giornalista ha inventato il clamoroso termine “killer bee”, un nome che ora gli è rimasto impresso.

Il veleno diApis mellifera scutellata e i suoi ibridi non sono più formidabili di quelli delle nostre api. È il loro comportamento il problema. Per questo motivo, quando accade che un intero sciame venga coinvolto in un attacco, il bersaglio può ricevere da 200 a 1.000 punture simultanee. Queste api sono anche in grado di inseguire il loro obiettivo per quasi 400 metri e rimangono agitate fino a otto ore dopo che la colonia è stata disturbata, rispetto ai 50 metri e un’ora delle specie europee.

Il numero di persone e animali attaccati da queste api non diminuisce. Il problema è tanto più difficile da risolvere in quanto è impensabile prevedere l’eradicazione delle popolazioni di api perché sono direttamente o indirettamente coinvolte in circa un terzo della produzione alimentare, negli Stati Uniti così come nel resto del mondo.

Caratteristiche dell’ape assassina

Le api ibride sono chiamate “api africanizzate”. Si comportano come le api africane: stabiliscono il nido all’esterno, e non solo nelle cavità come le api europee. Questo spiega in particolare perché sono più abituati a difendersi dai predatori.

Sono difficili da distinguere dalle api europee. Apis mellifera scutellata è più piccolo delle api europee. Ma la dimensione dell’ibrido varia a seconda dell’ibridazione.

Come le nostre api europee, quando a Apis mellifera scutellata punge, perde il pungiglione e parte dell’addome che contiene la ghiandola velenifera. Ma lascia sulla vittima dei feromoni che incoraggiano gli altri a unirsi a lui e a pungere a loro volta. Questi sono una sorta di feromoni di allarme che aiutano a prendere di mira la vittima. Ecco perché sono in grado di agire in gran numero, a differenza delle api europee.

Continua a leggere:  Quali sono le differenze tra ape, vespa, calabrone e calabrone?

La grande adattabilità dell’ape africanizzata spiega anche la sua proliferazione. È più resistente alle malattie. Sciama più volte all’anno: questa è una strategia che ha adottato per far fronte a situazioni di scarsità di cibo o acqua. Ma se necessario, quando le risorse intorno all’alveare diventano scarse, non esita ad abbandonare l’alveare e migrare verso territori dove le risorse sono più abbondanti. Questa ape ha anche dimostrato di essere in grado di volare anche se le condizioni meteorologiche sono cattive.

Ferma l’ape assassina

Ovviamente i ricercatori non sono rimasti senza cercare di trovare una soluzione ai problemi posti dalle api africane e dai loro ibridi. La conoscenza progredisce senza che però ci si possa ancora rallegrare di aver trovato la soluzione.

In effetti, ora sappiamo come spiegare perché i geni dell’ape africana predominano su quelli dell’ape europea. È abbastanza semplice: un’ape regina europea impiega 11 giorni per uscire dalla sua cella mentre l’ape regina africana ne impiega solo 10. Questo giorno di anticipo è decisivo, la prima regina si preoccupa di uccidere ogni potenziale rivale, e poi è quella che emetterà feromoni e quindi essere riconosciuto come il capo della colonia. La regina africana depone quindi 2.000 uova al giorno. Per cercare di risolvere il problema, gli scienziati sono quindi alla ricerca di soluzioni che riguardino i maschi.

Al contrario, nella sua regione di origine Apis mellifera scutellata è minacciata dalla presenza di una specie originaria del Sudafrica, Apis mellifera capensische agisce come un vero e proprio parassita.

Continua a leggere:  Puoi adottare un riccio? Quali precauzioni? Cosa dice la legge?

Author

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *