Quali sono le differenze tra il canguro e il wallaby?

kangaroo 091610

Mentre tutti generalmente sanno che aspetto ha un canguro, l’immagine è meno chiara per il wallaby. È anche un canguro? Spieghiamo le differenze tra i due animali.

Quali sono le differenze tra il canguro e il wallaby?

L’uso del termine “canguro”

I canguri appartengono alla famiglia dei macropidi, termine composto da macro che significa grandee di pide che significa piede. È una famiglia particolare all’interno del gruppo dei marsupiali che comprende vari animali come l’opossum o il diavolo della Tasmania. La caratteristica di questo gruppo è dovuta allo sviluppo dei giovani all’interno di una sacca chiamata marsupio che ospita anche le mammelle.

I canguri in senso stretto si dividono in 4 specie:

  • canguro rosso,
  • canguro gigante,
  • il canguro grigio,
  • e il canguro antilope.

Sono le più grandi specie di macropidi.

Ma il termine “canguro” è usato anche in senso più ampio. Questo può infatti essere un termine generico che racchiude, oltre alle 4 specie di veri canguri, altre 63 specie della famiglia dei macropodidi. I wallaby sono tra questi, così come i wallaroos, i canguri arboricoli, i pademelon e i quokka.

Canguro / wallaby: una differenza di dimensioni

Come tutti i macropidi che non sono canguri in senso stretto, i wallaby sono più piccoli. Il più grande canguro conosciuto misurava 2 m per 90 kg. Ma i canguri sono più comunemente alti 1,80 m. E questo riguarda solo i maschi che sono il doppio di peso, e di taglia, delle femmine. I più alti sono in grado di saltare 3,30 m di altezza e 9 m di lunghezza. Questo è abbastanza vicino ai record umani: 2,44 m di altezza e 8,90 m di lunghezza.

Weiterlesen:  L'elefante marino: uno dei più grandi mammiferi marini!

Il più comune dei wallaby è il wallaby di Bennett. Il maschio misura 1 m per 27 kg. Taglia esclusa, questo wallaby può essere confuso con il canguro gigante: il loro corpo ha proporzioni abbastanza ravvicinate e il loro mantello è simile.

Il wallaby di Bennett

Confronto tra canguro gigante e wallaby di Bennett

Il canguro gigante e il wallaby di Bennett occupano entrambi la costa orientale dell’Australia. Nella sua distribuzione originale, il wallaby di Bennett è presente solo nell’Australia sud-orientale, in Tasmania e in alcune isole tra questi 2 paesi. Canguro e wallaby occupano territori diversi, dalla macchia costiera alla savana. Entrambi hanno un mantello abbastanza spesso con una tonalità grigia. La differenza di colore tra il dorso più scuro e la faccia più chiara è un po’ più chiara nel wallaby.

L’aspettativa di vita è maggiore per il wallaby di Bennett che per il canguro gigante: se il primo può vivere fino a 15 anni, il secondo può solo sperare di vivere fino a 10 anni. Entrambe le specie conoscono pochi predatori e si riproducono bene. Non sono quindi specie in via di estinzione. Possono anche essere considerati in alcune aree come parassiti. Sono infatti erbivori che a volte competono con le mandrie al pascolo. La loro caccia è quindi autorizzata.

Il canguro gigante vive in piccoli gruppi di una decina di individui dominati da un maschio che sorveglia alcune femmine e i loro piccoli, oltre a pochi maschi immaturi. Il wallaby di Bennett è più solitario. Se un’area è ricca di cibo, diversi wallaby possono comunque raggruppare fino a trenta individui.

In termini di velocità, i wallaby si muovono a una velocità di circa 15 km/h, raggiungendo in media dai 30 ai 40 km/h e dai 50 ai 60 km/h al massimo. Ovviamente, a causa delle sue dimensioni, il canguro gigante si muove più velocemente: 30 km/h è la sua velocità abituale di movimento e 80 km/h, la sua velocità massima.

Weiterlesen:  Cosa sono gli speroni e perché i cani li hanno? | Pet Yolo

La sorprendente riproduzione dei canguri

Mentre i “veri” canguri possono dare alla luce una cucciolata fino a 3 cuccioli, i wallaby di solito danno alla luce solo un giovane, due sono rari. Il periodo di gestazione per entrambi gli animali è di circa trenta giorni.

Ma in questa fase lo sviluppo del piccolo è solo all’inizio perché pesa meno di 1 grammo. Senza peli, zampe posteriori e coda incomplete, l’embrione sembra un piccolo bruco rosa. Una volta tagliato, il cordone ombelicale si unisce al marsupio della madre senza che nessuno sappia come.

Si aggrappa quindi a uno dei 4 capezzoli e rimane tra gli 8 ei 9 mesi nella tasca per costruire il suo aspetto finale. Se l’ambiente non è favorevole alla nascita, perché ad esempio il cibo è ridotto, lo sviluppo dell’embrione può essere sospeso per 11 mesi e poi ripreso. Una volta che il giovane sarà ben addestrato, potrà uscire dalla tasca per cominciare ad esplorare il mondo esterno, pur conservando la possibilità di rifugiarsi lì.

Solo quando è svezzato smette di tornarci, senza allontanarsi troppo dalla madre, che lascerà solo quando avrà raggiunto la maturità sessuale.

Auteur

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *