Manul o il gatto di Pallas: chi è questo gatto selvatico?

manul 062714

Manul o il gatto di Pallas: chi è questo gatto selvatico?

DaAsia centrale, il gatto Pallas affascina con il suo sguardo penetrante e la splendida pelliccia. In un ambiente freddo e arido, intessuto di steppa e roccia, il manul si mimetizza perfettamente: il suo pelo prende in prestito il colore le stagioni mentre la sua testa appiattita e le orecchie basse facilitano le sue imboscate. Ingrandisci un felino selvatico che gioca al gatto e al topo con la sua preda e i suoi predatori.

Che tipo di animale è il manul o il gatto di Pallade?

Il gatto di Pallade (Otocolobus manulascolta)) è un gatto selvatico dell’Asia centrale chiamato anche manul. Il suo nome volgare deriva da Pietro Simone Pallade, lo zoologo tedesco che per primo lo descrisse. Il mammifero appartiene alla famiglia Felidae e da solo rappresenta il genere Otocolobus. Nel 2017, un gruppo di scienziati dell’Unione internazionale per la conservazione della natura (IUCN) ha riconosciuto 2 sottospecie :

  • Otocolobus manul manul ha il colore più comune. Si trova nella maggior parte dell’areale della specie, ma soprattutto in Mongolia e Cina.
  • Otocolobus manul nigripectus mostra segni neri più pronunciati. Vive in Tibet, Kashmir, Nepal e Bhutan.

Come riconoscere il manuale?

Il gatto di Pallas sembra un gatto domestico ma più grande. Il suo corpo è tozzo e le zampe corte. Una caratteristica distintiva è la sua testa grande e appiattita, impreziosita da orecchie piccole, arrotondate e basse. Come altri felini, sfoggia baffi. Privo del primo paio di premolari superiori, il suo corto muso ha 28 denti, meno del gatto domestico (30). I suoi occhi circondati da una fascia bianca sono in qualche modo contratti circolare e non allungato. Il manul ha un mantello lungo, fitto e diversificato nelle sue sfumature. Pesa in media 4 chili, misura fino a 65 cm e ha una coda la cui lunghezza varia tra 21 e 31 cm.

Continua a leggere:  I grandi animali della foresta francese: chi sono?

Dove vive il gatto di Pallade?

Il manul occupa le regioni freddo e arido Asia centrale, tra i 4000 ei 5000 m di altitudine, su una fascia che comprende Afghanistan, Bhutan, Cina, India, Iran, Kazakistan, Kirghizistan, Mongolia, Nepal, Pakistan, Russia e Turkmenistan. Il suo habitat preferito è steppe praterie e arbusti, deserti alpini, aree rocciose o ghiaioni. Il gatto Pallas si adatta a condizioni climatiche estreme segnate da temperature molto basse e venti violenti, sabbia e polvere. Sopporta la presenza stagionale della neve, ma non stabilmente, altrimenti si sposterà in un luogo meno ostile. Il manul occupa grotte, anfratti o tane abbandonate da altri animali, come marmotte, volpi e tassi.

Come si adatta il manul al suo ambiente?

Il gatto di Pallas ha caratteristiche diadattamento in un ambiente freddo e arido con scarsa vegetazione. Ecco alcuni esempi:

Lotta contro il freddo

Il suo pelo lungo e fornito lo aiuta a sopportare temperature che possono raggiungere i -50°C in inverno. Il suo folto mantello gli permette inoltre di trattenere il calore quando si arrotola su se stesso per dormire. La sua pelliccia si ispessisce in inverno, tanto che l’animale raddoppia il suo peso, da circa 2,5 a 5 kg;

Camuffare

Il colore del mantello non è uniformemente grigio. Ha macchie e strisce che consentono al manul di mimetizzarsi nell’ambiente. Allo stesso scopo, i suoi occhi sono verde chiaro o giallo chiaro, come il paesaggio circostante. Il gatto Pallas è un povero corridore, le sue orecchie piccole e attaccate basse aiutano a nasconderlo dai suoi predatori. Facilitano anche la sua caccia di vedetta quando si tratta di avvicinarsi con discrezione alla sua preda;

Continua a leggere:  La formica del fuoco, temibile predatore della foresta amazzonica

Omocromia stagionale

La pelliccia del felino selvatico presenta notevoli variazioni di colore a seconda della stagione. In inverno, diverse parti del suo corpo diventano bianche per imitare l’aspetto nevoso o ghiacciato della steppa. Il resto dell’anno, quando riappaiono le rocce nude, il suo mantello ridiventa grigiastro, con le sfumature giallastre o rossastre della vegetazione tipiche degli ambienti aridi.

Cosa mangia il gatto di Pallade?

Il manul è un predatore carnivoro specialista che caccia da solo di notte. Si nutre principalmente di mammiferi come pika (piccoli lagomorfi), marmotte, jerboa, gerbilli e i loro cugini le fate, arvicole, criceti e scoiattoli di terra. Il felino può consumare anche uccelli, come pernici e allodole, rettili, invertebrati, carogne e bacche. Il gatto di Pallade è a corridore mediocre che ha dovuto sviluppare strategie diverse dalla velocità per cacciare. Reso quasi invisibile tra le rocce, grazie al suo mantello color cenere, giace in agguato in attesa della preda. Le sue orecchie basse e la testa piatta aiutano a mimetizzarsi quando striscia verso la sua vittima, poi la afferra di sorpresa e la uccide.

Come si riproduce il gatto Pallas?

Nella sua gamma, la stagione riproduttiva di questa specie poligamo è tra dicembre e inizio marzo. Durante questo periodo, la femmina ha una durata dell’estro compresa tra 1 e 5 giorni al massimo. Da aprile a maggio, dopo una gestazione di circa 66-75 giorni, la gatta partorisce fino a 6 piccoli in tane o cavità rocciose. I neonati, che pesano da 70 a 100 g, lo sono cieco e vestito di un piumino scuro e lanoso, nettamente rigato sui lati. All’età di 2 mesi acquisiscono la vista e un nuovo mantello, quindi iniziano le loro attività di caccia intorno ai 5 mesi. I piccoli si emancipano a circa 8 mesi e raggiungono la maturità sessuale tra i 12 e i 14 mesi.

Il manul è una specie in via di estinzione?

Tra i predatori le caratteristiche naturali del felino includono rapaci, lupi, volpi e cani selvatici. All’inizio del XX secolo, il gatto Pallas era molto cacciato per la sua pelliccia, che veniva utilizzata per realizzare cappelli e cappotti. L’animale è ora protetto dalla legge nella maggior parte del suo areale e il commercio del suo mantello è diminuito in modo significativo. Ma rimangono 2 minacce principali: in primo luogo, il distruzione del suo habitat naturale (pascolo eccessivo, agricoltura intensiva, turismo, industria, urbanizzazione, costruzione di strade, ecc.), poi il scarsità di prede, a causa del declino del loro habitat e del loro massiccio avvelenamento (i piccoli roditori sono considerati parassiti). L’Unione Internazionale per la Conservazione della Natura (IUCN) classifica il gatto di Pallas nella categoria di “minore preoccupazione”, evidenziando il declino della sua popolazione. Il mammifero è protetto dalla Convenzione di Washington (CITES) che lo ha inserito nell’Appendice II, rendendo obbligatorio l’ottenimento di un permesso per importarlo. Il manul può vivere tra i 10 ei 12 anni.

Continua a leggere:  Quali sono le differenze tra ape, vespa, calabrone e calabrone?

Author

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *