Mammiferi migratori: chi sono? Dove e perché migrano?

migration mammifere 064739

Il fenomeno degli uccelli migratori è ben noto, soprattutto perché sono ben visibili nel cielo ei cacciatori possono approfittarne per abbattere determinate specie. D’altra parte, molte meno persone sanno che esistono anche mammiferi migratori. Di quali animali si tratta? Dove e perché migrano questi mammiferi?

Mammiferi migratori: chi sono?  Dove e perché migrano?

La migrazione di alcune balene

A volte dimentichiamo che la balena è un mammifero e che migra, riuscendo a percorrere distanze impressionanti, fino a 10.000 chilometri. La causa di questi spostamenti è lungi dall’essere chiaramente spiegata. Gli scienziati hanno intrapreso numerosi studi, seguendoli nel loro viaggio tramite drone o satellite. Possiamo considerare oggi che siamo ancora solo allo stadio delle ipotesi. È possibile che la risposta sia la somma di diversi fattori.

Il fenomeno si osserva in entrambi gli emisferi del pianeta e si verifica in modo diverso a seconda della specie. Sono principalmente i fanoni che migrano. Le balene dentate sono nomadi o sedentarie. La migrazione è talvolta solitaria o in gruppi composti da molti individui.

I fatti creano il consenso: le balene migratrici si stabiliscono per nutrirsi in acque fredde e migrano verso acque calde per partorire. Tuttavia, la spiegazione della migrazione per partorire in un ambiente che sarebbe più favorevole ai piccoli non regge perché la termoregolazione in acqua fredda non è insormontabile per le giovani balene. Inoltre, tra le ipotesi esplorate, c’è l’idea che gli adulti si muovano soprattutto per proteggere la prole dai predatori.

La migrazione di alcuni pipistrelli

Mentre alcuni pipistrelli scelgono di ibernarsi per svernare, altri scelgono di migrare. La Nottola comune, la Sérotine bicolore, la Pipistrella di Nathusius o anche la Nottola di Leisler seguono quindi un asse europeo Nord-Est/Sud-Ovest. Lo studio dei loro movimenti viene effettuato seguendo la scia dei soggetti inanellati. Uno studio condotto nel settembre 2016 ha seguito un Pipistrelle dalla Germania alla Franche-Comté, quasi 662 km più avanti.

Continua a leggere:  220+ Nomi di Cani Neri Che Non Sono Affatto Banali | Pet Yolo

Altri mammiferi migratori

Le migrazioni osservate nella maggior parte degli altri mammiferi sono legate a problemi alimentari. Le mandrie si spostano così per sfuggire alla siccità o per continuare a nutrirsi quando le quantità disponibili si riducono.

Questo è stato il caso del bisonte americano, quando ce n’erano ancora dai 50 ai 70 milioni, prima che gli europei si stabilissero e li sterminassero in massa fino a farli quasi scomparire. Hanno poi vissuto e si sono trasferiti nelle pianure erbose del Nord America, dal Messico al Canada. Poiché avevano bisogno di una grande quantità di erba in un periodo di tempo molto breve, dovevano spostarsi regolarmente per mantenere l’accesso a una quantità sufficiente di cibo. Oggi il problema è diverso perché vivono principalmente in parchi o fattorie.

Nella renna, animale che vive nelle regioni fredde di Europa, Asia e America, non tutte le specie sono migratrici. Tra quelli che lo sono, c’è il caribù dei boschi, che vive nella foresta boreale tra l’Alaska e Terranova. Si nutre di erbe, arbusti, cortecce e licheni. Anche se riesce a scovare il cibo sotto la neve, si sposta in zone dove è più facile trovare cibo, percorrendo fino a 2000 chilometri.

Nelle zone calde della Terra possiamo citare gli gnu. Erbivoro che vive in branchi in Africa, ha uno stile di vita sedentario. Ma non esita a migrare quando il cibo diventa insufficiente. Anche l’orice e l’addax, altri due bovidi africani, si muovono con le stagioni. Springbok, antilopi saltatrici dell’Africa meridionale e zebre possono unirsi a queste mandrie.

Continua a leggere:  Equini, chi sono? Le specie che compongono questa famiglia di mammiferi?

Il lemming della tundra è un roditore noto per l’importanza delle sue migrazioni. È fatto in modo anarchico, da grandi gruppi che vagano in tutte le direzioni. Accade quindi che un numero molto elevato di questi roditori muoia per sfinimento, il più delle volte annegando durante l’attraversamento di un torrente, ovviamente non sapendo valutare l’importanza del torrente e quindi la fattibilità dell’attraversamento. .

Migrazioni e nomadismo tra gli esseri umani nella preistoria

Non dimentichiamo l’essere umano che è anche un mammifero! A questo proposito si distingue tra pastorizia nomade e migrazione. Il nomadismo è uno stile di vita che pone la caccia, la pesca e la raccolta al centro delle attività umane. Anche la ricerca dei pascoli è una forma di nomadismo. Durante la preistoria, l’uomo fu nomade per tutto il Paleolitico e il Mesolitico. Trascorreva le sue giornate cercando e preparando il cibo. Nel Neolitico, l’uomo inventò l’agricoltura: fu l’inizio di uno stile di vita sedentario, questo stile di vita lo costrinse a stabilirsi nello stesso luogo per diversi mesi di seguito. Quando si parla di migrazioni nella preistoria, si tratta piuttosto di spostamenti di popolazioni che si distribuiscono su più generazioni, stabilendosi ciascuna ai margini dei territori occupati dalle precedenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *