Lo scimpanzé, la scimmia con cromosomi simili a quelli umani

chimpanze 080244

Dotato di capacità intellettive e cognitive particolarmente sviluppate, lo scimpanzé è, dal punto di vista biologico, il primate più vicino all’uomo. La sua capacità di fabbricare strumenti e maneggiarli per il cibo suscita ammirazione tra gli scienziati. Incontro con un primate dotato!

Lo scimpanzé, la scimmia con cromosomi simili a quelli umani

Quattro sottospecie di scimpanzé

Lo scimpanzé appartiene all’ordine dei primati e alla famiglia degli ominidi. Queste scimmie si dividono in due specie: lo scimpanzé comune (Pan trogloditi) e bonobo (pan paniscus). Lo stesso scimpanzé comune è disponibile in quattro sottospecie:

  • Lo scimpanzé dell’Africa occidentale (Pan troglodytes verus);
  • Lo scimpanzé nigeriano (Pan troglodytes vellerosus);
  • Lo scimpanzé dell’Africa centrale (Pan troglodytes troglodytes);
  • scimpanzé di Schweinfurth (Pan troglodytes schweinfurthi).

Mantello nero, corpo a volte glabro e rosato

Di grandi dimensioni, lo scimpanzé comune ha un mantello nero ad eccezione del muso, delle orecchie, dei palmi delle mani, delle piante dei piedi, delle dita delle mani e dei piedi che sono glabri e spesso rosa, a volte punteggiati di più scuro a seconda della sottospecie. Il viso piatto è caratterizzato da bocca prominente e labbra molto mobili. Le orecchie sono grandi e rotonde e il suo corpo tozzo è privo di coda. Lo scimpanzé comune misura da 1,30 a 1,60 me pesa tra 40 e 65 kg.

Lo scimpanzé, virtuoso della brachiazione

Le sue braccia lunghe e muscolose possono raggiungere una volta e mezza la lunghezza del busto mentre le zampe posteriori risultano essere più corte e solitamente piegate. A terra, la morfologia dello scimpanzé gli consente di adottare un’andatura quadrupede o bipede. La sua andatura si basa sui piedi piatti e sul dorso delle dita delle mani. I pollici delle mani ei piedi opponibili alle altre dita facilitano notevolmente i suoi movimenti sugli alberi dove padroneggia facilmente l’arte della brachiazione (oscillazione da un ramo all’altro con le braccia).

Continua a leggere:  Come spaventare i cinghiali dall'orto, dall'orto o dal frutteto?

Lo scimpanzé vive esclusivamente in Africa

Le quattro sottospecie di scimpanzé sono distribuite in venti paesi dell’Africa occidentale, centrale e orientale. I primati frequentano vari ambienti come savane erbose o boscose e foreste tropicali, dal livello del mare a più di 2.500 m di altitudine.

Lo scimpanzé, cugino stretto dell’uomo

Nella famiglia dei primati lo scimpanzé comune è la scimmia più vicina all’uomo con cui condivide il 95% dei geni mentre gli studi gli attribuiscono capacità intellettive e cognitive particolarmente sviluppate. Lo scimpanzé è l’animale che meglio sa utilizzare strumenti di base, richiamando così le tecniche utilizzate dai primi esseri umani. Ad esempio, il primate seleziona un ramo lungo e sottile e poi lo spoglia per catturare termiti e formiche nel loro habitat. Lo scimpanzé usa anche pietre o un pezzo di legno per rompere i gusci di frutta o noci. Gli scienziati hanno identificato l’uso di più di sessanta strumenti diversi.

Tanta frutta e pochissima acqua

Animale onnivoro prevalentemente fruttivoro, lo scimpanzé si nutre principalmente di frutti a cui aggiunge altre piante come semi, foglie, fiori, steli o cortecce. L’animale integra la sua dieta con una piccola quantità di proteine ​​animali: insetti, pulcini, piccoli mammiferi, ma anche miele o uova di uccelli. Il primate beve poco perché trova la maggior parte dell’acqua di cui ha bisogno nella polpa dei frutti che consuma.

Il grooming rafforza i legami tra gli scimpanzé

Animale socievole, lo scimpanzé comune si evolve all’interno di comunità di circa venti-cento individui. Questi gruppi occupano e difendono un territorio in cui cercano cibo e costruiscono ogni sera un rifugio di base sugli alberi. È comune osservare gli scimpanzé che si spulciano a vicenda la pelliccia e mangiano i parassiti che vi trovano. Al di là di una tecnica igienica, la spulcitura è un rituale che contribuisce a mantenere la coesione tra i membri del clan.

Continua a leggere:  150 nomi di gatti letterari Purrfect con significati - Pet Yolo

La lunga emancipazione dello scimpanzé

Il lungo ciclo di ovulazione della femmina di scimpanzé (più di 35 giorni) le consente di accoppiarsi quasi tutto l’anno. Questo raggiunge la maturità sessuale intorno ai dieci anni ei maschi intorno ai tredici anni. Al termine di una gestazione che dura circa otto mesi, la femmina partorisce un unico piccolo di peso compreso tra 1,5 e 2,2 kg che porta per la prima volta sotto la pancia. A poco a poco, il neonato imparerà ad aggrapparsi al pelo della madre ea sistemarsi sulla sua schiena quando lei si muove. Il giovane viene svezzato intorno ai quattro anni, ma può vivere a stretto contatto con il genitore e il gruppo per circa dieci anni prima di emanciparsi.

Minacce allo scimpanzé comune

Lo scimpanzé comune è una specie in via di estinzione. La prima causa del declino della sua popolazione è la deforestazione perché il suo habitat scompare a favore dell’agricoltura, dei pascoli, delle piantagioni industriali, dell’estrazione mineraria e della costruzione di infrastrutture stradali. Nonostante le misure di protezione di cui gode, il primate è anche vittima di tratta (per farne un animale domestico) e bracconaggio per la sua carne. Lo scimpanzé soccombe anche alle malattie infettive (virus Ebola per esempio) contratte dalla sua vicinanza agli esseri umani e ai loro rifiuti. L’aspettativa di vita della scimmia va dai 40 ai 60 anni in libertà come in cattività.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *