Lepidotteri: chi sono? Dove vivono ?

lepidopteres 061014

Lepidotteri: chi sono?  Dove vivono ?

I Lepidotteri costituiscono una grande famiglia di insetti – circa 180.000 specie diverse – che comprende farfalle e falene. Scrivere un articolo generale su questi animali permette di andare oltre le specie particolari che si possono incontrare, e di capire cosa li lega tra loro. È sempre affascinante cogliere l’inventiva della natura ma anche constatare che essa è in grado di riutilizzare quelle che si possono definire “ricette” quando si dimostrano efficaci, adattandole a casi particolari. . Vi invitiamo quindi a seguirci per incontrare questi straordinari animali.

Aspetto dei lepidotteri

Descrivere una famiglia di animali caratterizzata da una tale diversità di dimensioni, colori e forme sembra una missione impossibile. Ma questo è dimenticare che una famiglia ha caratteristiche comuni.

I lepidotteri si distinguono principalmente per il loro ali ricoperto di squame colorate. Sono proprio loro che permettono di ottenere questa tavolozza di colori così varia. Anche le dimensioni dei lepidotteri variano enormemente, da minuscoli micro lepidotteri di un millimetro a farfalle esotiche con un’apertura alare di oltre 30 centimetri.

Zoom sulle squame dei lepidotteri

Le squame costituiscono la caratteristica che ha dato il nome a questa famiglia di animali per via della radice greca lepido- significa “scala” e -ptera
“ala”. Le squame sono minuscole e se viste al microscopio sembrano peli o piume. Coprono le ali e talvolta il corpo dei lepidotteri.

Ogni scala è a estensione
modificato dall’esoscheletro dell’insetto, attaccato alla superficie da un piccolo gambo. Le squame sono disposte in file sovrapposte come tegole su un tetto.

Sono costituiti principalmente da chitina, una sostanza fibrosa che è anche il componente principale dell’esoscheletro dell’insetto. Di solito si presentano in una forma allungata, con una struttura increspata o nervata, sebbene vi sia una grande diversità di forme e dimensioni tra le diverse specie di lepidotteri. I modelli e i colori formati da queste scaglie sono determinati dalla disposizione e dalla struttura microscopica delle scaglie, nonché dai pigmenti che contengono.

Le scale possono svolgere un ruolo nelattrazione partner. In alcune specie di lepidotteri maschi, le scaglie possono infatti essere specializzate per rilasciare feromoni. Le scale possono anche svolgere un ruolo nel camuffare
e aiuta a sfuggire a un predatore. Quando una falena viene catturata dall’ala, le scaglie possono staccarsi facilmente, permettendo all’insetto di scivolare e scappare. Sebbene la perdita delle squame di solito non impedisca a una falena di volare, hanno un ruolo da svolgere nell’aerodinamica del volo e la loro perdita può rendere il volo più difficile o meno efficiente.

Metamorfosi

I lepidotteri hanno un ciclo vitale che si suddivide in quattro stadi: uovo, larva (detta anche bruco), crisalide (o bozzolo) e adulto. I bruchi trascorrono la maggior parte della loro vita mangiando e crescendo, fino a quando non si impupano. All’interno della crisalide, il bruco si trasforma in un adulto.

La trasformazione che avviene all’interno della crisalide è senza dubbio la fase più straordinaria del ciclo vitale di una falena: è in questo momento che il bruco si trasforma in farfalla o falena adulta. È un processo che comporta una massiccia riorganizzazione delle cellule e dei tessuti del corpo.

All’inizio di questa fase il bruco smette di nutrirsi, si attacca ad un apposito sostegno e solitamente forma una pupa attorno al proprio corpo. All’interno, il bruco inizia a decomporsi. Viene chiamata la distruzione del tessuto vivente istolisi. Si osserva che i muscoli e le parti del sistema digestivo del bruco si scompongono in cellule e sostanze chimiche di base.

Contemporaneamente, gruppi di cellule chiamate immaginali, che erano presenti ma inattive nel bruco, iniziano a crescere ea formare diversi tipi di tessuti e organi. Questo processo, chiamato istogenesimostra tutte le strutture dell’insetto adulto, ali, antenne, occhi composti, organi riproduttivi e proboscide, che non esistevano nel bruco.

Allo stesso tempo, altre strutture, come il sistema nervoso, subiscono modifiche, conservando alcune parti mentre si riorganizzano e sviluppano altre.

Quando tutti questi processi sono completati, l’adulto emerge dalla crisalide, pompa un fluido nelle vene delle sue ali per allungarle e indurirle. Dopo un certo periodo di riposo e asciugatura, il nuovo adulto può spiccare il volo.

Due principali tipi di farfalle

Sebbene oggi si continui a parlare di farfalle diurne (chiamate anticamente ropaloceri) e di falene (eteroceres), questa distinzione non corrisponde a nessuna realtà scientifica attuale: una cospicua frazione delle cosiddette farfalle notturne è attiva anche di giorno, mentre alcune cosiddette farfalle le farfalle diurne hanno attività notturna. Inoltre, le cosiddette farfalle diurne rappresentano solo una minuscola parte di tutti i lepidotteri: se ne conta solo il 10%.

Per differenziare le farfalle ci si basa soprattutto sui loro caratteri esteriori. Le cosiddette farfalle diurne hanno antenne tattili sottili con punte ispessite e, con poche eccezioni, piegano le ali perpendicolarmente al corpo. Le cosiddette falene hanno antenne tattili più varie: a forma di piume, spazzole, ecc. Se si incontrano anche eccezioni, di solito ripiegano le ali coprendo il corpo o allargandole orizzontalmente.

Anche le farfalle diurne si distinguono spesso dalle falene per i loro colori vivaci. L’altra notevole differenza tra i generi di farfalle riguarda un particolare della metamorfosi. Non c’è alcuna differenza fondamentale nel processo di mutaforma in sé, ma ha più a che fare con l’aspetto e la tempistica del mutaforma. Alcune specie di falene possono svernare come pupe, mentre molte falene no. Inoltre, è comune che le crisalidi si avvolgano in un bozzolo di seta, mentre è più comune che siano nude, semplicemente appese a un ramo da una cintura di seta nelle farfalle diurne.

animali a sangue freddo

La maggior parte delle farfalle si trova nelle regioni tropicali, ma alla fine si trovano in tutti i continenti tranne l’Antartide. I lepidotteri si trovano dai deserti aridi alle foreste pluviali tropicali. La loro diversità è particolarmente impressionante ai tropici, dove si stima addirittura che molte specie siano ancora da scoprire.

Le farfalle, come tutti gli insetti, sono animali a sangue freddo. La loro temperatura corporea dipende dalla temperatura dell’ambiente circostante. Il loro ritmo di vita dipende spesso dal sole, il che spiega perché osserviamo meno farfalle nei giorni con poco sole. Poiché molte specie sono effettivamente attive durante il giorno, possono utilizzare il sole per riscaldarsi. Assorbono il calore appollaiandosi su rocce, foglie o altre superfici esposte al sole e allargando le ali per massimizzare la superficie esposta al sole. Alcune specie di falene sono anche semplicemente adattate per essere attive a temperature più basse rispetto alla maggior parte degli altri lepidotteri.

Più in generale, i lepidotteri ne hanno sviluppati altri tre strategie per aumentare la loro temperatura corporea. Molte falene, specialmente quelle attive con tempo fresco o freddo, generano calore utilizzando i muscoli del volo. I loro muscoli del torace possono vibrare. Questo non produce movimento ma genera calore. Questo è un processo chiamato riscaldamento muscolare o tremore termogenico. Le squame che ricoprono il corpo dei lepidotteri giocano un ruolo importanteisolante e alcune specie di falene hanno un rivestimento di peli spessi che possono anche aiutare a trattenere il calore. Infine, alcune specie di farfalle possono riorganizzare per trattenere il calore. Ad esempio, è noto che le farfalle monarca formano grandi gruppi durante la loro migrazione invernale, contribuendo a conservare il calore.

Durata della vita dei lepidotteri

La durata della vita dei lepidotteri varia notevolmente a seconda delle specie e delle condizioni ambientali. La durata della vita della forma adulta più comune, farfalla o falena, è di pochi giorni. Va ricordato che questa fase è essenzialmente orientata alla riproduzione. Ma alcune specie possono vivere per diversi mesi, la farfalla monarca si distingue per una durata di vita fino a 9 mesi.

Al di là della singola fase adulta, i lepidotteri svolgono un ruolo essenziale negli ecosistemi. Partecipano alla regolazione delle piante e sono essi stessi una fonte di cibo per altri animali. I bruchi sono una fonte di proteine ​​per altri insetti, uccelli e piccoli mammiferi. Le farfalle adulte, invece, vengono mangiate da vari predatori, ragni, rettili, uccelli e persino alcuni mammiferi. Almeno il 50% delle farfalle selvatiche viene ucciso e mangiato prima che possano accoppiarsi. Alcuni sono quando si asciugano le ali prima di poter volare, altri quando si riscaldano a terra, quando visitano i fiori.

Ovviamente, i lepidotteri adulti svolgono un ruolo cruciale come impollinatori. Nutrendosi del nettare dei fiori, trasportano il polline da un fiore all’altro, aiutando così la riproduzione delle piante. Molte specie di piante dipendono da questi insetti per la loro sopravvivenza e propagazione. Lo studio e la tutela dei Lepidotteri sono essenziali per la buona salute dei nostri ecosistemi.

Author

Continua a leggere:  Quali sono i predatori del lupo?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *