Riproduzione e ciclo di vita degli afidi!

pucerons 060308

Riproduzione e ciclo di vita degli afidi!

Gli afidi sono diffusi in tutto il mondo e possono essere trovati in molti ecosistemi terrestri. Colonizzano un’ampia varietà di piante, comprese colture agricole, alberi, arbusti e piante erbacee. Come si riproducono e qual è il loro ciclo di vita? Questo articolo è qui per rispondere alle tue domande.

Riproduzione rapida

È noto che gli afidi si riproducono rapidamente. Tuttavia, questo può variare a causa del loro ambiente e alcuni fattori accelerano il loro ciclo riproduttivo.

Gli afidi si nutrono della linfa delle piante che fornisce loro i nutrienti di cui hanno bisogno. Le piante ospiti che forniscono loro un’abbondante fonte di cibo, di facile accesso, favoriscono lo sviluppo della popolazione di insetti.

Con il bel tempo, gli afidi si moltiplicano clonale, dando alla luce solo femmine vivipare partenogenetiche. Questo processo di riproduzione asessuata in cui le femmine possono produrre prole senza fecondazione consente a una singola femmina di produrre una grande quantità di uova che sono cloni genetici di se stessa. Proprio questo metodo di riproduzione è veloce perché evita di sprecare tempo ed energie alla ricerca di un partner, accelerando la moltiplicazione degli individui.

Ma non è tutto! Per capire la velocità di riproduzione è necessario sapere che gli embrioni portati da una femmina portano già i propri embrioni. Stiamo parlando di generazioni nidificate.

Continua a leggere:  Volpe volante filippina, uno dei pipistrelli più grandi

Ciclo di vita degli afidi

Gli afidi hanno un ciclo di vita breve. Ecco le diverse fasi di questo ciclo.

Il ciclo di vita degli afidi inizia con il deposizione delle uova da una femmina adulta. Queste uova vengono solitamente deposte su piante ospiti, vicino a una fonte di cibo per future ninfe, gemme o parti inferiori delle foglie. Generalmente le uova aspettano la fine dell’inverno per schiudersi la primavera successiva. Ma può succedere che le condizioni ambientali favoriscano un’accelerazione del processo.

Quando le uova si schiudono, i giovani afidi sono in una fase di sviluppo chiamata “ninfa”. Questi organismi hanno in genere l’aspetto di adulti ma più piccoli, spesso non avendo ancora sviluppato le ali (si noti però che alcune specie non le hanno; sono detti “privi di ali”). Le ninfe iniziano a nutrirsi immediatamente perforando il tessuto vegetale per accedere alla linfa. Mutano più volte prima di raggiungere le dimensioni e le caratteristiche degli adulti. Ad ogni fase, perdono la loro vecchia pelle e ne fanno una nuova.

Una volta raggiunta l’età adulta, gli afidi sono in grado di riprodursi. Gli adulti si nutrono anche di linfa delle piante.

Ogni femmina dà alla luce quasi 80 figli durante la sua vita. C’è un intervallo medio di 2 settimane tra due generazioni. Questo forma rapidamente colonie molto dense di diverse decine di migliaia di individui. Tutti questi individui sono geneticamente identici tra loro e al loro antenato, a parte le mutazioni.

Grande adattabilità

Poiché gli afidi non regolano la loro temperatura corporea, smettono di svilupparsi quando la temperatura scende sotto i 4°C circa (questa soglia varia a seconda della specie) e muoiono quando le temperature sono negative. Ma si mostrano capaci di cambiare modalità di allevamento all’inizio dell’autunno.

Continua a leggere:  L'Uistitì, la più piccola delle scimmie: dove e come vive?

Si dice che le femmine che vivono in questo periodo dell’anno siano “sessuapare”: danno alla luce prole sessuata clonale, maschi e femmine fertilizzabili e ovipari.

Questi si riproducono da accoppiamento, che garantisce lo scambio di gameti e quindi la diversità genetica. Inoltre, le femmine depongono uova resistenti al freddo. Sono queste uova che rimangono dormienti per tutto l’inverno e daranno vita a femmine partenogenetiche vivipare solo in primavera. Questi comportamenti sono osservati nei climi più freddi. Quando gli inverni sono più miti, alcune specie possono riprodursi continuamente senza interruzione.

Alla fine, solo il 3% delle specie di afidi si riproduce solo asessualmente. Se questo conferisce loro una capacità demografica molto elevata, hanno anche un’elevata vulnerabilità al freddo invernale e una scarsa capacità di adattamento ai cambiamenti ambientali. Ma notiamo che per quanto riguarda tutte le altre specie, appartengono a quei rari animali capaci alternarsi
tra una fase sessuale durante l’autunno e una fase asessuata partenogenetica durante la stagione estiva.

Author

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *