La puzzola, piccolo mammifero dal leggendario cattivo odore

putois 091232

La puzzola porta nel nome la sua famosa particolarità. E non gli dispiace avere un cattivo odore perché il suo odore nauseabondo ha un doppio vantaggio: spaventa i nemici e attira le femmine. Puzzola intelligente!

putois 091232 mammifero dal leggendario cattivo odore “>

La grande famiglia delle puzzole

Appartenente alla famiglia dei mustelidi, la puzzola (Mustela putorius) è un cugino stretto della donnola, della lontra, dell’ermellino, del visone e della donnola. Si caratterizza soprattutto per l’odore nauseabondo rilasciato dalle sue ghiandole in caso di minaccia o paura. Il piccolo mammifero carnivoro misura tra i 40 ei 50 cm di lunghezza – coda inclusa – e pesa tra gli 800 g e 1,7 kg per i maschi e tra i 400 ei 900 g per le femmine. Vale a dire che il furetto (Mustela putorius furo) è la forma domestica della puzzola.

La possente mascella della puzzola

La puzzola ha un corpo lungo e slanciato il cui mantello si tinge di un marrone chiaro sul dorso, nero sotto il ventre e crema sui fianchi. Folto e lucente in inverno, la sua pelliccia perde lucentezza in estate. La testa della puzzola indossa una maschera bianca simile a quella del procione. Anche la punta del muso è di colore bianco così come l’orlo delle orecchie rotonde. La sua mascella è caratterizzata da una potente articolazione tra i denti e il resto del cranio, inscindibile anche quando l’animale è morto. Questa sorta di tenaglia conferisce al mustelide una forza formidabile durante gli scontri.

Weiterlesen:  Il tapiro, mammifero dal naso buffo

Il muschio anti-predatore della puzzola

La puzzola deve il suo nome al forte odore rilasciato dalle sue ghiandole anali quando si sente minacciata. Caratteristica dei mustelidi, la sostanza nauseabonda è una tattica difensiva che l’animale mette in campo per proteggersi dai suoi predatori. Infastiditi dal fetore rilasciato, i suoi nemici dovrebbero quindi fuggire. Il mustelide usa anche il suo muschio per marcare il suo territorio e attirare le femmine.

Le puzzole colonizzano le zone umide

La puzzola colonizza gran parte dell’Europa, dall’Atlantico agli Urali, mentre è assente dalla Grecia, dalle isole del Mediterraneo, dall’Irlanda e dall’Islanda. Si trova anche in Nuova Zelanda dove è stato introdotto. Ad eccezione della Corsica, la puzzola si trova in tutta la Francia nei boschi chiari, nei bocage e nelle zone umide. Questo buon nuotatore ama l’acqua, i bordi di stagni, ruscelli o paludi. La puzzola si è adattata alla maggior parte degli ambienti naturali in Francia, compresi gli habitat umani e gli edifici agricoli dove può rifugiarsi in condizioni di freddo estremo. D’inverno sa anche trovare rifugio nelle cavità: tane prese in prestito da altri animali o poste sotto le radici degli alberi, ceppi cavi…

Rane a volontà per la puzzola

Animale carnivoro, la puzzola si nutre principalmente di arvicole, topi campagnoli, toporagni, ratti, pipistrelli e molluschi. Negli ambienti paludosi il mammifero si comporta come un vero e proprio anfibio predatore, ingoiando rane e rospi raccolti nelle zone di riproduzione. La sua dieta è integrata da pesci, insetti e uccelli (pernici, quaglie). Mangia anche le loro uova, così come i serpenti, in particolare le vipere di cui non teme il veleno. In estate la puzzola è in grado di attaccare animali più grandi come lepri e conigli selvatici che sorprende nelle loro tane. In autunno, quando le prede scarseggiano, può mangiare bacche, frutti ed essere uno spazzino se se ne presenta l’occasione.

Weiterlesen:  Scoiattolo coreano, ex NAC, ora bandito dalla vendita

La puzzola, cacciatrice di nottambuli

Piuttosto notturna, la puzzola inizia a cacciare quando il sole tramonta e fino all’alba. A seconda dell’abbondanza di cibo, il suo territorio – che non condivide con i suoi congeneri – si estende fino a 1 km2. Come la maggior parte dei mustelidi, la puzzola è solitaria e si avvicina ai suoi partner solo durante la stagione degli amori. Le femmine di solito stanno con i loro piccoli con i quali formano piccoli gruppi stabili. Silenziosa e discreta, la puzzola mostra grande agilità e sa arrampicarsi sugli alberi e nuotare se necessario. Quando il pericolo incombe, la puzzola può rompere il suo silenzio ed emettere grida acute che assomigliano a chioccia, ringhi e sibili.

Crescita rapida per piccole puzzole

L’accoppiamento provoca l’ovulazione durante il periodo riproduttivo che inizia a marzo e si estende fino a metà giugno. Al termine di un periodo di gestazione di circa quaranta giorni, nascono da cinque a dieci piccoli. I neonati allattano la madre per un mese prima di ottenere rapidamente la loro indipendenza, all’età di tre mesi. La maturità sessuale precoce consente loro di riprodursi entro un anno. C’è solo una cucciolata per stagione, ma può verificarsi un secondo se il primo fallisce.

La puzzola a volte è dannosa

La volpe rossa, la lince, il lupo grigio e alcuni rapaci sono i principali predatori della puzzola. L’urbanizzazione con conseguente distruzione delle zone umide, la loro scarsità per prosciugamento e coltivazione o addirittura la scomparsa delle siepi negli ambienti bocage hanno portato a una riduzione degli ambienti favorevoli ai mustelidi e alle loro risorse alimentari. In Francia, la puzzola figura nell’elenco delle specie suscettibili di essere classificate come “specie dannose”. A seconda dei reparti, l’animale può quindi essere oggetto di un piano di campionamento con decreto prefettizio. Abbastanza comune in Europa, la popolazione della puzzola non è considerata minacciata. L’animale vive fino a 5 anni in libertà e 14 anni in cattività.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *