La donnola: come e dove vive? Tutto sulla donnola

belette 1 100508

La donnola europea è un mammifero carnivoro che si può trovare negli alpeggi, nei prati, nei boschi ma anche nei nostri giardini. Scopriamo chi è esattamente e se considerarla un’alleata dei giardinieri o una nemica giurata delle nostre coltivazioni. La donnola è un piccolo animale la cui utilità è provata, ma che ha sofferto per decenni di una reputazione di infestante.

La donnola: come e dove vive?  Tutto sulla donnola

La donnola europea: caratteristiche principali

La donnola, Mustela nivalisappartiene alla famiglia di Mustelidi. È anche chiamato piccola donnola o meno donnola.

Ha un mantello bianco sul collo, sulla pancia e bruno-rossastro sul resto del corpo così come sulle gambe corte, sulla testa e sulla piccola coda. Si distingue per la demarcazione irregolare tra i due colori del mantello. La sua pelliccia durante l’inverno conserva generalmente lo stesso colore dell’estate, tranne che nelle donnole albine o in quelle che vivono in regioni dal clima rigido come ad esempio la Siberia. Viene spesso confuso con l’ermellino anche se quest’ultimo è più grande della donnola.

C’è una vera differenza di taglia tra il maschio e la femmina, il primo è molto più grande. In età adulta la sua lunghezza può raggiungere dai 26 ai 27 centimetri per un peso massimo di 125 grammi. Per quanto riguarda la femmina, misura al massimo 19 cm e pesa solo da 35 a 85 g a seconda dell’individuo. La donnola è quindi il più piccolo mammifero carnivoro del Vecchio Continente. Le sue piccole dimensioni e il suo corpo lungo e slanciato gli permettono di infilarsi in un foro il cui diametro è dell’ordine di soli 2,2-2,5 cm.

In natura la donnola europea ha un’aspettativa di vita di tre anni, ma in cattività può arrivare a ben dieci anni.

Continua a leggere:  Il cervo volante, scarabeo con grandi artigli

Donnola europea: piccola di taglia ma grande cacciatrice!

Donnola europea: piccola di taglia ma grande cacciatrice!

Si adatta a quasi tutti i biotopi ad eccezione delle vaste zone umide. Può anche essere trovato fino a 3.000 altitudini. Dotata di una visione perfettamente adattata al giorno e alla notte e di un udito finissimo, la donnola è un cacciatore emerito sia di giorno che di notte. Questo mammifero carnivoro si nutre di piccoli roditori e non esita a stabilirsi nella tana della preda di cui si nutre. Sceglie anche il suo luogo di vita in base all’abbondanza di potenziali prede.

Stabilirsi in vaste distese coltivate a cereali gli conviene perfettamente poiché può nutrirsi a suo piacimento di una moltitudine di arvicole campestri di cui è un grande predatore. Si trova spesso anche nelle nostre abitazioni (cantina, soffitta, annessi, retrocucina, lavanderia, ecc.). Lei caccia il topo lì. Nei nostri giardini può divorare un toporagno e una talpa se non ha nient’altro da mangiare, ma alla fine è poco comune.

A parte i piccoli roditori, che rappresentano tra il 60 e il 99% della sua dieta, la donnola si nutre talvolta di lucertole, insetti, uccellini, molluschi, anfibi e anche di qualche uovo. Per lei non si tratta di ibernare: deve mangiare tutti i giorni dell’anno. Ma è l’arvicola campestre che lo attrae di più. Pertanto, dove le arvicole sono abbondanti, di solito ci sono molte donnole europee.

Per sorvegliare l’ambiente, questo mammifero, che vive prevalentemente da solo, adotta la posizione “I”, cioè si alza per apparire più alto e vedere il più lontano possibile, come un suricato. Piccolissima, la donnola femmina che veglia sui suoi piccoli non esita ad attaccare gli umani o un animale molto più grande di lei. È tanto vivace quanto coraggiosa, e dimostra un infallibile dinamismo.

Continua a leggere:  Informazioni e caratteristiche sulla razza del cane Lhasa Apso | Pet Yolo

riproduzione della donnola

riproduzione della donnola

E’ tra marzo e giugno/luglio che ha luogo il periodo della riproduzione nella donnola, periodo durante il quale una madre può avere due cucciolate. Ogni cucciolata ha da 4 a 7 piccoli, a volte fino a 10 se il cibo è abbondante (e in particolare le arvicole). La femmina prepara un nido accogliente con foglie, muschio e fieno o si sistema nella tana di un’arvicola.

Dopo 5 o 6 settimane di gestazione partorisce dei piccoli completamente glabri. Ma in pochi giorni, il loro mantello inizialmente grigio argento inizia a mostrare. Ciechi alla nascita, i piccoli di donnola aprono gli occhi solo quando hanno raggiunto l’età di 4 settimane, quando hanno già avuto i primi denti da una buona quindicina di giorni.

L’educazione dei piccoli di donnola è interamente devoluta alla madre che insegna loro a cacciare efficacemente, anche se la caccia è istintiva in questi mammiferi carnivori. Svezzati molto presto, sono totalmente indipendenti dall’età di 2 mesi e mezzo ed è in questo periodo che lasciano il nido familiare. A 1 anno raggiungono la maturità sessuale.

Donnola, un piccolo carnivoro davvero utile

Quando si aggira per un pollaio, contrariamente a quanto si credeva in passato, è solo per cacciare topi affamati di semi che trovano in abbondanza nelle mangiatoie, ma in nessun caso per impossessarsi di un pollame. La donnola è davvero destinata a uccidere polli. D’altra parte, se un gallo spericolato dovesse attaccarla per proteggere il suo cortile, sarebbe perfettamente in grado di difendersi e vincere la battaglia. Per quanto riguarda la fauna selvatica, non è assolutamente minacciata dalla donnola.

Continua a leggere:  Collezionare corna di cervo: dove e quando? Abbiamo il diritto?

L’utilità della donnola è stata ampiamente dimostrata dagli scienziati, mentre questo animale è ancora troppo spesso classificato come infestante. Tuttavia, se il numero di individui dovesse diminuire, potremmo assistere solo a una recrudescenza di arvicole e altri piccoli roditori, veri e propri distruttori di raccolti in grado di minare l’economia degli agricoltori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *