Ingredienti nel cibo per cani: cosa c’è dentro | Pet Yolo

hundefutter wasistdrin 760x5600

Ingredienti nel cibo per cani

Se guardi attentamente le etichette degli alimenti per cani, troverai informazioni sui “costituenti analitici” del cibo, che spesso iniziano con la sillaba “raw-“. E probabilmente all’inizio non capisci nulla di questi termini. Ti aiutiamo a capire gli ingredienti del cibo per cani. Puoi scoprire qui cosa dicono i valori del mangime e quale contenuto di proteine ​​grezze, grassi grezzi e simili è raccomandato.

In Germania, il produttore deve fornire informazioni sull’analisi garantita (espressa in percentuale) e gli ingredienti del cibo per cani sul mangime. Sulla base di questi valori, puoi valutare il cibo per cani in modo più preciso e esprimere un giudizio sul contenuto di determinati nutrienti, purché tu abbia una certa conoscenza di base: Dopotutto, qui ci sono spesso espressioni che il proprietario medio del cane non conosce . Vogliamo quindi spiegarvi la più importante delle componenti analitiche. Per inciso, la sillaba “grezzo” davanti ai singoli dettagli significa solo che l’X percento di questo valore è stato trovato nell’analisi di laboratorio. Ma sulla base di questi valori, non si può fare alcuna affermazione sulla qualità, cioè su quanto sia effettivamente utilizzabile questo nutriente.

proteina cruda

Prima di tutto, diamo un’occhiata alle proteine ​​grezze. In sintesi, questo contenuto designa tutti i componenti azotati del mangime e quindi in gran parte la somma di tutti i composti proteici presenti nel mangime. In misura minore, questo test registra anche le vitamine del gruppo B, ad esempio, proprio perché contengono azoto. Tuttavia, la proporzione è estremamente piccola e quindi trascurabile.

Ma non tutte le proteine ​​sono uguali: a seconda che provenga da carne muscolare, tessuto connettivo o materia vegetale, ad esempio, la proteina ha diversa fruibilità e digeribilità per l’amico a quattro zampe. Se conosci solo il contenuto di proteine ​​grezze, non puoi dire nulla sull’origine della proteina né sulla sua effettiva utilizzabilità.

In linea di principio, il cibo secco per un cane adulto e sano dovrebbe contenere almeno il 20% di proteine ​​grezze. Un alimento in scatola per le stesse indicazioni non deve contenere meno del 6%, preferibilmente almeno l’8% di proteine ​​grezze per nutrire adeguatamente il cane. Sei sorpreso da questa differenza? Sembra enorme, ma in realtà non lo è. Il cibo umido contiene circa il 75% di acqua, mentre il cibo secco ne contiene solo il 10% circa. Se calcoli questo contenuto d’acqua, ottieni approssimativamente gli stessi valori. Ovviamente anche in questo caso vale quanto segue: il cane avrà bisogno più di una proteina poco digeribile (ad es. tessuto connettivo) che di una proteina particolarmente digeribile (carne muscolare, uovo) per coprire il suo fabbisogno.

Continua a leggere:  Piano post-pandemia di 14 giorni per insegnare al tuo cane a restare a casa da solo quando torni al lavoro

grasso crudo

Il contenuto di grassi grezzi segue solitamente al secondo posto tra i componenti analitici. In linea di principio, tutti i componenti del mangime che possono essere sciolti in una soluzione eterea sono inclusi nel grasso grezzo. Di nuovo, ciò significa che non vengono registrati solo i grassi “classici” (trigliceridi), ma eventualmente anche altre sostanze. Questi includono, ad esempio, gli acidi grassi e le vitamine liposolubili come la vitamina A.

Paragonabile alle proteine ​​​​grezze, c’è anche un problema qui: in base al contenuto di grassi grezzi, non si può dire nulla sul tipo e sull’origine dei grassi. Questo valore da solo non dà alcun indizio sul fatto che i grassi contenuti nel mangime forniscano al cane acidi grassi essenziali, insaturi o siano difficilmente utilizzabili. Pertanto, è necessario cercare anche la descrizione e la composizione del prodotto per informazioni sugli oli e i grassi utilizzati o contattare direttamente il produttore. Fonti particolarmente adatte per i cani sono i grassi animali (ad es. grassi di manzo e pollame) e oli nutrizionalmente preziosi, ad es. olio di girasole, di colza, di semi di lino o di salmone.

Quanto dovrebbe essere alto il contenuto di grassi grezzi per il tuo cane dipende principalmente dal suo livello di attività e dalle prestazioni richieste: per cani normalmente attivi, il contenuto di grassi grezzi è di circa il 12% nel cibo secco e di circa il 5% nel cibo in scatola. Per i cani che svolgono un lavoro attivo per lungo tempo (ad es. cani da pastore in servizio), è necessario selezionare un alimento con un contenuto di grassi grezzi più elevato. A seconda dell’attività, questo è quindi di circa il 15-30% nel cibo secco, ad esempio.

fibra grezza

In terzo luogo, vogliamo occuparci della specifica del contenuto di fibre grezze. Come suggerisce il nome, si tratta di fibre vegetali; più nello specifico, i componenti vegetali quasi indigeribili per i cani. Questi includono cellulosa, emicellulosa e lignina. Probabilmente ti starai chiedendo cosa fanno nel mangime se sono indigeribili – la risposta: queste fibre vegetali sono urgentemente necessarie per supportare la digestione. Perché stimolano l’attività intestinale, sostengono l’attività di una sana flora intestinale e contribuiscono alla formazione di una consistenza ottimale delle feci. Per determinare il contenuto di fibre grezze in laboratorio, tutte le proteine, i grassi e le ceneri vengono rimosse con l’aiuto di acidi e alcali. Rimangono solo i componenti vegetali indigeribili, il “foraggio grossolano”.

Continua a leggere:  Oltre 120 nomi di chihuahua per il tuo cagnolino sfacciato | Pet Yolo

Logicamente, carne e frattaglie non hanno contenuto di fibre, in quanto non contengono componenti di origine vegetale. Fanno eccezione gli stomaci, che contengono componenti alimentari vegetali dell’animale macellato senza essere puliti (ad es. come “trippa verde”). Il cibo per cani ottiene quindi il necessario contenuto di fibre grezze solo attraverso l’aggiunta di frutta o verdura, ad esempio. Nel cibo secco questo è compreso tra il 2 e il 3,5%, nel cibo in scatola idealmente tra lo 0,5 e l’1%. Il contenuto di fibre grezze non dovrebbe essere significativamente più alto. Ciò limita solo inutilmente la digeribilità del mangime. Tuttavia, devono essere raggiunti almeno valori superiori all’1% nel cibo secco e superiori allo 0,2% nel cibo umido.

Cenere grezza

Ultimo ma non meno importante, arriviamo alla cenere grezza. Indica la somma di tutti i componenti inorganici presenti nel cibo per cani. Questi componenti inorganici sono gli elementi sfusi e in traccia (minerali) e, ad esempio, gli acidi silicici. La cenere grezza viene determinata riscaldando il campione di alimentazione a 550°C in un cosiddetto forno a muffola e ricotto. Questi vengono pesati e riportati come cenere grezza. Non è possibile derivare esattamente quali minerali sono contenuti solo da questo valore, motivo per cui questa informazione dovrebbe essere determinata utilizzando altri metodi ed elencata separatamente.

Normalmente il cibo secco ha un contenuto di ceneri grezze compreso tra il 5 e l’8%. Ovviamente sono possibili piccole deviazioni. Se questo valore è significativamente più alto nell’alimento principale, ciò può garantire che il cane sia meno propenso a mangiare il suo cibo e possa ingerire quantità eccessive di minerali. Certo, devono coprire i suoi bisogni, ma quantità eccessive possono anche portare a un malsano eccesso di offerta.

Buoni dati di analisi = buona qualità del mangime?

Come probabilmente avrai già notato, i dati dell’analisi degli alimenti ti forniscono una preziosa guida nella scelta del cibo giusto per il tuo cane. Purtroppo da sole non bastano per valutare appieno la qualità del foraggio. Dovresti anche tenere conto della composizione degli ingredienti nel cibo per cani e di altre informazioni del produttore.

Continua a leggere:  Pastore bergamasco: carattere, educazione, salute, prezzo | Pet Yolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *