Il procione, dove e come vive? Possiamo osservarlo in Francia?

raton laveur 1 182958

Il procione, dove e come vive?  Possiamo osservarlo in Francia?

Il procione, famoso per la sua grande intelligenza, è un mammifero molto tenero, con la sua bella pelliccia, la sua folta coda e la sua graziosa testolina ornata da una maschera nera. Facile da addomesticare da giovane, diventa però aggressivo da adulto. Preferisce la vita selvaggia alla cattività. È un animale che può essere portatore di malattie di ogni tipo come scabbia, leptospirosi, cimurro o rabbia. Non sempre è apprezzato dall’Uomo che ne è, peraltro, il principale predatore. È una specie classificata come nociva. Zoom sul procione, una minaccia per la biodiversità.

Procione: caratteristiche principali

Il procione comune (Procione lotore) è un piccolo mammifero appartenente alla famiglia di Procioninae e l’Ordine dei Carnivori. Tuttavia, adotta una dieta onnivora poiché il suo apparato digerente gli consente di integrare nella sua dieta alimenti di origine vegetale. La sua gamma copre il Nord America dove è originario, la zona tropicale dell’America centrale e il Canada. Si trova anche in molti paesi europei dove è stato introdotto, e più raramente nelle Indie Occidentali.

In età adulta, il procione maschio può misurare fino a 105 cm di lunghezza, coda compresa (misura tra i 20 ei 40 cm a seconda dell’individuo), per un peso medio di 9 kg. Ma avremmo alzato un record in un esemplare di 28 kg. Il peso del procione raggiunge il picco in autunno, quando il suo corpo ha immagazzinato abbastanza grasso per superare l’inverno.

Ha una folta pelliccia grigio-marrone in inverno e meno fornita in estate poiché questo animale muta durante la primavera. I suoi occhi sono circondati da una maschera nera. Sul naso è visibile anche una striscia nera e il resto della faccia è bianco. La sua testa larga è sormontata da due orecchie corte. Il suo muso è sottile e lungo. Ha 5 dita su ogni piede e mano con artigli non retrattili. La sua coda ha 5 o 7 anelli di pelo nero o marrone e la sua estremità è nera.

Continua a leggere:  Il cammello, mammifero del deserto a due gobbe

Procione: i suoi principali predatori

Procione: i suoi principali predatori

Oltre all’uomo, i principali predatori del procione sono il cane domestico, il lupo grigio, la volpe rossa, il puma, il coyote, la lince, la martora americana, l’alligatore e i procioni più giovani il loro altro predatore è il gufo reale .

L’aspettativa di vita del procione in natura è di circa 5 anni, ma alcuni individui possono vivere fino a 14 anni. In cattività, quando gode di ottime condizioni di vita, non è raro che un procione superi i 16 anni di età.

Procione comune: stile di vita

Il procione nuota così come si arrampica sugli alberi. Il suo stile di vita è prevalentemente notturno. Si trova soprattutto nelle aree coltivate e nei boschi, nelle zone paludose e sulle sponde dei corsi d’acqua. Ma in alcune parti del Nord America non è raro vedere procioni nelle aree urbane, specialmente nei grandi parchi.

Si rifugia nelle cavità di tronchi d’albero e cavità varie, investe se necessario le tane che le marmotte hanno abbandonato. Si insedia anche nelle immediate vicinanze delle abitazioni poiché può tranquillamente stabilirsi in annessi come ad esempio i fienili. Ma non rimane molto a lungo nello stesso posto, se non d’inverno.

Dall’estate fino all’alba dell’inverno, il corpo del procione accumula una grande quantità di grasso in modo che l’animale possa sfruttare questa riserva durante parte della bassa stagione durante la quale non si nutre ma dorme per la maggior parte del tempo. Emerge dal suo torpore solo occasionalmente. La fine di questo periodo termina a marzo per le femmine ma da fine gennaio per i maschi. Questo è il momento in cui tutti lasciano il loro rifugio per cercare di nuovo il cibo.

Continua a leggere:  Cinghiale (scrofa e cinghiale): come e dove vive? Tutto sul cinghiale

Procione: cibo

Questo piccolo mammifero si nutre di invertebrati, larve, vermi e insetti anche se questi ultimi mordono perché la sua folta pelliccia lo protegge. Si nutre anche di rane, tartarughe e molti altri animali acquatici, topi campagnoli, topi muschiati, ghiande, bacche, mais, frutta, noci e occasionalmente alcune carogne. Nelle aree urbane, il procione trova cibo persino nei bidoni della spazzatura privati.

Procione: riproduzione

La femmina può avere piccoli dall’età di 1 anno. Per quanto riguarda il maschio, raggiunge la maturità sessuale all’età di 2 anni. Il territorio di un maschio può ospitare, durante la stagione riproduttiva, fino a 12 femmine con le quali si accoppia. È quindi poligamo mentre il procione femmina è monogamo.

Dopo il periodo di gestazione di 63 giorni, nascono fino a 12 piccoli. Ogni femmina ha una sola cucciolata all’anno. Alla nascita, i bambini pesano solo una sessantina di grammi e sono ciechi. Si manifestano con piccole grida in qualche modo simili ai cinguettii. Cominciano a vedere chiaramente e hanno i denti solo a 3 settimane.

A 10 settimane, hanno già la loro caratteristica maschera nera di procione e in questo momento compaiono anche gli anelli più chiari sulla coda. Allattati al seno e completamente accuditi dalla madre, vengono svezzati all’età di 4 mesi ma rimangono ancora con la madre fino all’estate successiva per vivere finalmente in modo indipendente.

Procione: un parassita?

Questo animale è stato vittima di bracconieri e cacciatori che cercavano solo di recuperare la sua pelliccia. Oggi è ancora ampiamente cacciato ma è anche vittima del traffico stradale. In tutto il mondo, quasi 4 milioni di procioni muoiono ogni anno. Da notare anche che negli Stati Uniti è un animale che viene ucciso per consumarne la carne, soprattutto in Arkansas dove si mangia arrostito.

Continua a leggere:  L'ape muore una volta sola dopo averci punto: vero o falso?

Il procione comune non esita ad attaccare le uova nelle fattorie e devasta molti terreni agricoli o devasta i frutteti. Questo è il motivo per cui è considerato una minaccia per gli agricoltori o gli apicoltori poiché l’animale attacca gli alveari. In alcuni paesi si ritiene che pregiudichi l’equilibrio naturale, come ad esempio in Svizzera, dove viene cacciato. D’altra parte, è una specie protetta nelle Indie Occidentali.

Considerato una minaccia per la biodiversità, il procione è entrato a far parte dell’elenco delle specie invasive in molti paesi dove può quindi essere cacciato, o addirittura estirpato, in modo da proteggere la fauna locale. In Francia, dal 2016, fa parte degli animali nocivi.

Author

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *