Il leone bianco esiste davvero? Quali sono le differenze con il leone classico?

lion blanc 082340

Il leone bianco esiste davvero? Fu nel 1938 che gli europei incontrarono per la prima volta il leone bianco. È successo nella regione di Timbavati, in Sudafrica. Per molto tempo l’esistenza di questo animale è stata nell’ordine della leggenda, fino a quando nel 1975 la sua esistenza è stata confermata.

Il leone bianco esiste davvero?  Quali sono le differenze con il leone classico?

Il leone bianco è un leone

Contrariamente a quanto si possa pensare, il leone bianco non è un leone con albinismo, ma con leucismo (o leucitismo). Albinismo e leucismo sono due particolarità che derivano da due distinte mutazioni genetiche che si esprimono solo se entrambi i genitori sono affetti.

Il piumaggio o il mantello di un animale con vero albinismo è completamente bianco. L’albinismo riguarda il gene dell’enzima tirosinasi, responsabile della sintesi delle melanine, nome dato ai pigmenti responsabili dei grigio-neri e dei grigio-marroni. Gli animali albini presentano quindi un’assenza di pigmento su tutte le piume o su tutto il mantello, ma anche su altre parti del corpo come le zampe o gli occhi, questi ultimi che poi appaiono rosa o rossi.

Il leucismo provoca animali di colore solo più chiaro del normale. I pigmenti di melanina non sono del tutto assenti, ma meno concentrati, mentre gli altri pigmenti, in particolare i carotenoidi responsabili delle tonalità aranciate, sono ancora presenti e in quantità normale.

Per questo motivo, i leoni bianchi hanno un mantello che varia dal biondo al bianco quasi puro, con le criniere dei maschi bionde o color crema. Gli occhi dei leoni bianchi non sono mai rossi ma dorati/nocciola come quelli dei leoni normali, o anche grigio-azzurri o verdi. Anche i loro cuscinetti, le narici e le labbra sono colorati.

Weiterlesen:  14 cani con le orecchie flosce che amiamo assolutamente | Pet Yolo

Il leone bianco è un leone africano

Esistono solo due diverse specie di leoni: il leone africano e il leone asiatico. E il leone bianco appartiene al primo.

La criniera del leone africano è più abbondante di quella del leone asiatico. La sua tasca di pelle, chiamata tassello, è quasi inesistente, mentre nel suo cugino si estende sotto l’intero ventre. Infine, il mantello del leone africano è meno folto e il ciuffo di pelo all’estremità della coda è più corto.

Un maschio adulto misura tra 2,60 e 3,20 metri di lunghezza, coda compresa, tra 0,92 e 1,23 metri di altezza, e pesa tra 150 e 250 kg. La femmina è generalmente più piccola.

Consuma principalmente zebre, facoceri, bufali o giraffe. Ma se la selvaggina scarseggia, ricade su prede di taglia più modesta come topi, istrici o lepri. Sono le femmine che cacciano in gruppo, ma il maschio sarà il primo ad essere soddisfatto. Poco attivo, dorme fino a 20 ore al giorno.

Rarità del leone bianco

Ovviamente essere bianco o crema non è un vantaggio in natura: il leone bianco è facilmente individuabile dai suoi predatori, il che contribuisce alla sua rarità, oltre al fatto che ci vogliono due genitori con la stessa mutazione genetica per ottenere un cucciolo di leone bianco .

L’uomo ha un ruolo ambiguo nei confronti della specie. Da un lato, sta lavorando per preservarlo. Esistono persino programmi per reintrodurre i leoni bianchi in natura. Dall’altro, li alleva per massacrarli da adulti e venderli come trofei ai collezionisti.

Auteur

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *