Fitoterapia per cani: qual è il principio?

phytotherapie chiens 062133 650 400

La parola fitoterapia deriva dal greco phyton (piante) e therapeia (curare). Nel tempo la tradizione millenaria delle cure con le piante ha acquisito efficacia grazie a nuovi processi e ad una maggiore precisione nei dosaggi. Grazie a questa pratica terapeutica naturale, aiuterete a prevenire i problemi di salute del vostro cane o ad alleviare i suoi disturbi.

Cos’è la fitoterapia per cani?

La fitoterapia canina è una medicina naturale basata sulle virtù delle piante per trattare alcuni problemi di salute del tuo animale e migliorarne il benessere. La prova migliore? Quando il cane si purga istintivamente ingerendo erba! I trattamenti a base di erbe sono particolarmente adatti per la prevenzione o come complemento alla medicina convenzionale. La fitoterapia rappresenta quindi un’alternativa ai trattamenti farmacologici che talvolta provocano effetti collaterali rilevanti. In caso di emergenza, però, è meglio rivolgersi al veterinario perché le piante impiegano molto tempo ad agire.

Quali sono i benefici della fitoterapia per i cani?

La fitoterapia canina non consente necessariamente di compensare le cure convenzionali, in particolare in caso di patologie gravi come malattie cardiache o condizioni che richiedono la somministrazione di antibiotici o un intervento chirurgico. Ecco perché la combinazione dei due farmaci – classico e naturale – rimane la soluzione migliore. Oltre all’azione sulla salute dell’animale, che spieghiamo di seguito, la fitoterapia presenta tre vantaggi principali: in primo luogo, gli integratori erboristici sono meno costosi dei farmaci allopatici. Inoltre, la somministrazione di prodotti naturali e biologici limita notevolmente il rischio di effetti collaterali indesiderati. Finalmente sai con precisione cosa stai dando al tuo cane, a differenza dei farmaci chimici la cui composizione è difficile da capire.

Continua a leggere:  Il mio cane ha litigato con un altro cane, come tratto i morsi?

Fitoterapia canina: quali sono le modalità di utilizzo?

Che sia da mescolare al cibo o all’acqua del cane, da versare direttamente in bocca o in applicazione locale esterna, la fitoterapia per cani si presenta in diverse forme:

  • Capsula;
  • Macerare;
  • Gocce;
  • Tisane/infusi;
  • Spray (nell’aria o sui capelli);
  • Impiastro…

In quali casi è opportuno utilizzare l’erboristeria per cani?

Nella prevenzione o nel trattamento, la gamma di benefici forniti dalla fitoterapia è vasta. Tra i disturbi che puoi alleviare con l’aiuto delle piante possiamo citare:

  • Problemi digestivi;
  • Condizioni della pelle;
  • Disturbi comportamentali (stress, tristezza, ansia, iperattività, ecc.);
  • Dolori articolari;
  • Parassiti esterni (pulci, zecche, ecc.) ed interni (vermi intestinali);
  • Malattie croniche (otiti, allergie, ecc.);
  • Debolezza del sistema immunitario o dolore durante cure pesanti (chemioterapia, per esempio).

Fitoterapia: quali piante dare al cane?

Migliaia di piante hanno virtù terapeutiche. Se è impossibile stilare un elenco esaustivo, ecco alcuni esempi di prodotti naturali e le loro indicazioni:

  • I fiori di Bach sono utili in molte situazioni. In generale le essenze floreali aiutano l’animale a superare alcuni stati emotivi come la paura, lo stress, l’iperattività, l’ansia da separazione, la tristezza…;
  • Il cocco viene utilizzato localmente in un cane con pelle secca o durante le eruzioni cutanee. È adatto anche alle allergie e facilita la digestione;
  • Lo zenzero ha un effetto positivo sul sistema digestivo del cane, sui dolori di stomaco e sulla nausea. È un buon alleato per la depurazione e la disintossicazione;
  • La curcuma è un efficace antinfiammatorio e come tale costituisce un indicato trattamento naturale contro l’artrosi;
  • Il macerato di fico può alleviare un cane ansioso, uno che soffre di disturbo ossessivo-compulsivo (DOC) o che ha subito un trauma. Associato al tiglio, calma un animale nervoso, costantemente all’erta o iperattivo;
  • Gli oli essenziali di melaleuca, geranio e lavanda combattono pulci e zecche;
  • I semi di zucca schiacciati agiscono come un vermifugo;
  • Una miscela di equiseto, ortica, erba fico e olmaria aiuta a combattere l’artrosi (oltre a un alimento adatto a questa malattia);
  • L’erba di San Giovanni è una pianta cicatrizzante, antisettica, analgesica e antinfiammatoria che favorisce il trattamento naturale di lesioni, infezioni e ustioni cutanee nei cani;
  • Il profumo della lavanda ha un’azione calmante sulla mente e sul sistema nervoso. Un olio essenziale di qualità può essere diffuso nell’aria o spruzzato sull’animale (con parsimonia perché l’odore è forte);
  • Il lievito di birra garantisce la bellezza del pelo e la salute della pelle del cane.
Continua a leggere:  Siamo così gelosi di questi 12 cani che vivono la loro vita migliore durante le vacanze di primavera

Fitoterapia canina: quali precauzioni prendere?

Alcuni principi attivi vegetali sono molto potenti. Sebbene gli effetti collaterali dei rimedi erboristici siano limitati, non sono del tutto innocui (ad esempio in caso di sovradosaggio o di interazione con un altro farmaco). Per questi motivi è opportuno evitare l’automedicazione e consultare sempre il veterinario prima di iniziare la fitoterapia. Molti prodotti naturali sono efficaci sia per l’uomo che per gli animali domestici: se optate per questa soluzione prestate molta attenzione al dosaggio e agli ingredienti contenuti. L’ideale è procurarsi prodotti studiati appositamente per i cani in modo da prevenire ogni rischio di avvelenamento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *