Afidi: chi sono? Come sbarazzarsene in giardino?

pucerons jardin 065550

Afidi: chi sono?  Come sbarazzarsene in giardino?

Gli afidi sono piccoli insetti che appartengono all’ordine degli emitteri e godono di una cattiva reputazione tra i giardinieri. Si nutrono, infatti, della linfa delle piante, che può causare notevoli danni a foglie, steli e fiori. Ma, come ogni animale, anche gli afidi hanno un ruolo da svolgere nel loro ecosistema. Questo articolo ti fornisce le chiavi per saperne di più su questi insetti poco conosciuti.

Descrizione degli afidi

Ci sono un gran numero di diverse specie di afidi. Sono distribuiti in tutto il mondo ma sono più comuni nelle zone temperate. In Francia conosciamo l’afide del cavolo di cenere (Brevicoryne brassicae), l’afide dei piselli (Acyrthosiphon pisum) e l’afide della testa dei cereali (Sitobion avenae) solo per citarne alcuni.

In generale, sono piccoli insetti che misurano tra 1 e 5 mm di lunghezza. Il loro corpo è morbido e arrotondato. Hanno due antenne e due paia di zampe corte. Il loro colore varia a seconda della specie e può andare dal verde al nero, passando per il rosso o il giallo.

La maggior parte delle specie di afidi non vola, ma alcune hanno le ali. È stato osservato che gli afidi alati raggiungono i 600 metri di altitudine. Lì possono trovarsi trasportati da forti venti per diversi chilometri.

Gli afidi possono riprodursi in due modi. I maschi fecondano le femmine che depongono le uova durante l’inverno e danno alla luce le femmine fondatrici. Questi si moltiplicano per partenogenesi (fu proprio studiando gli afidi che Charles Bonnet scoprì questo meccanismo di riproduzione nel 1740), producendo così diverse generazioni asessuate. È grazie a questa capacità che si riproducono così velocemente.

Il ruolo degli afidi nel loro ecosistema

Sebbene la loro presenza sia spesso considerata dannosa da giardinieri e agricoltori, gli afidi sono un anello della catena alimentare. Sono prede importanti per molti animali predatori, uccelli, piccoli mammiferi e insetti. Sono anche ospiti di insetti parassiti. La cinciarella è nota per essere appassionata di afidi. Il rampicante, la rondine e il passero apprezzano tutti i tipi di parassiti, compresi gli afidi.

Questi ultimi contribuiscono all’impollinazione di alcune piante grazie alla loro dolce secrezione chiamata melata, ricca di zuccheri e amminoacidi, che attira gli insetti impollinatori. Tuttavia, possono anche trasmettere malattie alle piante. È quindi importante debellare la loro presenza per evitare che causino troppi danni.

Continua a leggere:  Il cervo rosso, il cervo più grande d'Europa

Riconosci la presenza di afidi

Quando gli afidi colonizzano una pianta, questa vede rallentare la sua crescita e deformare le sue foglie. La loro presenza è spesso visibile anche per la presenza di fuliggine. È una malattia causata da un fungo microscopico che si sviluppa sulla superficie della melata prodotta dagli afidi. Questo crea una foschia nera sulla superficie del foglio. Questo fungo si sviluppa meglio quando è caldo e umido. Oltre al fatto che questo sottile strato nero non è estetico, impedisce la fotosintesi. Avvicinandovi alla pianta che sta collassando, non mancherete di osservare la presenza degli afidi. È molto comune che su queste piante siano presenti anche le formiche.

Come limitare la presenza di afidi in giardino?

Gli afidi sono attratti dal colore giallo. Le piante note per attirare gli afidi possono quindi essere protette posizionando nelle vicinanze trappole appiccicose gialle. Un materiale appiccicoso copre un lato in modo che gli animali che si sfregano contro di esso non possano più scappare. Queste trappole sono efficaci anche contro mosche bianche (mosche bianche), moscerini, tripidi e cicale di rododendro. La superficie misura l’equivalente di un foglio A5. Ci dovrebbe essere una trappola per pianta alta 1 m. Oltre a ciò, dobbiamo moltiplicare le trappole.

Per limitare la presenza di afidi in giardino si possono utilizzare anche insetti naturali predatori di afidi, venduti da negozi di giardinaggio specializzati. Coccinelle, merletti e sirfidi sono ben noti ai giardinieri che vogliono utilizzare metodi naturali per controllare la presenza di afidi. Tuttavia, sottolineiamo l’importanza di fare una diagnosi prima di effettuare qualsiasi acquisto, per identificare correttamente le specie di afidi interessate e adattare il metodo in base alla pianta interessata.

Anche gli ausiliari parassitoidi sono molto efficaci nel controllo degli afidi e vengono anche venduti. Occorre selezionare l’insetto in base alla specie di afidi da eliminare. L’insetto depone un uovo in un afide e, dopo la schiusa, la larva si nutre del suo ospite per svilupparsi. L’afide alla fine muore. I ricercatori hanno osservato che le piante in grado di difendersi dagli afidi emettono segnali che attirano i parassitoidi.

Continua a leggere:  Puntura di zanzara tigre: quali sintomi? Quali rischi?

L’applicazione è stata sviluppata dall’Istituto nazionale di ricerca per l’agricoltura, l’alimentazione e l’ambiente (INRAE) e Koppert France Biocontrollo, utilizzabile su smartphone, per identificare gli insetti nocivi con cui potresti trovarti di fronte, ma anche per aiutarti a scegliere gli insetti e altri microrganismi che potrebbero sconfiggerli. È uno strumento che si rivela utile sia al neofita che allo specialista.

Usa le piante da consociazione per respingere gli afidi

L’uso delle cosiddette piante “compagne” è un’altra soluzione nota per respingere gli afidi. Queste piante possono essere un fiore, un ortaggio o un aromatico che favorisce o interrompe lo sviluppo delle piante vicine. Tra questi ne troviamo alcuni che mettono in fuga alcuni predatori o attirano insetti ausiliari. Queste associazioni sono il frutto delle osservazioni di giardinieri e botanici. È noto che alcune di queste piante emettono odori, gas o sostanze acide che spiegano quanto osservato. Ma per altri, i meccanismi all’opera rimangono misteriosi.

Per combattere le diverse specie di afidi verdi che si trovano sugli alberi da frutto e sulle rose, la lavanda è efficace. Si consiglia quindi di seminarla in prossimità delle zone da proteggere. Anthemis e ruta, calendula e calendula sono anche noti per respingere gli afidi. Il nasturzio agisce diversamente perché attira gli afidi (eccetto i lanosi). Distoglie così l’attenzione dalla frutta e dalla verdura da coltivare. Devi tagliare uno stelo quando è infestato. I giardinieri hanno notato che agli afidi non piacciono gli odori forti. Per questo è spesso consigliato l’utilizzo di piante aromatiche dal profumo pronunciato: aneto, basilico, timo, erba cipollina, menta, ecc.

Devi prenderti il ​​tempo per documentarti perché non tutte le culture coesistono allo stesso modo.

Continua a leggere:  Come salvare un riccio? Consigli e buone pratiche

Trattamenti naturali per gli afidi

Si consiglia di potare i rami delle piante colonizzate da afidi se ciò non è dannoso per la loro crescita e salute.

In caso contrario si può spruzzare del letame di ortica (lasciare macerare le foglie di ortica per 1 settimana e spruzzare il macerato diluito) o di felce sulle parti infestate della pianta. Questo tipo di prodotto prende di mira i cosiddetti insetti a “tegumento molle” come gli afidi.

Puoi anche usare il sapone nero finché gli insetti indesiderati non scompaiono. Per questo, diluisci 5 cucchiai di sapone nero in un litro di acqua tiepida. Poi lasciate raffreddare il composto. Una volta a temperatura ambiente, si spruzza la soluzione sulle foglie e sugli steli infestati. Il piretro è un altro pesticida naturale molto efficace. Infine, l’utilizzo di prodotti contenenti oli vegetali o minerali che soffocano gli insetti evita anche di dover ricorrere a soluzioni prodotte dall’industria chimica. Tuttavia, questi prodotti non sono selettivi e possono avere un impatto sulla fauna ausiliaria.

Se usi prodotti su frutta o verdura che desideri consumare, informati in anticipo sulla non tossicità della soluzione scelta.

Author

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *