Come salvare un riccio? Consigli e buone pratiche

secourir herisson 061405

Come salvare un riccio?  Consigli e buone pratiche

A volte acclamati, a volte odiati, i ricci sono protetti in Francia e in Europa dal 1981. Questi piccoli mammiferi hanno avuto una storia turbolenta e ora sono una specie in via di estinzione. Capita spesso di incontrare o trovare un riccio in giardino o sul ciglio della strada, a volte ferito o in difficoltà. Quindi cosa si dovrebbe fare per aiutarlo? Facciamo il punto sui consigli e sulle migliori pratiche per salvare un riccio e proteggere questa specie in via di estinzione.

Incontriamo i ricci

I ricci sono piccoli animali che non superano i 15 cm di altezza e i 30 cm di lunghezza. A seconda della stagione, il loro peso è compreso tra 400 e 1800 grammi. Ne esistono una ventina di varietà diverse. Sono presenti in Africa, Asia, Europa e America. Il loro corpo è coperto da sei a ottomila aculei marroni con punte bianche. Questi sono lunghi da due a tre centimetri. Cadono e si rinnovano ogni 18 mesi.

Non appena cala la notte, il riccio inizia a cacciare e può coprire un’area da 3 a 10 ettari. È più attivo tra aprile e settembre. La sua attività di cacciatore incallito è segnata da ringhi, grida, starnuti e sbuffi. Durante questa attività, ricopre il suo corpo di saliva per mascherare il suo odore. Inoltre, è un animale territoriale. I maschi non si tollerano l’un l’altro e cercano le femmine solo durante il periodo dell’accoppiamento. Da ottobre vanno in letargo. Questo periodo dura fino ad aprile.

Il riccio: un utilissimo aiutante in giardino

I ricci sono particolarmente insettivori, sebbene la loro dieta includa altre specie. È questa dieta che vale per questo piccolo animale essere considerato come un compagno del giardiniere. La sua presenza, infatti, favorisce la conservazione e l’equilibrio degli spazi verdi. Il riccio caccia cavallette, lumache, lumache, grilli, maggiolini, tonchi o millepiedi. Preserva così la biodiversità contro questi parassiti. Naturalmente contribuisce alla buona salute di aiuole e orti. Un vantaggio per i giardinieri che non hanno più bisogno di usare insetticidi tossici.

Sfortunatamente, nel corso degli anni, la popolazione di ricci è drasticamente diminuita. Innanzitutto perché è bersaglio di predatori come la volpe, il gufo o la donnola, ma è soprattutto l’attività umana a arrecare i danni maggiori a questo animale. Infatti, la deforestazione, l’uso di pesticidi o il disboscamento, hanno contribuito al graduale declino di questi piccoli e spinosi mammiferi. Dovrebbero quindi essere protetti.

Continua a leggere:  Il rinforzo della rosa, cos'è questa larva? È utile o dannoso per il giardino?

Come salvare un riccio?

Normalmente, i ricci rimangono nascosti durante il giorno ed escono solo al calar della notte. In caso di incontro notturno è consigliabile osservare da lontano e lasciare che l’animale continui il suo cammino. Quest’ultimo è sicuramente alla ricerca di cibo.

La situazione potrebbe essere diversa se la riunione si svolge a metà giornata. Innanzitutto una buona osservazione permette di trarre le prime informazioni. Quindi è consigliabile avvicinarsi lentamente. L’animale è fermo? È sdraiato su un fianco o a pancia in giù? Sembra debole? È ferito? Tante situazioni anomale che richiedono pronto soccorso urgente.

Attenzione, si consiglia di chiamare il centro di protezione degli animali o il veterinario più vicino, soprattutto quando non si ha alcuna conoscenza dei ricci.

Gesti utili per soccorrere un riccio in difficoltà

Quando il riccio è in difficoltà, la prima azione è fornirgli calore di contatto per combattere l’ipotermia. Questa operazione è indispensabile, indipendentemente dalla temperatura esterna. Per fare questo, hai bisogno di una scatola di cartone, una borsa dell’acqua calda o una borsa dell’acqua calda chiusa piena di acqua calda. Devi avvolgere un asciugamano attorno alla bottiglia o alla borsa dell’acqua calda per non bruciare l’animale. La bottiglia viene inserita nel cartone. Quindi, si tratta di posizionare il riccio sopra la bottiglia, coprirlo con un altro asciugamano, quindi chiudere la scatola.

È necessario fornire una ciotola d’acqua in modo che l’animale rimanga idratato. Se si tratta di un riccio adulto, le crocchette per cani o gatti possono essere offerte come cibo. Se si tratta di un cucciolo di riccio, è indicato il latte per cuccioli o gattini. La dieta può essere integrata con una miscela di uova crude e cotte, con olio vegetale o ricotta.

Anche la pesatura è essenziale quando si salva un riccio. Ti permette di sapere se l’animale sarà in grado di sopravvivere all’inverno. Infatti, durante il periodo di letargo, i ricci perdono fino a 300 grammi. Inoltre, se l’incontro avviene durante il mese di novembre, qualsiasi individuo di peso inferiore a 600 grammi non sopravviverà. In questo caso, è doveroso adottare le misure necessarie per consentire all’individuo di raggiungere il peso ideale.

Continua a leggere:  Il millepiedi, una specie di millepiedi molto sgradevole in casa

Precauzioni che derivano dal salvataggio di un riccio

Usa sempre un asciugamano, un panno o guanti da giardinaggio quando maneggi i ricci. Non dovrebbero mai essere tenuti direttamente con le mani. Questo vale in particolare quando incontri i piccoli di una nidiata. Prendere un bambino a mani nude è condannarlo a morte certa, perché la madre non lo allatterà più e nel peggiore dei casi lo divorerà.

Non dare loro mai latte di mucca o pane. I ricci digeriscono male questi alimenti, il che può portare a diarrea fatale. Inoltre, evita di dar loro da mangiare lumache da giardino, lumache o vermi. Sebbene questi snack facciano parte della loro dieta, spesso portano parassiti interni che contaminano questi insettivori. D’altra parte, prodotti come banane, uva, mele, carote cotte sono piatti molto apprezzati.

Sebbene questo gesto possa partire dalla buona volontà, è illegale spostare un riccio per chilometri. Se si trova vicino a una strada frequentata da veicoli, può essere depositato in un giardino vicino. In effetti, sul suo territorio, ogni animale ha i suoi punti di riferimento. Uno studio mostra anche che i ricci cercano di tornare nel loro territorio di origine, anche se questo significa correre dei rischi.

Come aiutare a proteggere i ricci

Non dobbiamo dimenticare che soprattutto i ricci sono animali selvatici. È quindi importante rispettare il loro habitat naturale. Quando la loro presenza è efficace in giardino, si consiglia di lasciare cumuli di rami e foglie morte, oltre a siepi e boschetti. Potrebbero essere un riparo protettivo contro il vento e le intemperie. È anche possibile costruire rifugi per loro. Inoltre, le finestre delle cantine e altri condotti devono essere schermati. Per quanto riguarda gli aspirafoglie o le falciatrici, si consiglia di utilizzarle con maggiore accortezza.

Continua a leggere:  Quali sono i predatori della tigre?

Se incontrate un riccio in difficoltà, però, non esitate a chiamare il veterinario dopo avergli somministrato i primi soccorsi. Ecco i passaggi da seguire per salvare un riccio. Ancora una volta, è imperativo chiamare il centro di protezione degli animali più vicino o un veterinario.

Author

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *