Cosa mangia una scimmia? Quale cibo e dieta?

regime alimentaire singe 064607

Cosa mangia una scimmia?  Quale cibo e dieta?

Uomini e scimmie appartengono all’ordine dei primati. Le scimmie sono biologicamente molto vicine agli umani. La specie più vicina, lo scimpanzé, è una grande scimmia che condivide con noi tra il 98% e il 96% del proprio DNA. Ma bisogna distinguere le grandi scimmie dalle scimmie, chiare e semplici, diverse per dimensioni, comportamento e capacità cognitive. In questo articolo, siamo interessati alla dieta delle scimmie in generale e definiamo se esiste una differenza tra scimmie e grandi scimmie. Per allontanarti dai cliché delle scimmie che mangiano banane…

Dieta delle scimmie

Sia le grandi scimmie che le scimmie lo sono onnivori e possono avere diete simili. Ovviamente, nel dettaglio, l’alimentazione varia a seconda delle specie e dell’ambiente. Ma qui ci sono cibi che probabilmente le scimmie e le grandi scimmie mangiano ovunque si trovino nel mondo.

La maggior parte delle scimmie, in particolare le scimmie arboree come oranghi e cappuccini, ne mangiano una grande varietà frutta che forniscono loro zuccheri naturali, fonte di energia. Le foglie sono un’altra importante fonte di cibo, soprattutto per specie come gorilla e gibboni. Anche alcune specie di scimmie consumano fioriattratti dal loro dolce nettare, come il macaco mangiatore di granchi.

Le scimmie hanno denti forti con cui possono aprirsi noce E semi. Sono una buona fonte di proteine ​​e grassi. Insetti, uova di uccelli, lucertole e persino piccoli mammiferi possono far parte della dieta di scimmie e grandi scimmie. In Malesia la presenza dei macachi nelle colture di palma da olio è molto apprezzata perché ne sono grandi consumatori ratti.

Nel nord del Giappone, quando i macachi non riescono a trovare molto da mangiare a causa dell’inverno, si accontentano di ramoscelli e corteccia d’albero.

Continua a leggere:  Quali sono le differenze tra una lepre e un coniglio?

È importante sottolineare che ogni specie di scimmia ha esigenze alimentari specifiche e che le specie di scimmie possono specializzarsi nella loro dieta, in particolare perché si adattano a ciò che trovano nel loro ambiente.

Conosci la geofagia?

La geofagia si riferisce al consumo di terra. Questo tipo di comportamento alimentare è diffuso in tutto il regno animale, e non risparmia l’uomo. Dall’inizio degli anni 2000, la geofagia nei primati non umani è stata di particolare interesse per gli scienziati perché è stata osservata nel 27% delle specie di primati attualmente conosciute.

Il terreno ingerito è sempre ricco di caolino (o sostanze simili), un composto molto simile al Kaopectate e al Pepto-Bismol utilizzato in farmacia per contrastare i problemi gastrointestinali nell’uomo. Sono state avanzate due ipotesi principali per spiegare la geofagia nelle scimmie: integrazione e protezione. Nel primo caso, significa che la terra fornisce elementi essenziali che l’individuo non trova in altre risorse. Nel secondo caso, la terra consumata giocherebbe un ruolo nella protezione del tratto gastrointestinale contro gli endoparassiti e/o contro gli effetti dannosi di composti secondari contenuti nelle piante altrimenti consumate.

Ma restiamo umili: su questo fenomeno non è ancora stata fatta tutta la luce.

Cosa differenzia le scimmie dalle grandi scimmie in termini di cibo?

Le differenze nella dieta osservate tra scimmie e grandi scimmie sono principalmente dovute alla loro dimensione, habitat e comportamento.

Le grandi scimmie, in particolare i gorilla, tendono a consumare più materia vegetale – foglie, corteccia, steli e altra materia – rispetto a molte scimmie.

È noto che alcune grandi scimmie, come gli scimpanzé e gli oranghi, lo usano utensili per ottenere cibo, come bastoncini per estrarre le termiti dai loro tumuli o pietre per rompere le noci. Tuttavia, anche l’uso di strumenti non è del tutto assente nelle scimmie. I Cappuccini ne sono un esempio.

Il consumo regolare di carne, comprese altre scimmie, è più diffuso negli scimpanzé comuni. Gli scimpanzé di Gombe in Tanzania sono stati particolarmente studiati e hanno rivelato comportamenti di caccia complessi e diversificati. Si organizzano, sono in grado di creare armi e mettere a punto una strategia per catturare la preda più debole.

Continua a leggere:  L'ape muore una volta sola dopo averci punto: vero o falso?

Problemi di alimentazione

La distruzione dell’habitat di molte scimmie può portare a una diminuzione delle risorse alimentari disponibili.

Pertanto, le azioni di deforestazione per consentire lo sviluppo dell’agricoltura, il disboscamento e lo sviluppo urbano portano a ridurre lo spazio disponibile per le scimmie, che a sua volta può ridurre la quantità di cibo disponibile. La frammentazione del loro habitat può anche isolare alcuni gruppi di scimmie, rendendo loro difficile muoversi alla ricerca di cibo.

La perturbazione dei climi locali può influenzare le popolazioni di scimmie alterando la disponibilità di risorse alimentari. I cambiamenti nella quantità di precipitazioni possono influenzare la crescita della frutta e di altri alimenti da cui dipendono le scimmie.

Come vengono nutrite le scimmie negli zoo?

La dieta esatta varia a seconda della specie di scimmia, della sua età e del suo stato di salute, tra le altre cose. I toelettatori lavorano spesso a stretto contatto con veterinari e nutrizionisti per garantire che il cibo distribuito sia appropriato, poiché deve soddisfare soprattutto le loro esigenze nutrizionali. I custodi cercano di imitare il più possibile la dieta degli animali allo stato brado per incoraggiare comportamenti naturali.

Gran parte della dieta delle scimmie tenute in cattività è quindi costituita da frutta e verdura fresca. Questo può includere il famoso bananema anche mele, arance, carote, peperoni, spinaci tra gli altri esempi.

Molti zoo forniscono alimenti per primati specializzati formulati per fornire tutti i nutrienti necessari per le scimmie. Possono assumere la forma di pellet o biscotti.

Continua a leggere:  Manatee, un grande mammifero acquatico perfettamente innocuo

Per stimolare naturale comportamento di foraggiamento e per combattere la noia che possono provare gli animali tenuti in cattività, i custodi possono nascondere il cibo, seppellirlo, appenderlo in alto o metterlo in giocattoli o dispositivi speciali che richiedono uno sforzo ponderato per ottenerlo.

È chiaro che la dieta delle scimmie e delle grandi scimmie è molto più complessa e varia rispetto al cliché della banana spesso associato a questi animali nell’immaginario collettivo. Dalla ricca miscela di frutta, verdura, semi, noci, insetti e talvolta anche piccole quantità di carne che costituiscono la loro dieta onnivora, allo stupefacente fenomeno della geofagia, la dieta di questi primati è in definitiva la conseguenza della loro adattabilità e della loro ingegno.

Author

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *