Grandi scimmie: chi sono? Quali caratteristiche?

grand singe 173023

Grandi scimmie: chi sono?  Quali caratteristiche?

Le grandi scimmie si distinguono non solo per le loro dimensioni ma anche per le loro avanzate facoltà intellettuali. Primo piano sui nostri cugini che ormai si contano solo sulle dita di una mano.

Della stessa famiglia dell’uomo

Appartenenti all’ordine dei primati, le ultime cinque grandi scimmie del mondo sono divise in due famiglie.

  • Gli ominidi includono scimpanzé, gorilla, bonobo e oranghi. I membri di questo ceppo – di cui fa parte anche l’uomo – sono caratterizzati in particolare da un’andatura bipede e da un cervello sviluppato che conferisce loro spiccate attitudini alla vita sociale e all’apprendimento;
  • Gli Hylobatidi includono i gibboni. Di taglia più piccola, questi primati si distinguono per la lunghezza delle braccia rispetto al corpo, per il loro stile di vita strettamente arboricolo, per la brachiazione come principale mezzo di movimento e per un’organizzazione sociale basata su coppie monogame.

Tre grandi scimmie (scimpanzé, gorilla e bonobo) si trovano in Africa, le altre due specie (oranghi e gibboni) sono originarie dell’Asia.

Il cervello sviluppato delle grandi scimmie

Le grandi scimmie si distinguono dai “piccoli” per una taglia maggiore. Tutti privi di coda, la loro morfologia ha compensato questa assenza con arti più lunghi e mobili per facilitare il movimento. Tutti hanno in comune una visione acuta, una lunga aspettativa di vita e un basso tasso di riproduzione. Ma è soprattutto attraverso le loro facoltà intellettive che le grandi scimmie fanno la differenza. Un cervello più sviluppato e complesso conferisce loro forti capacità cognitive: facilità di apprendimento per tentativi ed errori, creazione e utilizzo di strumenti, autocoscienza, eccellente memoria immediata… Le grandi scimmie sono i cugini più stretti dell’uomo, in particolare i bonobo con cui condividiamo 99,4% del nostro codice genetico.

Zoom sulle ultime cinque grandi scimmie del mondo

Conosciute grazie al ritrovamento di decine di specie fossili sparse tra 24 e 10 milioni di anni fa, le grandi scimmie oggi hanno solo cinque rappresentanti. Ritratti.

Il gorilla

Il gorilla (gorilla gorilla) è la più massiccia di tutte le scimmie. Misura circa 1,70 m, può pesare dai 90 kg per le femmine ai 200 kg per i maschi. L’apertura delle sue braccia supera la lunghezza del corpo, raggiungendo talvolta i 2,75 m. Dietro un aspetto burbero, si nasconde un gigante dal cuore tenero che vive in gruppi da 5 a 30 individui dominati da un maschio adulto. Originario dell’Africa (occidentale e orientale), questo animale vegetariano consuma foglie e radici. Essenzialmente terrestre, cammina a quattro zampe, affidandosi alle articolazioni delle tre dita medie. Longevità: 30 anni.

Lo scimpanzé

Lo scimpanzé (Pan trogloditi) occupa le foreste africane dove adotta una dieta onnivora, nutrendosi di frutta, piante, miele, insetti (formiche e termiti), piccoli mammiferi e uccelli. Individuo sociale, vive in tribù che possono riunire un centinaio di membri che trascorrono il loro tempo mangiando, riposando e spidocchiandosi. La femmina trasmette le sue conoscenze ai suoi piccoli (costruzione e uso di attrezzi, costruzione del nido, metodo di alimentazione e cura di se stessa con le piante, ecc.). Lo scimpanzé maschio misura da 1,30 a 1,70 me pesa da 50 a 70 kg mentre la femmina mostra un’altezza massima di 1,30 m per un peso di circa 40 kg. Longevità: da 40 a 50 anni.

i bonobo

I bonobo (pan paniscus) misura da 70 cm a 1 m per un peso di 45 kg (maschio) e 30 kg (femmina). Il primate frequenta la foresta tropicale della Repubblica Democratica del Congo dove consuma principalmente frutti ai quali talvolta aggiunge qualche insetto e piccoli vertebrati. Il bonobo è noto per il suo modo di risolvere i conflitti attraverso attività sessuali che occupano un posto cruciale nella sua organizzazione sociale. I clan, di una decina di individui, sono diretti dalle femmine che prendono le decisioni in un clima piuttosto tranquillo. Longevità: 40 anni.

L’orango

L’orangutan, originario del sud-est asiatico, comprende due specie: una prima stabilita a Sumatra (Pongo abelii) e l’altro nel Borneo (Pongo pigmeo). Il più grande mammifero arboricolo, il primate trascorre la maggior parte del suo tempo sugli alberi. Le sue braccia molto lunghe e le sue quattro mani prensili facilitano notevolmente i suoi movimenti. Vegetariano, si nutre principalmente di frutta, foglie, corteccia e alcuni insetti. A differenza degli scimpanzé e dei gorilla molto socievoli, l’orangutan è piuttosto solitario. Il maschio misura circa 1,40 m e pesa 85 kg, e la femmina 1,10 m per un peso di 40 kg. Longevità: da 30 a 40 anni.

Il gibbone

Il gibbone (Ilobate) vive nel sud-est asiatico (Indonesia, Malesia, Tailandia) dove usa le sue lunghe braccia per spostarsi da un ramo all’altro. Questo agilissimo primate arboricolo non scende quasi mai a terra e, infatti, non conosce quasi predatori naturali. Delle nove specie di gibbone, il siamang (Hylobates syndactylus) è il più grande e l’unico con una grande sacca gutturale situata all’altezza del collo. Questo individuo monogamo vive in coppia con tre o quattro piccoli e la dominanza si alterna tra maschio e femmina. Il gibbone misura da 40 cm a 1 me pesa da 5 a 10 kg. Longevità: 35 anni.

Le grandi scimmie sono minacciate di estinzione

Tutte le grandi scimmie sono in pericolo di estinzione a breve termine. La causa principale è la distruzione e la frammentazione del loro habitat (taglio di legno esotico per la fabbricazione di mobili, miniere, piantagioni di olio di palma, ecc.). I primati vengono anche cacciati per la loro carne o catturati per rifornire il commercio di bambini venduti come animali domestici. Le specie che vivono in Africa (i gorilla in particolare) sono state decimate da epidemie di tipo Ebola, trasmesse dall’uomo. Le grandi scimmie sono elencate dalla Convenzione sul commercio internazionale delle specie di flora e fauna selvatiche minacciate di estinzione (CITES) e sono anche elencate nella Lista rossa dell’Unione internazionale per la conservazione della natura (IUCN). Quattro grandi scimmie sono particolarmente minacciate: il gorilla orientale, il gorilla di Grauer (o pianura orientale), l’orangutan del Borneo e l’orangutan di Sumatra. A seguito di un catastrofico calo della loro popolazione, i nostri parenti più stretti potrebbero quindi scomparire entro il 2050.

Author

Continua a leggere:  Lerot, un piccolo roditore notturno

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *