Allevamento di insetti stecco: consigli e buone pratiche

elevage phasme 085901

Allevamento di insetti stecco: consigli e buone pratiche

Gli insetti stecco sono generalmente insetti facili da allevare. Anche se hai appena iniziato, sarai in grado di allevarli con successo. Tuttavia, come con qualsiasi animale vivente, i loro bisogni primari dovrebbero essere rispettati. Questo articolo ha quindi lo scopo di dirti le buone pratiche da seguire affinché i tuoi insetti stiano bene e che il tuo allevamento sia un successo.

Scegli la specie giusta

Sebbene gli insetti stecco siano generalmente facili da allevare, alcune specie lo sono più di altre. Ovviamente, quando consideriamo questi insetti, possiamo lasciarci trasportare e voler scegliere le specie più originali poiché le forme e i colori che mostrano sono vari. Potresti quindi essere incline a scegliere questa o quella specie per il suo aspetto straordinario. Ricorda che si consiglia ai principianti di non iniziare il loro allevamento con insetti stecco fogliari che sono più sensibili di altri. Tuttavia, se insisti, in questa categoria, Phyllium phillipinicum è il più robusto e quindi il più adatto per l’avviamento. Le due specie generalmente consigliate per i principianti sono:

  • Carausio morosus chiamato insetto stecco cupo;
  • Medauroidea extradentatal’insetto stecco vietnamita.

Proteggi bene i tuoi insetti stecco

Il recinto di allevamento non è necessariamente un terrario. Puoi scegliere un acquario o un vivaio… Per goderti i tuoi insetti, le pareti devono esserlo trasparente, se di plastica o di vetro. Anticipa le operazioni di pulizia e non scegliere una superficie troppo fragile che si graffierebbe a contatto con piante taglienti o sotto i colpi di una spugna. La vostra scelta viene fatta in base a due criteri: quello delle dimensioni che devono essere adeguate ai vostri insetti, e quello della circolazione dell’aria che deve essere sufficiente.

formato del recinto di allevamento sarà adattato alla taglia adulta della specie. Devi quindi moltiplicare questa lunghezza per 3 e otterrai l’altezza minimo. Permette all’insetto in piena muta di avere abbastanza spazio per estrarsi completamente dalla sua pelle. La larghezza dipende dal numero di persone che si desidera ospitare. Fallo bene e non prendere scorciatoie: gli insetti hanno bisogno di spazio vitale tanto quanto gli altri animali. È meglio ridurre il numero di insetti da allevare se sei limitato dallo spazio.

Anche gli insetti stecco hanno un naturale bisogno di arrampicarsi. Possono aggrapparsi alle pareti del loro recinto di riproduzione. Ma puoi anche rivestire il loro spazio con ramoscelli non tossici per loro.

Continua a leggere:  Terrier nel ritratto della razza: tutto su origine e allevamento | Pet Yolo

Di quale hardware hai bisogno?

La spatola è uno strumento indispensabile. Questa è una semplice spatola, come quelle usate nel fai da te. Ti permette di raschiare il fondo del recinto di allevamento per rimuovere gli escrementi dei tuoi animali.

La temperatura e l’umidità relativa della custodia devono essere controllate. La temperatura ideale per gli insetti stecco è tra 20°C e 25°C. A seconda del luogo di residenza, potrebbe essere necessario l’uso di una lampada riscaldante. Per quanto riguarda la misurazione dell’umidità relativa (80% idealmente), è necessario dotarsi di un piccolo igrometro. Per mantenerlo, puoi rivestire il fondo del recinto con salviette di carta. Questo ha anche il vantaggio di facilitare la pulizia e la raccolta delle uova. Puoi anche scegliere di rivestire il fondo del recinto con un substrato. Infine, puoi spruzzare regolarmente acqua per umidificare l’atmosfera dei tuoi insetti stecco.

Potresti essere tentato di utilizzare una lampada riscaldante di tipo ceramico perché ha due funzioni: riscalda e fornisce luce. Non consigliamo questo tipo di attrezzatura perché è meglio privilegiare il luce naturale. I tuoi insetti stecco possono trovare il loro posto vicino a una finestra, a condizione che non siano esposti alla luce solare diretta. Ciò consente ai tuoi insetti di essere soggetti ai cicli naturali del giorno e della notte.

Supporta la riproduzione dei tuoi insetti stecco

Tutte le specie di insetti stecco non hanno bisogno di un posto dove poter deporre le uova perché alcuni di loro le depongono e le lasciano cadere dove si trova la femmina. In quest’ultimo caso, tocca a te raccogliere le uova. Per il nido andrà bene un vecchio tupperware o l’equivalente di una scatola di burro. Questo contenitore deve poter essere chiuso per conservare l’umidità favorevole al loro sviluppo.

Continua a leggere:  L'istrice, un roditore che morde

Se hai insetti stecco di sesso diverso, probabilmente si riprodurranno. Ma gli insetti stecco possono riprodursi anche per partenogenesi. Qualunque sia la modalità scelta, è necessario prestare attenzione regolare la popolazione. Se hai troppi insetti stecco, gli animali saranno stressati e compariranno problemi di salute. In caso di sovrappopolazione, non rilasciarli in natura: rischi di sbilanciare gli ecosistemi locali. Ti consigliamo di contattare l’associazione naturalista più vicina. Ti aiuteranno a trovare la soluzione migliore per i tuoi insetti e per l’ambiente.

Dai da mangiare bene ai tuoi insetti stecco

Il cibo varia a seconda della specie o della specie scelta. Inoltre, documentati con precisione prima di iniziare il tuo allevamento. È raro dare ai tuoi insetti stecco il fogliame che troverebbero nel loro ambiente naturale. È più probabile che tu dia loro piante sostitutive. La maggior parte consuma rovi o edera, ma non tutti. Se mangi il cibo sbagliato, avveleni i tuoi insetti. In ogni caso non vanno alimentati con piante trattate con pesticidi o piante tossiche per loro. Le piante fornite devono essere pulite e sicure.

Il cambio regolare del cibo precedentemente distribuito e non consumato è importante. Devi evitare che marcisca. Occorre quindi prendere l’abitudine di cambiare le foglie ogni 2 o 3 giorni, assicurandosi che rimangano freschi. Il punto d’acqua non è necessario in quanto gli insetti stecco lo estraggono dal loro cibo. È addirittura sconsigliabile allestire un punto d’acqua in cui rischiano di annegare.

Quali operazioni di pulizia sono necessarie?

Oltre al regolare cambio di cibo, devi pulire regolarmente il recinto dei tuoi insetti stecco, altrimenti l’accumulo di scorie creerà problemi di salute. Devi quindi rimuovere gli escrementi e lo spargimento della pelle. Per quanto riguarda la pulizia completa, pianifica di farlo una volta al mese. Si possono usare prodotti detergenti perché permettono una buona pulizia ma il risciacquo deve essere molto accurato.

Continua a leggere:  L'insetto stecco, l'insetto che sembra un ramoscello, facile da allevare

Se hai scelto un supporto, ricordati di verificarne lo stato e di cambiarlo non appena si sporca. Se hai posato del muschio, ricordati di annaffiarlo regolarmente con uno spruzzino. Quando diventa troppo asciutto, sostituirlo.

C’è un modo speciale per gestire gli insetti stecco?

Ricordati di lavarti le mani prima e dopo manipolazione per evitare la trasmissione di batteri in entrambe le direzioni.

Gli insetti stecco sono fragili e preferiscono la calma. Se desiderate di tanto in tanto (il più raramente possibile) prenderli, in particolare osservarli un po’ più da vicino, fatelo con infinite precauzioni. Come nel film Microcosmo che ci ha fatto vedere il mondo a misura di insetti, provare a considerare l’ambiente degli insetti stecco a loro misura. Evita i rumori, fonte di vibrazioni che possono disturbare la loro quiete. Durante il periodo della muta sono stanchi ed è tanto più necessario lasciarli soli. Né dovresti aiutare i tuoi insetti a cambiare pelle; potresti far loro del male. Lo stress provoca problemi di muta, la perdita di uno o più membri del corpo o la ritenzione di uova nelle femmine, che porta inesorabilmente alla loro morte.

Author

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *