Vocalizzazione nei cani: più che abbaiare | Pet Yolo

Dalmatiner

Vocalizzazione nei cani: più che abbaiare

A differenza dell’uno o dell’altro cane di oggi, il lupo è più un rappresentante silenzioso. È in grado di abbaiare, ma non usa quasi mai l’abilità di questa vocalizzazione. Questo è in realtà un tratto piacevole per molti proprietari di cani, ma vivere con un lupo non funziona. Tuttavia, i nostri cani, che a loro volta sono rappresentanti sociali molto simpatici, abbaiano. Uno di più, l’altro di meno.

Perché i cani abbaiano?

I cani comunicano il loro stato d’animo quando abbaiano. Ma questi possono essere diversi. Se un cane abbaia perché sta difendendo il suo territorio, alla fine c’è il timore di perderlo nel peggiore dei casi. È difeso. Se abbaia durante il gioco, il cane è – logicamente – di umore molto migliore, perché i cani giocano solo quando sono rilassati. Se un cane chiede a un altro cane di giocare, suona in modo molto diverso rispetto a se volesse scacciare un avversario dal recinto del giardino. Naturalmente, ci sono altri motivi per abbaiare:

  • Richiedono attenzione: di solito te ne accorgi quando ti abbaiano in modo provocatorio e diretto
  • sei stressato
  • Abbaiano per la noia
  • Abbaiano per l’aggressività
  • stai soffrendo
  • Abbaiano per lo stress da separazione

La vocalizzazione è più che abbaiare

Ma c’è di più nella vocalizzazione oltre al semplice abbaiare. Piagnucolii, squittii, il noto ringhio, ecc. ne fanno tutti parte. Anche qui ci sono sfumature individuali che devono essere distinte. Sai dal comportamento espressivo che il cane usa la sua espressione e il linguaggio del corpo come richiesto dalla situazione. È lo stesso con la vocalizzazione. La comunicazione acustica viene utilizzata in modo orientato al risparmio energetico ma mirato.

Continua a leggere:  Infezioni dell'orecchio del cane: segni, trattamenti e rimedi casalinghi | Pet Yolo

Quanto può abbaiare il mio cane felice?

Se hai la scelta, hai solo l’imbarazzo della scelta.Se stai cercando un nuovo cane, dovresti effettivamente considerare quanto dovrebbe essere disposto ad abbaiare.

  • Vuoi che abbai? Se sì, quanto e in quali situazioni?
  • Quanto è vicino a te il tuo quartiere e quanto saranno contenti di vedere i cani che abbaiano?
  • Abbaiare non è abbaiare: molti cani di piccola taglia hanno una frequenza di abbaiare diversa rispetto ai cani di grossa taglia. Anche questa è una questione di gusti.

Quando abbaiare diventa un problema

Il più delle volte lasciamo che il cane continui a giocare in modo rilassato e accettiamo l’abbaiare. Ma se il cane inizia a infastidirsi al cancello del giardino e ad abbaiare di rabbia, molte persone vogliono che il cane si fermi, ma perché dovrebbe farlo? Dal suo punto di vista, il “nemico” è ancora lì. Poiché il comportamento territoriale ha le sue radici nella paura, è ora comprensibile che il cane non si accontenti semplicemente di un “no” e smetta di abbaiare. Continuerà a essere turbato quando lo stimolo è presente e ci sono buone probabilità che ricominci ad abbaiare, nonostante il divieto.

È meglio se puoi dargli sicurezza e togliergli la paura. Dagli un’alternativa all’abbaiare. Quando ti rendi conto che il tuo cane sta abbaiando al cancello, avvicinati a lui, chiamalo felicemente e mandalo in un posto fisso come la sua coperta. Quindi prendi il controllo qui, ringrazialo lodandolo per averti sentito bene e portalo più sullo sfondo dal davanti. Qui il tuo cane sa che può rilassarsi e che ora stai prestando attenzione alla situazione e lo stai proteggendo. Quindi può rilassarsi, il livello di stress diminuisce e il tuo cane smetterà automaticamente di abbaiare.

Abbaiare è naturale

Quindi fai attenzione alle circostanze, perché non a tutti i cani può essere semplicemente proibito di abbaiare, quindi non è il percorso di addestramento numero uno dire semplicemente a un cane di stare zitto. Piuttosto, dovrai giocare a Sherlock Holmes se hai un cane che ama abbaiare. Devi conoscere la causa e la sua emozione se vuoi cambiare il suo comportamento senza stress.

Continua a leggere:  I cani possono mangiare il melone?

Per inciso, è vero che tutti i cani nascono con le possibilità genetiche della vocalizzazione, per così dire, ma devono assicurarsi – preferibilmente nelle prime settimane di vita – che il loro partner di comunicazione li capisca correttamente, altrimenti potrebbero verificarsi lesioni inutili verificarsi. In breve, gli è permesso ringhiare quando nasce, ma deve imparare a dare più senso.

Author

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *