Sindrome di Wobbler nei cani: cause, sintomi, trattamenti e prevenzione

syndrome wobbler chien 060432 1200 738

La sindrome di Wobbler o instabilità della colonna cervicale è un’anomalia localizzata nella colonna cervicale del cane. Malattia cronica, senza trattamento o supporto, questa sindrome progredisce e causa problemi di mobilità. Nei casi più gravi, il cane rimane paralizzato.

La spondilomielopatia cervicale caudale o CTS causa la compressione del midollo spinale o delle radici nervose mentre si sviluppa. Malattia ereditaria o meno, i cani di taglia grande o gigante sembrano predisposti a questa sindrome.

Quali sono le cause della spondilomielopatia cervicale caudale nei cani?

La sindrome di Wobbler è in realtà una malformazione del canale osseo che circonda il midollo spinale. Questa riduzione comprime il midollo tra C5 e C6 cervicale o C6 e C7. Nell’alano, queste compressioni del midollo spinale si trovano tra le vertebre più vicine al cranio: C2 e C5. Gli studi attuali non consentono di determinare esattamente le cause della sindrome di Wobbler o della spondilopatia cervicale. Gli scienziati propendono per un’eredità genetica che si trasmette da una generazione all’altra, anche se finora nessuno studio è riuscito a confermarlo. Altri suggeriscono che i cuccioli abbiano accesso ad una dieta troppo ricca di proteine ​​e calcio, che accelera la crescita dell’animale, ma allo stesso tempo favorisce la malformazione della sua struttura ossea. Tuttavia, le diverse diagnosi suggeriscono che è probabile un’origine genetica della malattia: alcune razze come il Doberman, l’Alano, il Basset Hound, il Rottweiler o anche l’Alano presentano più di questa anomalia rispetto alle razze piccole e piccole. misurare. La rapida crescita di questi cani giganti o di grossa taglia li renderebbe anche più vulnerabili alle malattie degenerative. Tuttavia, rari casi sono stati diagnosticati anche nei Pinscher, nei Chihuahua o negli Yorkshire.

Quali sintomi mostra un cane affetto dalla sindrome di Wobbler?

A seconda della razza del cane, i primi sintomi compaiono prima dell’età adulta per l’alano. Nel Dobermann i segni compaiono a partire dal terzo anno. Per altre razze grandi o giganti, la sindrome di Wobbler può comparire tra il quarto e il decimo anno di età. Dopo uno shock, questa malattia a lungo termine può manifestarsi anche all’improvviso. I primi segni di spondilopatia cervicale sono spesso il dolore al collo, sebbene il dolore al collo non sia sempre presente nei cani.

L’andatura barcollante o la difficoltà del cane a coordinare i movimenti – o atassia – degli arti anteriori e posteriori, spinge il proprietario a consultare il veterinario. Altri sintomi sono presenti quando il cane ha la sindrome di Wobbler:

  • Zoppia o andatura rigida;
  • Debolezza generale;
  • Difficoltà di movimento o paresi;
  • Mal di schiena ;
  • Cadute regolari.

La caratteristica principale della malattia è che l’animale sembra traballare, come significa il verbo inglese “to wobble”. La compressione e la degenerazione del midollo spinale progrediscono nell’arco di diversi mesi. I sintomi possono peggiorare al punto che il cane diventa incontinente: non riesce più ad agire sulla vescica e sugli sfinteri anali. La forma cronica provoca disturbi dell’equilibrio a tutti e quattro gli arti con marcature accentuate sulle zampe posteriori. Nel caso della forma acuta, il cane affetto da spondilomielopatia cervicale caudale porta la testa bassa e mostra segni di resistenza e dolore quando manipola la testa.

Come trattare un cane con la sindrome di Wobbler?

Come prima intenzione e dopo una visita medica, il veterinario prescrive una risonanza magnetica o una TAC per evidenziare la compressione del midollo spinale. La prescrizione di antinfiammatori per dare sollievo all’animale sarà molto spesso seguita da un intervento chirurgico. A seconda della compressione, dinamica o statica, l’intervento sarà diverso.

La prescrizione medica si basa principalmente sul riposo e sull’aggiunta di corticosteroidi come il prednisone. Un nuovo trattamento a base di L-tiroxina e antinfiammatori sembra fornire buoni risultati neurologici per il cane trattato in tempo. Può essere prescritto l’uso di un tutore per il collo per tutta la vita per stabilizzare la malformazione. Tuttavia, quando il trattamento farmacologico non si rivela sufficientemente efficace, si rende necessario l’intervento chirurgico. Il cane non deve presentare lesioni multiple e l’intervento deve avvenire prima della comparsa di lesioni irreversibili. L’operazione mira quindi a stabilizzare le vertebre cervicali del cane riducendo la compressione sul midollo spinale.

Tuttavia, l’intervento chirurgico rimane costoso e non è raccomandato per gli animali anziani o indeboliti. Il rischio di disturbi neurologici o di morte rimane decisamente troppo elevato per il cane in età avanzata. La prognosi generalmente rimane riservata nel contesto della sindrome di Wobbler. Dipende dalle condizioni fisiche del tuo cane prima della comparsa dei sintomi, dal grado di atrofia, dalla sua posizione e dal suo tipo.

Il recupero dopo l’intervento chirurgico dura da due a tre mesi. Il cane non deve né correre né saltare per mantenere i benefici dell’intervento. Gli sarà vietato camminare per diverse settimane. Sessioni terapeutiche accompagneranno il recupero del cane per evitare l’atrofia muscolare, rinforzare i suoi muscoli e consentire un recupero più rapido.

Possiamo prevenire la sindrome di Wobbler nei cani?

La spondilopatia cervicale colpisce più spesso le razze giganti o di grossa taglia come il Basset Hound, il San Bernardo, l’Alano: gli allevatori hanno tutto l’interesse a non riprodurre individui portatori della sindrome. La sua associazione con fattori genetici rende difficile la prevenzione specifica. Tuttavia, un’attenzione particolare all’alimentazione del cucciolo e del cane sembra essenziale per proteggere l’animale dalla sindrome di Wobbler. All’origine della malattia si sospetta anche un’alimentazione troppo ricca. Il proprietario di un cane di grossa taglia deve quindi assicurarsi di rispettare gli apporti proteici essenziali durante la crescita del cucciolo ed evitare eccessi per il cane adulto. Esercizi regolari e appropriati rimangono necessari per rafforzare il tuo corpo e il tuo sistema immunitario. Infine, la visita annuale dal veterinario consentirà di individuare rapidamente eventuali sintomi della malattia e di mettere in atto il trattamento preventivo che dovrà essere somministrato per tutta la sua vita.

Author

Continua a leggere:  Un cane rasato sarà più fresco quando fa caldo?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *