Scala i denti del tuo cane: quando, come, quanto spesso?

detartrer dents chien 062710 650 400

Lo scaling è un trattamento effettuato dai veterinari. Il cane deve poterne beneficiare regolarmente perché è parte integrante delle cure che permettono all’animale di avere denti e gengive sane, e di non ammalarsi gravemente poiché il minimo problema dentale può essere causa di numerose malattie che possono colpiscono ad esempio organi come il cuore o i polmoni. Ecco tutto quello che devi sapere sulla frequenza della decalcificazione consigliata dagli specialisti della salute animale e sullo svolgimento di una seduta.

Hai decalcificato i denti del tuo cane: da che età?

Ogni proprietario dovrebbe portare il proprio cucciolo dal veterinario a partire dai 4 mesi di età per fargli controllare la bocca e i denti, anche se l’animale ha ancora solo i denti da latte. Leggiamo spesso che il ridimensionamento viene effettuato nei cani a partire dai 2 o 3 anni. Questa è un’indicazione media. Ma solo il veterinario sa quando è necessaria la decalcificazione. Da qui l’interesse a programmare le consultazioni almeno due volte l’anno durante tutta la vita dell’animale o più frequentemente se si ritiene che il cane ne abbia bisogno. In ogni caso, non bisogna aspettare che il cane abbia l’alitosi, soffra al punto da non riuscire più a mangiare o che marcisca i denti.

Scaling nei cani: come funziona?

L’ablazione è un trattamento assolutamente essenziale per eliminare la placca batterica responsabile del tartaro che porta alla perdita dei denti, alla malattia parodontale e a molti altri problemi di salute nei cani.

Continua a leggere:  Lussazione nel cane (zampa, anca, rotula): cause, sintomi, trattamenti e prevenzione

L’appuntamento con lo specialista inizia con un colloquio con il proprietario del cane durante il quale viene fatto un aggiornamento sulle diverse problematiche di cui può soffrire l’animale. La parodontite può infatti essere causa di anoressia, quindi perdita di peso, sangue nella saliva, dolore, alito cattivo, tra gli altri.

Per eseguire un’ablazione completa, l’igienista dentale inizia anestetizzando il cane. Ogni dente viene sottoposto a screening, tutte le sue superfici vengono scalate con una curette (ablazione manuale) o con inserti ad ultrasuoni (ablazione automatizzata). Vengono ridimensionati anche gli spazi dentali, quindi lo specialista esegue il ridimensionamento sottogengivale e sopragengivale (cioè sotto e sopra le gengive).

Questo trattamento cruciale per preservare la salute orale viene deciso caso per caso. È anche molto importante che il veterinario specializzato in odontoiatria canina si preoccupi di personalizzare il suo protocollo. Ad esempio, durante una sessione di detartrasi, potrebbe essere richiesto di estrarre uno o più denti se ciò si rivela necessario, compresi alcuni denti allentati quando l’allentamento è particolarmente avanzato. Infine, è opportuno precisare che l’odontoiatra effettua (all’inizio della seduta o alla fine) una lucidatura dei denti, sia mediante air-polishing sia utilizzando una pasta lucidante. Il praticante effettuò quindi una pulizia approfondita.

Successivamente redige un inventario della salute orale del cane per comunicare la sua valutazione al proprietario dell’animale. Fornisce numerosi consigli all’allevatore affinché la manutenzione regolare dei denti del cane e della sua cavità orale possa essere effettuata correttamente e con i prodotti e gli accessori adatti all’animale. Il proprietario riceve anche preziosi consigli sulla dieta da dare al cane per ritardare la formazione della placca dentale e, di conseguenza, limitare i depositi di tartaro, responsabili di alitosi (alitosi) e in molti casi di dolori che possono risultare insopportabili e sono causati ad esempio dalla gengivite.

Continua a leggere:  Piante velenose per cani

Una seduta di detartrasi con il veterinario curante o con un veterinario specializzato in odontoiatria dura almeno 45 minuti se il trattamento è completo. Una decalcificazione effettuata in una decina di minuti – come a volte deploriamo – non può essere sufficiente per eliminare tutto il tartaro. Naturalmente, nei cani che sono seguiti molto regolarmente da un igienista dentale e che hanno la fortuna di beneficiare del detartraggio ogni 4 o 6 mesi, le sedute sono un po’ più brevi perché il tartaro ha appena avuto il tempo di depositarsi, essendo la placca dentale bassa. .

Detartare il dente del tuo cane: quanto spesso?

Il ridimensionamento fa parte dell’igiene orale di un cane. Si tratta di un atto rimborsato dalla mutua assicurazione sanitaria per gli animali domestici. Va fatta con grande regolarità perché aiuta a proteggere il vostro piccolo compagno da tanti problemi di salute che possono colpire diversi organi.

Idealmente, i proprietari dovrebbero far controllare i denti del loro cane dal veterinario, dal dentista o dall’igienista dentale ogni quattro mesi. Questo aiuta a preservare i denti dell’animale e la sua salute generale perché al minimo problema si trova una soluzione.

Per quanto riguarda la frequenza della desquamazione, viene nuovamente valutata dal veterinario perché ogni cane ha esigenze ben specifiche in questo ambito. Dobbiamo quindi affidarci al professionista e, tra una visita e l’altra, il maestro deve garantire rigorosamente la buona igiene orale del suo piccolo protetto. Ma attenzione, non cercare in nessun caso di raschiare via il tartaro che si accumula perché ciò causerebbe solo danni. Infine, dovresti essere consapevole che il ridimensionamento non sostituisce il lavaggio dei denti.

Continua a leggere:  Regali di Natale per cani | Pet Yolo

Author

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *