Il bradipo, lentamente ma inesorabilmente! Tutto su questo mammifero arboricolo

paresseux 1 071427

paresseux 1 071427mammifero arboricolo” style=”display: block; margin: auto;” data-rx-style-cache=”display: block; margin: auto;”>

Movimento, digestione, riproduzione… Lo stile di vita pigro si combina al rallentatore. Che dorma o mangi, questa palla di pelo vive appesa agli alberi, a testa in giù, sempre sorridente. Incontro con un acrobata delle foreste dell’America tropicale.

Il bradipo, quel vecchio ramo!

Uno dei mammiferi più antichi del mondo, il bradipo è apparso nel continente americano circa 60 milioni di anni fa! Il mammifero ha poi colonizzato il resto del Nuovo Mondo e si è sviluppato in diverse forme. Ci sono due generi ancora viventi:

  • I Bradypodidae a cui appartiene il genere Bradypus. Comunemente conosciuti come ais, possiedono mani con tre artigli e includono le seguenti specie: bradipo dalla gola bruna; Bradipo tridattilo; bradipo dalla criniera; bradipo nano.
  • I Megalonychidae a cui è affiliato il genere Choloepus. Solitamente chiamati unaus, hanno solo due artigli per mano e includono le seguenti specie: unau di Hoffmann e bradipo a due dita.

Un sorriso eterno

Il bradipo misura tra i 45 ei 75 cm di lunghezza e pesa circa 4 chili. Ha un vello ispido e ruvido, i cui toni tendono dal beige al marrone con sfumature di verde. La sua testa rotonda sfoggia orecchie appena percettibili, un naso camuso e un sorriso immutabile. Il colore del viso, più chiaro del corpo, contrasta con le due bande laterali scure che avvolgono i piccoli occhi. I suoi arti terminano in mani con due o tre lunghi artigli ricurvi a seconda del sesso. La sua coda è molto corta.

Un sorriso eterno

Una testa molto mobile

In grado di ruotare di 90°, sia a destra che a sinistra, la testa dell’animale è estremamente mobile attorno all’asse longitudinale del corpo. Una risorsa strategica per individuare i pericoli circostanti. Questa flessibilità si spiega con una caratteristica unica: solo i bradipi tridattili hanno otto o nove vertebre cervicali, mentre tutti gli altri mammiferi ne hanno solo 7. Infine, pur appartenendo all’ordine Edentata, il bradipo ha 18 denti a crescita continua, esclusivamente molari, destinati masticare le foglie dure di cui si nutre.

Il bradipo vive in alto

Il bradipo si trova solo in Sud America e Centro America, soprattutto in Costa Rica, Panama e anche in Guyana, Argentina, Brasile e Bolivia. Frequenta ambienti vari, sia la chioma delle foreste planiziali tropicali e subtropicali, anche allagate, sia quella delle foreste montane secche o umide, fino a 2.400 m di altitudine a seconda della specie. Il mammifero si evolve soprattutto nella chioma degli alberi alla ricerca del sole. La lentezza del suo metabolismo, dovuta al cuore piccolo e alla frequenza cardiaca debole, richiede il calore per termoregolarsi.

Il bradipo vive a testa in giù

L’animale si distingue per uno stile di vita… barcollante perché trascorre il 90% del suo tempo sospeso per tutte e quattro le zampe ad un ramo. È in questa posizione che si muove, mangia, dorme, si riproduce. Questa capacità è facilitata dai suoi artigli potenti e ricurvi, che agiscono come uncini. Il bradipo sta in posizione eretta solo quando si arrampica su un grosso tronco o quando si siede su un ramo per riposare, con la testa che ricade sul petto.

Mosse ad alta quota

Quando si muove, i suoi movimenti sono sempre molto lenti e attenti. Se non salta, non esita a cambiare pericolosamente posto per nutrirsi. Può così liberare due zampe contemporaneamente per raggiungere un ramo lontano, rimanendo sospeso sopra il vuoto dalle due zampe posteriori (o da una posteriore e una anteriore). Oltre agli artigli che assicurano una presa perfetta, i suoi polsi e caviglie, dotati di articolazioni estremamente mobili, possono prendere in prestito quasi ogni orientamento rispetto al corpo.

Il bradipo, miglior nuotatore che camminatore

Il bradipo si muove molto lentamente e il meno possibile. Sia diurno che notturno, trascorre dalle quattordici alle sedici ore al giorno riposando. La sua lentezza risulta essere una buona tecnica di mimetizzazione che gli permette di non essere individuato dai suoi predatori. E contro ogni previsione, il bradipo è un ottimo nuotatore. Certo, è raramente visto in acqua, ma quando è lì, eccelle nuotando tre volte più velocemente di quanto cammini. Può inoltre trattenere il respiro per quaranta minuti, controllando il suo metabolismo per rallentare la frequenza cardiaca a un terzo della velocità normale.

Una dieta verde

Vegetariano, il bradipo si nutre principalmente delle foglie che trova sugli alberi dove trascorre la maggior parte del suo tempo e può assaporare anche alcuni frutti, fiori, boccioli e teneri germogli. Per afferrare il cibo, l’animale usa i suoi lunghi arti anteriori armati di artigli come un picco. Se riesce ad avvicinare un ramo molto lontano, è sempre con le labbra e con i denti che coglie l’agognato cibo. Il bradipo non si disseta perché trova l’acqua necessaria nelle piante ingerite.

La lentissima digestione del bradipo

Lo stomaco del bradipo ha diversi compartimenti in cui avviene la fermentazione delle piante e la degradazione della loro cellulosa. Ma il processo di digestione rimane lento: quando è pieno, lo stomaco di un bradipo è circa il 30% della sua massa corporea totale, una quantità considerevole. Questa specificità significa che l’animale scende a terra solo una volta ogni tre-otto giorni per urinare e defecare. Arrivato ai piedi dell’albero, scava una piccola buca con l’embrione di coda, vi deposita degli escrementi molto secchi, poi risale subito. Evacuando i suoi escrementi, perde un terzo del suo peso iniziale.

Un accoppiamento biennale

L’animale è generalmente solitario. Le interazioni sociali con i suoi congeneri rimangono rare, tranne durante la stagione degli amori. Durante l’accoppiamento, che avviene ogni due anni, il maschio e la femmina si abbracciano per due giorni interi. Dopo un periodo di gestazione di sei mesi, la femmina partorisce – ancora sospesa per le zampe – un piccolo bradipo che alleva da sola. Il bambino si aggrappa al ventre della madre per le prime cinque settimane, poi viene portato sulla schiena. La prole inizia a emanciparsi intorno ai sei-nove mesi di età a seconda della specie, ma rimane vicino alla madre fino a un anno. Lo lascerà quindi in un’area vicina a dove lo ha cresciuto e manterrà il contatto uditivo con il giovane adulto fino a quando non se ne andrà per stabilirsi nel suo dominio.

Predatori sempre in agguato

Il bradipo scende raramente dal suo albero: circa una o due volte alla settimana per fare i propri bisogni. Questo è il momento in cui è più vulnerabile. A terra, i suoi predatori sono costituiti principalmente da felini come il giaguaro, l’ocelot o il puma. Nel fogliame, l’aquila arpia rappresenta la sua più grande minaccia. Se non incontra un predatore, il bradipo vive tra i trenta ei cinquant’anni.

Author

Continua a leggere:  Il fennec o volpe della sabbia: tutto su questo cane selvatico

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *