Drosophila: come vive? Come estirparlo dalla casa?

drosophile 072713

Tendiamo a usare il singolare per parlare della Drosophila. In realtà, Drosofila è un genere che comprende 400 specie diverse registrate in tutto il mondo. Quello con cui ci confrontiamo di più e di cui vorremmo sbarazzarci è il Drosophila melanogaster, detta anche “mosca dell’aceto”. Come vive? E soprattutto, come estirparlo dalla casa?

Drosophila: come vive?  Come estirparlo dalla casa?

Drosophila, in poche parole

Per sbarazzarsi del tuo nemico, è meglio conoscerlo.

Perché là Drosophila melanogaster non si chiama così?

  • scoriasignifica “nettare, liquore divino, vino”,
  • filosofia“a chi piace”,
  • melanogaster“dal ventre nero”.

Diamo un’occhiata più da vicino a questo animale amante del vino e dal ventre nero.

Come tutti gli insetti, questa mosca, lunga pochi millimetri, ha tre paia di zampe ed è la specie più piccola di Ditteri. Il suo corpo è di colore marrone chiaro e sul suo addome sono disegnati degli anelli neri, in modo diverso a seconda che si tratti di un maschio o di una femmina. Questi occhi sono di colore rosso vivo, molto caratteristici. Prima africana, questa mosca si è diffusa ampiamente in tutto il mondo. Questa è chiamata una specie “cosmopolita”.

Dopo l’accoppiamento, le femmine depongono uova lunghe circa 0,5 millimetri in un ambiente in cui le larve possono nutrirsi: frutta o verdura in decomposizione sono perfette per loro! Trenta ore sono sufficienti per la comparsa di larve biancastre lunghe 5 mm. Solo 5-6 giorni dopo, la larva è in grado di muoversi e si trasforma in una pupa alla quale succederà, dopo la metamorfosi, un insetto adulto alato. Il ciclo vitale di questa mosca dura circa due settimane a 22°C, ma il ciclo rallenta quando la temperatura è più bassa.

Continua a leggere:  L'orca o balena assassina, un grande predatore marino

La drosofila ama l’umidità e la luce.

Perché è attratta dalla frutta?

Ciò che attrae il Drosophila melanogasterè l’alcol. Il suo ambiente preferito è dal 6% all’11% di alcol. Nel suo cibo, l’alcol rappresenta fino al 4%. Se questo tasso è più alto, la sua mortalità aumenta.

Batteri e lieviti sono presenti sui frutti. Non possono essere rimossi completamente semplicemente lavandoli. Tuttavia, se il frutto rimane in un ambiente caldo dopo la raccolta, i microbi si moltiplicano. Entrano nel frutto attraverso aree favorevoli, come le aree macchiate. All’interno del frutto manca l’ossigeno. Il processo biochimico che poi avviene è una fermentazione alcolica: il fruttosio si trasforma in alcool (etanolo).

La Drosophila si nutre anche di lieviti, anche se questi producono tossine che hanno il ruolo di respingere i predatori. La drosofila utilizza il proprio sistema olfattivo per individuare le aree di deposizione delle uova, guidata dall’odore dell’acido acetico.

Come sbarazzarsi dei moscerini della frutta?

La presenza di moscerini della frutta non è gradita. Tuttavia, non sono pericolosi, non portando alcuna malattia a cui saremmo suscettibili.

La soluzione migliore per eliminare i moscerini della frutta è realizzare delle trappole posizionate nelle zone in cui le mosche sembrano essere più numerose.

Ecco un esempio di trappola:

Continua a leggere:  Qual è la differenza tra una gazzella e un'antilope?

  • Prendi un barattolo di latta,
  • Versare circa due centimetri di aceto di sidro, birra o vino,
  • Metti un imbuto come coperchio, parte stretta all’interno. Può essere fatto di carta,
  • Posiziona un adesivo attorno al perimetro per evitare che le mosche escano dai bordi,

Un’altra trappola può essere realizzata con un barattolo di vetro in cui mettete dell’aceto di mele, della birra o un pezzo di frutta matura. Il barattolo è ricoperto da una pellicola di plastica trasparente in cui sono praticati alcuni fori. La Drosophila, attirata all’interno, non riuscirà ad uscire.

Ricordarsi di sostituire il liquido ogni 2 giorni.

Se sei disgustato dalla vista delle trappole, assicurati di scegliere contenitori opachi o coprili in modo da non vedere cosa c’è dentro.

Funzionerà anche una piccola tazza d’acqua piena di aceto di zucchero e sapone per i piatti. Le mosche sono attratte dall’aceto ma non possono volare via a causa del detersivo per piatti. Le mosche alla fine annegano.

Come non attirare i moscerini della frutta in casa?

La cosa migliore è probabilmente ancora non attirare le mosche. Ecco alcuni semplici passaggi da eseguire:

  • Non conservare troppi frutti contemporaneamente che non potresti consumare rapidamente,
  • Conservare frutta e verdura in frigorifero o pulirle preventivamente per rallentare il processo di maturazione,
  • Controllare regolarmente la frutta e la verdura conservate. La frutta che comincia a deteriorarsi va mangiata senza indugio,
  • Mettete da parte mele e pomodori perché questi sono frutti che sprigionano più etilene degli altri, una molecola che accelera la maturazione dei frutti,
  • Mantieni pulita la tua cucina. I secchi dei rifiuti e del compost devono essere svuotati regolarmente.
Continua a leggere:  Quali sono i cibi tossici per il riccio che non dovrebbero dargli?

Fazzoletti o carta impregnati di qualche goccia di oli essenziali come quelli di basilico, lavanda, citronella o cedro, posti vicino ai vostri frutti agiranno da repellenti. Sta a te scegliere l’odore che preferisci.

Una mosca ancora molto utile per la ricerca

Drosophila melanogaster ha tutto per accontentare i ricercatori: dimensioni ridotte, alta fecondità e adattabilità che facilitano la sua coltura in bottiglie di plastica, a basso costo inoltre. Questo insetto è davvero essenziale per la genetica. Fu lo scienziato americano Thomas Hunt Morgan a introdurlo nel mondo della ricerca e ricevette persino il premio Nobel per la medicina nel 1933 per il suo lavoro con la Drosophila.

Il ciclo di vita dell’insetto di circa 12 giorni garantisce ai ricercatori 25 generazioni all’anno. Abbastanza per studiare in un breve periodo di tempo i fenomeni di ereditarietà e il ruolo dei geni nella costruzione del corpo. Questa mosca condivide solo il 60% dei geni con gli umani; se questo non permette di avvicinarsi a tutti gli aspetti del corpo umano, sono comunque argomenti fondamentali che possono essere affrontati: neurobiologia, sistema immunitario, invecchiamento, cancro… I campi che questo piccolo insetto contribuisce ad avanzare sono numerosi!

Author

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *