British Shorthair: carattere, educazione, salute, prezzo | razza felina

british shorthair 115938 650 400

Una piccola testa di orsacchiotto benevolo, colori del mantello illimitati e un carattere tanto paziente quanto dolce, questo è ciò che caratterizza il British Shorthair. Adorabile gatto affettuoso dallo sguardo intelligente e curioso, sa occupare i locali con la sua presenza discreta e infonderti con il suo ritmo flemmatico.

Il British Shorthair in breve

  • Altri nomi: BSH;
  • Aspettativa di vita: tra i 15 ei 20 anni;
  • Peso: da 3,5 a 6,5 ​​chili (femmina), da 5 a 9 chili (maschio);
  • Taglia: mediamente circa 30 cm al garrese;
  • Forma: semi-cobby;
  • Pelo: corto e fitto;
  • Colori: tinta unita (liscio), tabby (sgombro o macchiato), macchiato (maculato), dorato, cioccolato, colorpoint…
  • Carattere: calmo e alla mano, poco loquace, intelligente e curioso;
  • Provenienza: Gran Bretagna;
  • Razza felina riconosciuta dal LOOF: si dal 1979.

Storia della razza British Shorthair

Come suggerisce il nome, BSH è nato in Gran Bretagna. Infatti, nel XIX secolo, gli allevatori britannici, in particolare Harrison Weir, presentarono gatti randagi selezionati e li esibirono sotto il nome di British Shorthair per differenziarli dai gatti stranieri (stranieri) e da quelli a pelo lungo. Il BSH corrisponde all’Europeo, presente nel resto del continente o all’American Shorthair negli USA.

Questo gatto sinuoso fu presentato per la prima volta a una mostra felina nel 1871 a Londra. La razza è scomparsa dopo la prima guerra mondiale. Per far rivivere questo piccolo felino e permettergli di ritrovare il suo fisico tondo e amichevole, sposiamo i gatti domestici con i persiani. Da 3 generazioni poi non è più possibile registrarli come britannici, ma la pazienza degli allevatori viene premiata e la razza torna sulla scena. Tuttavia, la seconda guerra mondiale pose fine allo sviluppo del BSH. Diversi matrimoni di gatti randagi con Burmese, Persian, Chartreux e Russian Blue portano un nuovo slancio alla razza che è di nuovo in ascesa.

Il BSH è riconosciuto in Francia nel 1979 e il suo successo sta crescendo grazie al suo carattere e al suo aspetto arrotondato.

La lunga pelliccia del persiano a volte risaltava nei piccoli. I gattini sono stati poi abbandonati. È in Francia che vengono accettati per primi, il che darà il British Longhair, riconosciuto nel 2000.

Caratteristiche fisiche della razza British Shorthair

La testa: è grande e rotonda, con buone guance piene. Il naso è largo e corto con un leggero stop. Nel maschio, le guance sono ricercate per accentuare questo aspetto da orsacchiotto.

Gli occhi: sono grandi e rotondi, il che li rende vivaci ed espressivi. Il loro colore deve essere uniforme e intenso. Alcuni esemplari hanno occhi verde smeraldo particolarmente impressionanti.

Le orecchie: sono da piccole a medie, ma larghe alla base, ben distanziate per seguire la rotondità del cranio e anche le punte sono arrotondate.

Il corpo: semi-cobby, corto, con ossatura e muscolatura possenti. Il collo è corto e forte. I fianchi e le spalle sono larghi, così come le gambe. Il BSH è un gatto forte.

Continua a leggere:  Il segugio spagnolo: carattere, educazione, salute, prezzo | Pet Yolo

Il pelo: corto e fitto di tessitura lanosa. Il sottopelo è spesso e abbondante.

La coda: è relativamente corta, piuttosto spessa alla base e uniforme all’estremità che è arrotondata.

I colori del British Shorthair

Tutti i colori sono ammessi al British Shorthair. Il classico mantello tabby, cioè rigato (marrone, rosso, nero argento, blu, ecc.), pelo liscio (nero, blu, rosso, cioccolato, lilla, crema, bianco, cannella, ecc.), con o senza dorato, con o senza fumo, così come tutti i cosiddetti modelli siamesi o colorpoint.

Carattere del British Shorthair

La natura accomodante di questo gatto è la ragione principale del suo successo.

Lo sapevate ? Il British Shorthair è il 5° gatto preferito dai francesi davanti al persiano, al siberiano e al certosino.

Calmo e silenzioso, è con te senza essere appiccicoso. Porta la sua pazienza, compostezza e serenità alle famiglie attive, così come sa esprimere stimolanti fusa ai single. Il suo miagolio, timido e discreto, contribuisce a dargli questa dolcezza riflessa dai suoi occhi rotondi e curiosi e dalla sua testa da orsino. Indipendente, è comunque giocherellone e apprezza la compagnia dei bambini che lo rispettano.

Ci si sente bene in un appartamento come in una casa in un giardino sicuro. Ottimo cacciatore di mosche, insetti e roditori, può essere anche un ottimo predatore di palline e piumini se vive in ambienti chiusi. Ad alcuni inglesi piace particolarmente afferrare il loro giocattolo in bocca e camminare con orgoglio per l’appartamento con esso. Piuttosto curioso, non esiterà a seguirvi in ​​bagno per osservare l’acqua che scorre nella doccia.

Attenzione! Ogni gatto ha il suo carattere e la sua storia. Se vi raccontiamo cosa emerge più spesso negli esemplari della razza, è sempre possibile imbattersi in una personalità particolarmente dinamica!

Condizioni di vita ideali per il British Shorthair

Vive sia fuori che dentro. Nota: questo è un gatto che, come tutti i gatti di razza, deve uscire sotto sorveglianza se non vuoi rischiare che il tuo piccolo compagno venga rubato. Inoltre, è fiducioso e curioso: può quindi, in assenza di sicurezza in giardino, correre rischi di cui non è consapevole, soprattutto quando insegue la sua preda.

Con la famiglia o con una sola persona, è un ottimo gatto da compagnia che porterà serenità in casa. Va molto d’accordo anche con i cani e gli altri gatti della casa.

Toelettatura e mantenimento del British Shorthair

Poiché è a pelo corto, non ha paura dei nodi. Tuttavia, la spazzolatura settimanale è essenziale affinché il tuo compagno non ingerisca troppi peli durante la toelettatura e non rischi complicazioni digestive. Durante la muta è necessaria una spazzolata più regolare, cioè ogni giorno, perché il suo pelo è composto da un fitto sottopelo di cui è fondamentale liberarsi.

Un pettine o una spazzola metallica sono ideali per rimuovere il sottopelo in eccesso. D’altra parte, per la parte superiore del cappotto, la seta naturale evita l’elettricità statica.

Principali problemi di salute del British Shorthair

È un gatto piuttosto robusto. Tuttavia, poiché proviene dall’incrocio di diverse razze, alcune linee hanno ereditato problemi di salute.

Continua a leggere:  Barboncino (miniatura) Informazioni e caratteristiche sulla razza del cane | Pet Yolo

  • Cardiomiopatia ipertrofica o HCM: consiste in un ispessimento del miocardio, il muscolo cardiaco. Questa malattia si sviluppa a qualsiasi età e l’animale non mostra sempre sintomi evidenti all’inizio. Viene quindi rilevato utilizzando un ultrasuono. Il trattamento non cura, ma può rallentare l’evoluzione.
  • Calcoli urinari: sono molto dolorosi per il gatto e rischiano di raggiungere i reni o impedire all’animale di urinare. Possono rivelarsi mortali se non curati abbastanza rapidamente.
  • Malattia del rene policistico o PKD: compare quando l’animale ha un’età compresa tra i 3 ei 10 anni. Le cisti si sviluppano sui suoi reni e compromettono l’efficienza di questi organi. È una malattia irreversibile e mortale.
  • Emofilia di tipo B : è caratterizzata da emorragie sia spontanee che conseguenti a una piccola lesione, ma di durata abnormemente prolungata.

Una visita annuale dal veterinario è fondamentale per assicurare al tuo gatto una vita lunga e armoniosa e per prendersi cura il prima possibile di eventuali problemi che potrebbero insorgere. Inoltre, è importante notare qualsiasi cambiamento di comportamento, apatia, vomito o cambiamento improvviso del contenuto della lettiera, questi sono indicatori di salute del tuo piccolo compagno.

Nutrire il British Shorthair

Il BSH è un gatto piuttosto avido. Sebbene sia naturalmente rotondo, non dovrebbe ingrassare. Deve quindi consumare crocchette senza carboidrati in eccesso. Per scegliere bene, evita i prodotti del supermercato, troppo ricchi di carboidrati, cereali e sottoprodotti di origine animale e troppo poveri di buoni prodotti animali. Invece, opta per crocchette di qualità premium ben scelte, accompagnate da paté di buona qualità per garantire un’idratazione aggiuntiva. Le crocchette, infatti, sono naturalmente asciutte. L’integrazione con cibo umido aiuta a preservare il sistema urinario e i reni.

Per la sua indispensabile idratazione, se non ha una fontanella, ricordati di cambiare ogni giorno la sua ciotola di acqua fresca.

Puoi anche dargli da mangiare crudo, una dieta naturale, ma dovrai allenarti sulle sue esigenze alimentari in modo che non soffra di alcuna carenza.

Infine, sappi che esiste anche quella che viene chiamata la razione domestica. Anch’esso deve rispettare rigorosamente le esigenze fisiologiche del tuo gatto ed essere preparato su consiglio di un nutrizionista veterinario. Leggi gli 8 errori da non commettere in questo caso.

Prezzo British Shorthair

Un gattino British Shorhair costa mediamente tra i 1.200 e i 1.600 euro o anche di più quando viene venduto per allevamento o per partecipare a mostre feline, senza che i risultati siano garantiti. A seconda del sesso, del vestito, del lignaggio, alcuni possono essere venduti a 1800 euro e oltre, proprio come intorno ai 700 euro.

Il prezzo risulta essere alto perché il gattino venduto non è solo la conseguenza del matrimonio tra un maschio e una femmina. È il risultato di un lavoro di selezione nei pedigree, nonché di numerosi controlli veterinari e test sanitari prima, durante e dopo la gestazione. Inoltre, quando l’allevatore è serio, possiede l’ACACED, un diploma che ti assicura che conosce il suo lavoro e tutte le regole di igiene, monitoraggio, mantenimento di allevatori e gattini.

Un British Shorthair può tuttavia essere adottato da adulto a un prezzo inferiore. Capita infatti di trovarsi in rifugio o in allevamento, quando l’allevamento mette in pensione uno dei suoi riproduttori per una lunga vita di lettino.

Continua a leggere:  le piace davvero? È così che rendi piacevoli le offerte di coccole! (1) | Pet Yolo

I British Shorthair delle celebrità

L’attrice britannica Sadie Frost, che recita in particolare in “Shopping” di Paul WS Anderson con Jude Law, con cui ha avuto 3 figli, è l’orgogliosa proprietaria di un British Shorthair.

Allo stesso modo, il cantante Sam Smith, che è salito alla ribalta durante il duetto “La la la” con Naughty Boy, condivide su Twitter le foto del suo gatto Henry, un BSH blu.

Infine, Stefano Gabbana, lo stilista italiano e co-fondatore del marchio Dolce & Gabbana, ha adottato Prince, BSH blu. Il couturier lo ha presentato nel 2019 su Instagram.

Aneddoti sul British Shorthair

Il famoso gatto con gli stivali, proprio come lo Stregatto diAlice nel paese delle meraviglieappartiene alla razza British Shorthair!

Un altro famoso britannico, il gatto Coby, è seguito da 1,9 milioni di follower su Instagram. Deve il suo successo al suo senso della moda (indossa sciarpe, cappelli e altri accessori, ma anche maglioni, abiti, ecc.) e ai suoi magnifici occhi azzurri.

I nostri consigli per scegliere il giusto British Shorthair

E’ importante poterci recare per visitare la fattoria. Infatti un acquisto per capriccio in un salotto o una foto su internet non garantisce nulla sulle condizioni di igiene, socializzazione e riproduzione in cui evolve il gattino. Ma scegliere l’allevatore giusto aumenta le possibilità di adottare un gatto in buone condizioni fisiche e mentali, mantenuto, sverminato, curato.

Quindi ecco alcuni suggerimenti:

  • Visita la fattoria per assicurarti che l’ambiente sia pulito e che i genitori siano equilibrati. Allevatori e gattini non dovrebbero vivere rinchiusi in gabbie, ma essere trattati come membri della famiglia, con interazioni sociali che li arricchiscano e li preparino alla loro vita futura.
  • Prima di firmare qualsiasi cosa e pagare, controlla che il gattino sia registrato con LOOF. Il numero fornito dal professionista deve corrispondere alla realtà sul sito LOOF. Non è solo un pezzo di carta, è garanzia di serietà e rispetto della legge.
  • Chiedete quali test sono stati effettuati sugli allevatori e pretendete i risultati scritti (malattie genetiche, malattie virali come Fiv e FeLV…).

Come distinguere un British Shorthair blu da un Chartreux

Si possono facilmente confondere le 2 razze in quanto hanno punti in comune, soprattutto perché c’è stato un tempo in cui il matrimonio è stato accettato tra i 2. Entrambi sembrano orsacchiotti. Tuttavia, le sottigliezze li differenziano.

  • La coda: nel certosino è spessa alla base e si assottiglia gradualmente verso l’estremità, mentre nel britannico è sempre dello stesso spessore.
  • La forma della testa: si dice che sia a trapezio rovesciato sul certosino mentre è più rotonda sul britannico.
  • Le orecchie: alla base sono più strette sui Certosini e poste sulla sommità della testa, mentre sui Britannici sono più larghe alla base e più distanziate.
  • Il naso: è corto sul britannico e può presentare uno stop (un break), cosa che non accade sul certosino.

Adottare un British Shorthair significa portare in casa un compagno intriso di serenità e dolcezza. Sta rallentando il suo ritmo a volte frenetico grazie a un esserino dagli occhi rotondi e curiosi che ti ricorderà che anche la quotidianità bisogna saperla apprezzare.

Author

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *