Quali insetti sono pericolosi per il mio cane?

insectes dangereux chien 162941 1200 738

Le passeggiate, come in generale tutti i momenti trascorsi all’aria aperta, sono tra le più piacevoli per i nostri cani. Ma l’esterno nasconde alcuni pericoli, soprattutto a causa di alcuni insetti. Vediamo su quali dovrebbero attirare la nostra vigilanza limitare il rischio di problemi di salute.

Bruchi processionari

Sono uno degli insetti più temuti dai proprietari di cani. I bruchi della processionaria sono i figli di una falena che depone le uova in autunno su alcuni alberi. Queste uova sono protette da un grande e caratteristico bozzolo bianco, che si può osservare da lontano.

In Europa, questi sono i bruchi della processionaria del pino e i bruchi della processionaria della quercia che possiamo incontrare più frequentemente. Quelli della quercia generalmente non scendono dall’albero durante il loro ciclo vitale (salvo rari casi di caduta), il che li rende meno pericolosi. Quelli di pino, invece, completano il loro sviluppo discendendo dagli alberi su cui sono stati posati (generalmente conifere). Devono infatti trovare un posto dove seppellirsi direttamente nel terreno, prima di poter diventare farfalla. Per fare questo, si muovono in lunghe file indiane composte da dozzine di bruchi, che strisciano uno dietro l’altro. Questa modalità di viaggio, che ricorda una processione, è all’origine del loro nome vernacolare.

Questi bruchi misurano circa 4 cm di lunghezza e hanno un colore bruno-verdastro. Soprattutto, lo hanno fatto peli bianchi urticanti, contenenti tossine. È al contatto con questi peli che i nostri cani possono sviluppare violente reazioni allergiche, i cui sintomi compaiono rapidamente. Dipenderanno dall’area interessata:

  • arrossamento;
  • prurito che l’animale cerca di alleviare grattandosi con le zampe o mordendosi (cosa che purtroppo contribuirà a diffondere le tossine);
  • rigonfiamento;
  • salivazione significativa;
  • cambiamento di colore delle mucose;
  • congiuntivite, difficoltà ad aprire gli occhi;
  • difficoltà respiratorie.

I casi più gravi possono portare alla necrosi dei tessuti che richiedono l’amputazione. In caso di allergia significativa può verificarsi angioedema (cioè gonfiore della testa e del collo) o shock anafilattico. Chiaro, Si tratta di un caso di emergenza per l’animale, che può essere pericoloso per la vita.. Se avverti sintomi, contatta immediatamente il veterinario.

IL contatto con un bruco processionaria può essere effettuato sul viso (naso, labbra, lingua o anche occhi), ad esempio nel caso in cui il cane abbia tentato di portare alla bocca un insetto. Il contatto è possibile anche a livello della zampa. Ma il bruco della processionaria ha, allo stesso tempo, la possibilità di espellere le sue sete volatili quando percepisce una minaccia, il che significa che il contatto non è nemmeno necessario: basta la vicinanza perché il cane venga toccato. Tieni presente che anche se l’insetto è morto (ad esempio schiacciato sulla strada), i suoi peli rimangono pericolosi.

Per la prevenzione, prestare molta attenzione quando si cammina durante il periodo a rischio. Ciò si estende dalla fine dell’inverno intorno a febbraio (nelle regioni miti) fino all’inizio della primavera intorno a marzo-aprile (nelle regioni più fresche). Con i cambiamenti climatici si possono osservare i bruchi della processionaria anche alla fine di dicembre, quando l’inverno non è rigido. Un tempo confinati nel sud della Francia (bacino del Mediterraneo e costa atlantica), sono oggi presenti in un numero sempre maggiore di regioni.

In questo periodo, evitare le passeggiate in luoghi con molti pini. E se hai notato la presenza di bruchi processionari nel tuo giardino (soprattutto dei nidi), installa rapidamente delle trappole per catturarli mentre scendono dagli alberi.

Zanzare

Se le zanzare sono insopportabili per gli esseri umani, possono esserlo anche per i cani. Questi piccoli insetti volanti sono molto comuni dalla primavera all’autunno nel nostro territorio. In Francia incontriamo soprattutto la zanzara comune e la sua cugina asiatica, la zanzara tigre. Le femmine si nutrono del sangue delle loro vittime pungendole. Le sostanze contenute nella loro saliva sono anestetiche e anticoagulanti. Sono loro che causano l’infiammazione (il brufolo) e il prurito spesso associato. Citiamo anche i flebotomi, questi piccoli insetti volanti simili ai moscerini e imparentati con le zanzare. Sono presenti principalmente nel sud della Francia, ma col tempo stanno ampliando il loro areale.

Nella migliore delle ipotesi, le punture di zanzara causeranno disagio e prurito all’animale, che si attenueranno nel tempo. Ma Le zanzare possono anche essere portatrici di malattie, causate dalla trasmissione di un virus o di un batterio durante la puntura.

  1. Leishmaniosi. È una malattia parassitaria che infetta alcune cellule del corpo del cane. I sintomi possono essere diversi: depressione, perdita di peso talvolta significativa, lesioni cutanee, sangue dal naso, ecc. È una malattia diffusa soprattutto nell’area mediterranea, ma tende a colonizzare anche altre parti del territorio.
  2. Dirofilariosi cardiopolmonare o filariosi cardiopolmonare. È causata da vermi parassiti, che causano inizialmente difficoltà respiratorie, affaticamento e perdita di appetito. Quindi influenzano il corretto funzionamento del cuore e creano insufficienza cardiaca, che alla fine può essere fatale per il cane.

Per prevenire le punture di zanzara è possibile utilizzare insetticidi sotto forma di collari o spray. Non esitate a chiedere consiglio al vostro veterinario.

Se noti che il tuo cane mostra alcuni dei sintomi sopra menzionati in seguito a una puntura di zanzara, consulta rapidamente un veterinario. Sono disponibili trattamenti per queste condizioni. Esiste anche un vaccino contro la leishmaniosi, soprattutto per i cani che vivono nelle zone più a rischio.

Api, vespe o calabroni

Sono insetti volanti molto comuni, nei quali possiamo facilmente imbatterci, soprattutto in estate. Come gli esseri umani, anche i cani possono purtroppo essere vittime dei loro morsi. Nei casi meno gravi possono essere semplicemente dolorosi per l’animale e creare infiammazioni moderate e localizzate, che si attenuano nel tempo.

Tuttavia, alcuni cani possono anche scatenare reazioni allergiche che causano complicazionisoprattutto in caso di punture al muso o alla gola: febbre, difficoltà respiratorie, gonfiore delle mucose, ecc.

Se il tuo cane è stato punto, prova a rimuovere il pungiglione se vedi che è ancora presente e disinfetta accuratamente la ferita. Se compaiono i sintomi, contatta rapidamente il tuo veterinario: anche questa potrebbe essere un’emergenza pericolosa per la vita.

Parassiti comuni

Questi sono pulci, zecche o addirittura pulci (attenzione però che questi ultimi non sono insetti, ma acari). Questi piccoli parassiti, spesso difficili da individuare, sono comuni ed è quasi inevitabile incontrarli un giorno quando si convive con un animale domestico. Le loro punture o morsi causano prurito, ma possono anche farlo causare reazioni allergiche in alcuni cani. Svilupperanno quindi diversi sintomi: arrossamento, prurito o persino infezioni della pelle.

Proprio come la zanzara, Questi parassiti possono essere soprattutto vettori di malattie molto più gravicome la piroplasmosi, la borreliosi di Lyme o l’ehrlichiosi canina. Alcune di queste malattie possono essere trasmesse anche all’uomo : questo è ciò che chiamiamo zoonosi.

Prevenzione, tratta regolarmente il tuo cane contro tutti i parassiti. Esistono diversi prodotti che variano a seconda del loro confezionamento (collane, pipette per svuotare alla base del collo, spray, ecc.). Al ritorno dalle passeggiate, ispeziona il pelo del tuo animale domestico per eventuali tracce di parassiti. Rimuovere immediatamente eventuali zecche con una pinzetta idonea (per non rischiare di staccarsi dalla testa), quindi disinfettare la zona e osservare la comparsa di arrossamenti nei giorni successivi. Esistono anche vaccini contro la piroplasmosi e la borreliosi.

Di Marion Mesbah – Pubblicato il 16/05/2024

Author

Continua a leggere:  Polacco Brachet: carattere, educazione, salute, prezzo | Pet Yolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *