Il mio cane ha il congelamento: come lo tratto?

chien angelures 055008 650 400

Per quanto sia spessa la pelliccia del tuo cane, i cani sono sensibili al freddo quanto noi. In inverno, la neve e le basse temperature possono causare il congelamento. Se pensiamo prima ai loro cuscinetti, sappi che diverse aree del corpo del tuo compagno canino possono essere colpite. Orecchie, coda, dita possono risentire di una prolungata permanenza nella neve o al freddo. Se il tuo cane ha il congelamento, ecco come alleviarlo.

Come trattare un cane che soffre di congelamento?

Quando l’animale si muove sulla neve o sul ghiaccio in inverno, o quando rimane fuori troppo a lungo senza muoversi, il tuo cane può sviluppare il congelamento. Se noti che le sue orecchie, la coda o i cuscinetti sembrano infiammati e cambiano colore, potrebbe soffrire di crepe da freddo. L’area interessata può assumere una colorazione bianca, grigia o rossa. È importante agire rapidamente per riavviare la circolazione sanguigna nelle zone colpite.

Le fasi della cura

Quando torni da una bella passeggiata sulla neve, controlla i cuscinetti, le orecchie e la coda. In caso di dubbio, o se l’esposizione al freddo intenso è stata troppo lunga, ecco come trattare il congelamento del tuo cane:

  • Riscalda un asciugamano o una coperta. Mettilo su un termosifone o scaldalo con un asciugacapelli. Puoi anche bagnarlo con acqua tiepida.
  • Applicare delicatamente sulle parti del corpo interessate.
  • Asciuga anche la pelliccia del tuo animale domestico in modo che si riscaldi e ripristini la circolazione sanguigna in tutto il corpo.
  • Quando le zone interessate riacquistano colore, asciugare delicatamente senza strofinare.
  • Coprire con una benda pulita e asciutta.
  • Dopo 20 minuti, se lo scolorimento persiste o le estremità rimangono fredde, contatta il veterinario.

Doloroso, il congelamento può complicare la cura del tuo cane. Se è troppo difficile, consultare il proprio medico che applicherà i primi passaggi e potrebbe, a seconda della profondità del congelamento, eseguire la medicazione e prescrivere antibiotici.

Continua a leggere:  Suggerimenti per mantenere i cani freschi in estate | Pet Yolo

Se, nonostante le tue cure, le aree esposte rimangono pallide o si scuriscono, chiama il veterinario per un appuntamento di emergenza. Il congelamento si trasforma in congelamento che porta alla necrosi irrimediabile dei tessuti colpiti.

Come fare la medicazione dopo il congelamento?

Se il tuo cane si lascia andare, puoi applicare una benda per proteggere l’area interessata. Garza sterile, cotone idrofilo, cerotto, nastro per fare un bendaggio incrociato. Non mettere il cotone sul congelamento, ma copri con una striscia di garza sterile. Quindi aggiungere il cotone e circondare con il gesso. Fai attenzione a non stringere, perché la circolazione sanguigna deve tornare. Quindi aggiungi la benda che proteggerà il tutto. Puoi proteggere questa medicazione con uno stivale quando i cuscinetti sono interessati. Controlla ogni giorno la presenza di congelamento. Se non ti senti a tuo agio nell’effettuare questo trattamento, fissa un appuntamento con il tuo veterinario, eseguirà la medicazione e ti indicherà la procedura da seguire per favorire la guarigione del tuo cagnolino.

Cosa non fare quando il tuo cane ha il congelamento

Nel panico e nella fretta, probabilmente vorrai riscaldare troppo velocemente i cuscinetti o le estremità danneggiati. Soprattutto, non strofinare le zone interessate, lo sfregamento aggraverà i danni subiti. Inoltre, non applicare mai una fonte di calore diretta o asciugarlo con un asciugacapelli. Infine, non stringere l’asciugamano intorno alle zampe, alle orecchie o alla coda, rallenterai la circolazione sanguigna nelle parti del corpo già danneggiate dal freddo.

Congelamento o congelamento: quali sono le differenze e quali i rischi?

Molto spesso le crepe compaiono solo poche ore e talvolta diversi giorni dopo l’esposizione al freddo. Dovrai quindi rimanere attento al suo comportamento e controllare il colore dei cuscinetti e delle orecchie. Per la coda, come per le orecchie, possono comparire desquamazione e perdita di pelo. Il congelamento, molto più grave, provoca un progressivo intorpidimento della zona infetta, formicolio che incoraggerà il tuo cane a leccarsi freneticamente le zampe o la coda e grattarsi le zone interessate della sua anatomia. Oltre a un distinto scolorimento dei tessuti, il congelamento presenta:

  • Infiammazione dei tessuti;
  • Pelle fredda al tatto;
  • Segni di secchezza e desquamazione della pelle.

Stadio avanzato di congelamento, il congelamento può portare al deterioramento dei tessuti e alla morte. Se le estremità del tuo piccolo compagno diventano completamente insensibili, dovresti consultare immediatamente il tuo veterinario. Per prevenire l’aggravamento del congelamento in una lesione più grave, devi assolutamente trattare il tuo cagnolino ai primi segni.

Continua a leggere:  Polmonite nei cani: sintomi, cause, trattamenti e prevenzione

Proteggi il tuo cane dal congelamento, quali azioni mettere in atto?

Anche se il tuo cane ha il pelo molto folto, i cuscinetti, le zampe, le orecchie e la coda sono più esposti al freddo. La circolazione sanguigna circola meno attivamente nelle sue parti della loro anatomia, quindi bisogna rimanere vigili durante le uscite invernali. I nostri compagni canini che non hanno sottopelo saranno più sensibili agli effetti dannosi del gelo, anche se amano rotolarsi nella neve o cadere sul ghiaccio. Anche i cuccioli, i cani anziani o i cagnolini che soffrono di magrezza avranno più difficoltà a combattere il freddo e potrebbero soffrire più facilmente di congelamento.

Misure profilattiche per il benessere del tuo cane in inverno

In caso di freddo estremo, è meglio fare brevi passeggiate. Anche se il tuo cane ama la neve, evita di legarlo in giardino per lunghi periodi di tempo. Deve essere in grado di muoversi per riscaldarsi. Se lo spazio lo consente, offrigli una cuccia comoda e ben isolata anche quando appartiene a una razza di cani reputata solida e amante del freddo. Per prevenire il congelamento del tuo amico a quattro zampe, alcuni accorgimenti semplici e facili da applicare:

  • Cerca la presenza di zone irritate o molto fredde ogni volta che torni da una passeggiata;
  • Asciuga i cuscinetti, le zampe e la pelliccia del tuo cane;
  • Proteggi i suoi cuscinetti applicando un gel abbronzante o dotandolo di stivali adatti.

I prodotti per la rimozione della neve irritano i cuscinetti dei cagnolini e possono contribuire all’insorgere del congelamento. Se notate la presenza di sale durante la vostra passeggiata, al vostro ritorno pulite le zampe dei cagnolini con acqua tiepida e asciugatele. Attenzione in inverno, perché l’ingestione di sale stradale può essere fatale per i nostri piccoli compagni.

Alcune razze di cani sono più sensibili al freddo e all’umidità rispetto ad altre, chiedi al tuo veterinario quali accorgimenti adottare per proteggere il tuo amico canino. Infine, anche se il tuo cane ama il periodo invernale, assicurati che non abbia freddo.

Come fai a sapere se il tuo cane ha freddo?

Anche il più peloso dei nostri amici a quattro zampe può soffrire il freddo. Per evitare il congelamento e l’ipotermia, assicurati che non soffra il freddo durante la sua passeggiata o quando gli fai godere la neve e il giardino. Alcuni segni non ingannano:

Continua a leggere:  Informazioni e caratteristiche della razza canina Gerberian Shepsky | Pet Yolo

  • La sua coda rimane nella sua posizione normale e trema;
  • Il cane si rifiuta di sedersi fuori;
  • Mostra poca eccitazione per questa gita mentre quando il tempo è bello, è felicissimo;
  • Un cucciolo freddo può avere il singhiozzo.

Altri pericoli dell’inverno per il tuo cane

Se il freddo e l’assideramento rimangono i principali pericoli dell’inverno per il nostro cagnolino, altri possono giocare sulla sua salute. Un controllo veterinario prima dell’arrivo dell’inverno assicurerà che sia pronto ad affrontare il gelo. Non dimenticate di sverminarlo e fargli un trattamento antiparassitario anche in questa stagione. Se la zecca è meno attiva, è comunque pronta a succhiare il sangue dell’animale che incontra, anche in questo periodo dell’anno.

Adatta il suo cibo alle sue attività. Se il tuo animale esce raramente, non è necessario aumentare la sua razione giornaliera. Se invece passa lunghe ore a scorrazzare sulla neve, bisognerà aumentare il suo apporto proteico, perché brucerà più calorie per mantenere la temperatura. Quando il freddo è intenso e ti costringe a limitare il tempo in cui esci, il tuo cane potrebbe annoiarsi. Per compensare la temporanea mancanza di attività, stimolala a casa offrendo giochi e giocattoli che rafforzeranno anche la tua amicizia.

Sebbene la muta del tuo cane avvenga in autunno, spazzolare regolarmente il suo mantello rimuove squame e peli morti. Questa azione stimola la produzione di sebo, che protegge la pelle del tuo animale dal freddo.

Se il tuo cagnolino ha freddo, offrigli un cappotto isolante che lo protegga anche dall’umidità durante le sue passeggiate quotidiane. E, anche se è fatto per la neve e il freddo estremo, non lasciarlo appeso fuori per lunghe ore. Deve essere in grado di muoversi per riscaldarsi. Offrigli una nicchia isolata, aggiungi paglia o una coperta in modo che possa riposare al caldo.

Preparando il tuo cane per l’inizio del freddo e proteggendolo dal congelamento e dal freddo, non c’è dubbio che sarà felice di giocare con te sulla neve ogni inverno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *